L’Anadolu fa fuori il Fenerbahce e vola alle semifinali

Nella sfida tra le due capolista del campionato turco, ha la meglio la formazione allenata da Perasovic che elimina dalla coppa i rivali cittadini qualificandosi così alle semifinali dove incontrerà il Pinar.

di Marco Novello

All’Ankara Spor Salonu sono andati in scena i primi due quarti di finale, in cui spiccava indubbiamente il match tra le due regine del campionato turco Anadolu Efes e Fenerbahce Istanbul. Ad avere la meglio sono stati i ragazzi di Perasovic con un terzo quarto da favola conclusosi con un parziale mortifero di 20-11 che ha pesato nell’economia di una partita giocata per più di 20 minuti punto a punto.

Partita che era iniziata in sostanziale equilibrio, ma con entrambe le contendenti che avevano, nei primi minuti, le polveri bagnate. 4-4 dopo tre minuti di gioco, 6-8 a metà frazione che dimostrava come le difese avessero la meglio sugli attacchi. Il massimo vantaggio per il team guidato da Obradovic porta la firma di Vesely per il 6-10 a cui i biancoblù rispondevano con un parziale di 6-2 portandosi per la prima volta in vantaggio sul 12-10 con tre minuti ancora da giocare sul cronometro. Datome guidava il contro parziale del Fener scrivendo sul tabellone luminoso il 13-15 dei suoi all’ottavo di gioco. Il primo quarto di gioco si sarebbe poi concluso da lì a poco sul punteggio di 17-19 per l’Ulker.

Nella seconda frazione continua a perdurare la situazione di equilibrio, con il nostro “G-Gigante” a bucare la retina dalla lunga per il nuovo massimo vantaggio Fenerbahce (17-22), a cui Kirk rispondeva con un clamoroso poster su Udoh aggiornando il punteggio sul 21-24. Gap di tre punti che rimaneva stabile fino al settimo di gioco quando l’Anadolu con un 4-0 di parziale si riportava avanti sul 33-32. Udoh dalla lunetta ristabiliva la parità e dava il largo alla risposta dei suoi che riportava i ragazzi di Obradovic avanti sul 35-39, grazie alla tripla di Nunnally, a pochi minuti dalla sirena dell’intervallo. L’Efes però riusciva a trovare le forze per concludere la frazione in parità a quota 39 grazie ai punti di Huertel.

E’ il terzo periodo però a fare la differenza; la squadra di Perasovic aumenta i giri del motore e scappa subito sul 48-41 grazie al parziale di 9-2 firmato da Dunston e Granger. L’Ulker prova ad abbozzare una risposta con Bobby Dixon tornando a due possessi pieni di svantaggio sul 50-44, ma l’Anadolu è come un uragano e con due triple consecutive di Osman pesca il primo vantaggio in doppia cifra sul 57-44. Udoh e Vesely riducono lo svantaggio alla singola cifra (59-50), ma la sensazione alla fine del terzo periodo è che i buoi siano scappati ormai dalla stalla e che per i gialloblù ci sia poco da fare ormai.

Quarto ed ultimo quarto in cui la banda Obradovic prova a scuotersi con un mini break di 5-0, con Nunnally che trova la bomba del -4; ma è solo un’illusione perché in men che non si dica l’Efes ristabilisce un margine rassicurante con un parziale di 7-2 per il nuovo 66-57 a 6’21” dalla sirena di fine contesa. Honeycutt riporta i suoi sul +12, Nunnally, con 2/2 dalla lunetta, Sloukas e Datome sono gli ultimi però ad alzare bandiera bianca riportando il Fener di nuovo a due possessi di distanza sul 72-66. La tripla del 75-66 è quella che spezza definitivamente le redini a Datome&soci che strenuamente provano a tenere accese flebili speranze di riaprire il match con Sloukas e Bodganovic, ma il cinismo della squadra di Perasovic viene fuori negli ultimi possessi. Le mani dei biancoblù non tremano dalla lunetta trovando i punti che fissano il risultato sull’82-74 con cui si concluderà poi il match. Per il nostro Datome buona partita conclusasi con 11 punti e 3 rimbalzi.

MVP dell’incontro Thomas Huertel che partendo dalla panchina porta a referto 18 punti a cui aggiunge 6 assistenze per i compagni.

Nell’altro quarto di finale si fronteggiavano Yesilgiresun e Pinar Karsiyaka. Match impari che ha visto il Pinar prendere il comando del gioco fin dal primo quarto con un parziale monstre di 30-19. Vantaggio che rimane costantemente in doppia cifra e rimpolpato nel secondo periodo terminato sul 31-48 per la squadra allenata da Markovic. I biancoverdi di Giresun provano il tutto per tutto con un ultimo quarto in cui gettano il cuore oltre l’ostacolo, ma ormai è troppo tardi ed il match finirà sul 79-85 in favore dei rossoverdi nonostante un ultimo parziale da 33-23. In gran spolvero l’ex Varese e Venezia Mike Green, che chiuderà la partita con 26 punti con 6/11 dal campo a cui aggiungerà anche 5 assist, ma soprattutto Covan Brown che aggiungerà 21 punti ed uno straordinario 100% finale con 5/5 da tre punti. Tra le fila della squadra di Kandemir a nulla son valse le performance del duo Ledo-Gill II che contribuiscono con 39 punti alla causa dei biancoverdi, ma non basta per evitare l’eliminazione.

YesilgiresunPinar Karsiyaka 79-85

Yesilgiresun: Ledo 21, Gill II 18
Pinar Karsiyaka: Green 26, Brown 21

Anadolu EfesFenerbahce Ulker 82-74

Anadolu Efes: Huertel 18+6 assist, Dunston 12+9 rimbalzi
Fenerbahce Ulker: Udoh 14+8 rimbalzi, Bogdanovic 12+8 assist, Datome 11

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy