La corsa della Montepaschi è inarrestabile, Caja travolto al Palaestra

0

Montepaschi Siena – Caja Laboral Vitoria 85-74 (22-23; 35-37; 61-50)

 

 

Una vittoria di grande prestigio quella della Montepaschi, che sul proprio parquet si impone con uno strepitoso secondo tempo, dominato su entrambi i lati del campo. Il primo tempo di Brown, il terzo quarto di Moss (9pt 3/3 da 3pt) ed il killer instinct di Hackett (10 punti 4to) nelle fasi finali sugellano la sontuosa prova di Janning, mvp dell’incontro con 16 punti, un solo errore al tiro ed un’ottima difesa su San Emeterio, con due palle recuperate. Per il Caja, ottime le prestazioni di Lampe e Bjelica (rispettivamente 17 e 15 punti), che hanno fatto ammattire i lunghi senesi, mentre è da ricercare come uno dei principali motivi della debacle in terra toscana il 4/16 da tre punti (contro il 15/26, 58% della Montepaschi). Siena rimane quindi in seconda posizione, a pari punti con i primi in classifica del Barcelona.

 

a

Prepartita

 

Siena finalmente al completo, dopo le tante vicissitudini di questi mesi. Ress e Carraretto saranno della partita. Il Capitano sarà utilizzato solo in caso di estrema necessità, minuti importanti invece per Ress, ancora con la fasciatura al polpaccio ma in netta ripresa. Nessun problema invece in casa Vitoria, al completo in tutti gli effettivi. Festa grande al Palaestra per la Coppa Italia alzata da Carraretto e per il premio di Mvp di Gennaio conferito dall’Eurolega a Bobby Brown.

 

 

Quintetto iniziale Siena: Brown Janning Moss Kangur Eze

Quintetto iniziale Vitoria: Heurtel San Emeterio Bjelica Nocioni Lampe  

 

Cronaca

 

aa

I primi minuti dell’incontro si giocano subito ad un ritmo elevatissimo, che non da respiro alle difese, prese il più delle volte in controtempo dalle giocate di Brown (8pt) e Janning (5pt) per i bianco verdi, e di Lampe dal post basso (3 facili appoggi) per il Vitoria, già 16-12 al 5’.

 

Le difficoltà della Montepaschi nel contendere i palloni che arrivano sotto il proprio ferro e le penetrazioni di San Emeterio convincono sempre di più i giocatori spagnoli a cercar fortuna nel pitturato piuttosto che ad accontentarsi di conclusioni da fuori. La tattica è vincente, il Caja riesce, azione dopo azione, a ricucire lo svantaggio ed a riportarsi in parità sul 20-20 a 1’ minuto dalla fine di un primo quarto, che si chiude con il vantaggio spagnolo sulla sirena dopo l’ennesima forzatura al tiro di Brown (22-23).

 

La seconda frazione di gioco scorre senza grandi variazioni nello script delineato dal primo quarto. Il sostanziale equilibrio tra le due formazioni è comprovato dalla ritrovata efficacia difensiva di entrambe le squadre, al tv timeout del 15’ il Vitoria è sempre avanti 31-34, come sempre grazie alla tremenda produzione offensiva sotto canestro.

 

Le difficoltà in attacco della Montepaschi sono evidenti, i tiri sono per lo più corti o presi con l’uomo addosso, la circolazione di palla è lenta: in più la serata storta al tiro (per il momento) di Sanikidze e Moss di fatto cristallizzano Siena a 33 per più di 3’, sbloccando i propri tabellini solo nel minuto finale con una liberatoria schiacciata di Eze, che sarà anche l’ultimo canestro del primo tempo, che si chiude con gli ospiti in vantaggio 35-37, top scorer San Emeterio con 9 punti.

 

aLa seconda frazione di gioco nei primi minuti è uno shock per gli ospiti, che si vedono sovrastati dalla fisicità dei lunghi senesi, i quali oltre a difendere non concedono più un rimbalzo offensivo. Di fatto in 5’ il Vitoria trova solo 4 punti, e subisce un tremendo parziale di 13 punti subiti, Brown Janning e Moss sugli scudi, che proietta la Montepaschi avanti 48-41.

 

Lo spaventoso show in attacco di Siena prosegue anche nella seconda metà del periodo. Gli spagnoli cadono sotto una pioggia di triple, i bianco verdi giocano in totale fiducia spinti dal un tifo assordante, e risultato non può che essere il massimo vantaggio (61-46) a 2’ dall’ultima pausa dell’incontro. Un piccolo contro parziale di 4-0 in favore del Caja (con una schiacciata da highlights per Bjelica) riporta a -11 gli ospiti al 30’ (61-50), ma la strada per la rimonta è dura.

 

Siamo nel quarto periodo, ed ovviamente entriamo in quello che è ormai diventato il territorio di caccia preferito di Hackett. Sono suoi i 5 punti, in rapida sequenza, che permettono l’allungo sul 71-54, coadiuvato dalla bomba del neo entrato sul parquet Ress.

 

E’ di fatto l’allungo decisivo per le sorti del match. Siena alza il livello della propria difesa, amministra i possessi in attacco facendo scorrere più secondi possibili, e, pur tentando qualche conclusione di troppodalla lunga distanza, a differenza del primo tempo i tiri entrano con percentuali ben diverse. Solo nell’ultimo minuto qualche distrazione di troppo permette agli ospiti di segnare canestri che potrebbero essere utili in funzione della gara di ritorno, ma il risultato dell’incontro non è mai in discussione, e al 40′ il tabellone luminoso sancisce la meritata vittoria della Montepaschi per 85-74.

 

 

MVP Janning 16 punti 4 assist 2 recuperi 20 valutazione

 

Tabellini

Siena: Brown 18, Eze 10, Carraretto, Rasic 5, Kangur 8, Sanikidze, Ress 3, Ortner, Lechthaler, Janning 16, Hackett 16, Moss 9.

Vitoria: Cook 3, Nocioni 10, Bjelica 4, Cabezas, San Emeterio 9, Pleiss 6, Heurtel 6, Lampe 17, Bjelica 15, Causer 4.

Arbitri: Rocha, Latisevs, Bissang

Spettatori: 4315

REPORTAGE FOTOGRAFICO DELL’INCONTRO (a cura di FRANCESCO GIACCHINI)