Krešimir Ćosić, ricordo di un mito senza tempo

Krešimir Ćosić, ricordo di un mito senza tempo

Il fenomeno croato oggi avrebbe compiuto gli anni.

di Mitja Stefancic

Ai giovani appassionati di pallacanestro questo nome forse non rivelerà molto. Ma per chi seguiva il basket europeo in passato il suo nome è uno di quelli che non si scordano mai, rimanendo indelebili nella memoria: Krešimir Ćosić è una bandiera del basket dalmata, di quello dell’ex Yugoslavia, nonché del miglior basket europeo.

 

Ćosić è nato il 26 novembre del 1948 a Zagabria, ed è poi cresciuto nella città dalmata Zara (Zadar). Come è stato evidenziato sul sito dell’ABA League per celebrare tale ricorrenza, da giocatore Krešimir Ćosić è riuscito a conquistare prestigiose medaglie ai Giochi Olimpici (1980) nonché ai Mondiali (1970, 1978).

 

Nel corso degli anni Settanta è stato premiato in vari tornei europei (precisamente nel 1973, 1975 e 1977). Ha alzato al cielo varie coppe e trofei con i club in cui ha giocato, ma quelli che rimarranno indelebili sono le vittorie nei campionati jugoslavi conquistati con l’amata squadra di Zara nel 1965, 1967 e 1968. In Italia ha vestito la maglia della Virtus Bologna, con cui ha vinto gli scudetti 1978/79 e 1979/80.

 

Da allenatore è stato alla guida delle squadre di Spalato, della Virtus Bologna e dell’AEK Atene. Per un breve periodo è riuscito ad allenare anche la nazionale di basket della Yugoslavia, proprio qualche anno prima della guerra che ha portato al conflitto interno dei Paesi jugoslavi.

 

Krešimir Ćosić è morto all’età di 46 anni. A lui è intitolato il nuovo avveniristico palasport di Zara – città sul mare che secondo molti “ha inventato il basket europeo” ed in cui la palla a spicchi ha sempre prevalso su qualsiasi altro sport per l’importanza attribuitale.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy