Liga ACB, 15° giornata: Poeta trascina il Laboral alla vittoria, bene Real e Barca. Unicaja a valanga.

0

D’ora in avanti, fino a maggio, la Liga ACB sarà un pò più italiana, e sicuramente sarà motivo di maggior interesse per tutti noi appassionati della palla a spicchi. Infatti in settimana Peppe Poeta ha firmato un contratto che lo legherà al Laboral Kutxa fino al termine della stagione, e nella giornata di ieri il play azzurro ha fatto il suo esordio nella Liga, e che esordio. All’ex “virtussino”, entrato in una partita tiratissima che vedeva sfidarsi il Gipuzkoa e il Laboral e decisasi solamente nei minuti finali, sono state affidate le chiavi dell’attacco del Baskonia, e lui ne ha fatto buon uso, spalancando le porte della vittoria alla squadra di Scariolo. Poeta ha piazzato 13 dei suoi 14 punti finali nel solo quarto periodo, tirando con un sontuoso 2/3 da 2 e 3/3 dall’arco, risolvendo così una partita che ha visto il Laboral inseguire per tutto il primo tempo e completare la rimonta nei 10′ minuti finali (54-52 al 30′). Il Laboral così, anche grazie al contributo di un ottimo Andrès Nocioni autore di 18 punti, alla fine è riuscito ad imporsi per 76-78, mantenendo aperte le speranze di poter giocare la Copa del Ray.

Per quanto riguarda invece le zone alte della classifica il 15° turno della Liga non ha riservato particolari sorprese, ad eccezione della roboante sconfitta interna subita dall’Herbalife Gran Canaria per mano di una rinata La Bruixa d’Or (70-85 il punteggio finale). Infatti hanno centrato la vittoria sia Real Madrid, Valencia e Barcellona, così come l’Unicaja che ha travolto per 112-58 il fanalino di coda del Valladolid.

Il Real battendo Fuenlabrada ha centrato la 15° vittoria consecutiva in campionato, eguagliando il suo stesso record risalente alla stagione sportiva 87-88′. La partita si è risolta nel secondo tempo, quando i padroni di casa hanno spezzato una partita che tutto sommato all’intervallo vedeva ancora in corsa Fuenlabrada, anche se le speranze di violare il parquet del Palacio de Deportes per la squadra di Matteo erano minime (51-42 al 20′). In avvio di terzo quarto il Real decide di chiudere la pratica: ispirati da un ottimo Nikola Mirotic (23), in grado di riscattare la prova opaca offerta in settimana contro il Galatasaray e autore di 23 punti, i Blancos piazzano un parziale di 21-6 che spezza le gambe agli ospiti, chiudendo il periodo con un rassicurante +24 (72-48 al 30′). Gli ultimi 10′ minuti di gioco così non hanno nulla da dare alla partita, e servono solamente a fissare il punteggio finale sul 96-81 in favore del Real.

Come al solito non ha sofferto neanche Valencia per battere Tenerife: la partita era già ampiamente risolta all’intervallo (21-11 al 10′ e 51-29 al 20′), con gli ospiti che di fatto non hanno neanche provato a portare al casa la vittoria, uscendo sconfitti dalla Fonteta con il punteggio di 92-67. Valencia ha potuto contare sulle ottima prove di squadra, mandando 5 uomini in doppia cifra, fra i quali si sono distinti Rafa Martinez e Dubljevic autori entrambi di 15 punti, mentre nelle file di Tenerife l’unico a salvarsi è stato Sekulic (11). Questa partita, che dal punto di vista del risultato è stata scontata, sarà però ricordata poichè i giocatori di Perasovic sono stati in grado di mettere a segno un record assoluto nella storia del Valencia Basket: con il parziale di 18-0 fatto segnare a cavallo dei due quarti iniziali Valencia ha fatto registrare il più altro parziale di sempre messo a segno nella sua storia in una singola partita.

Ha vinto senza patemi anche il Barcellona, che ha sconfitto con il punteggio di 96-63 l’UCAM Murcia. La partita non era di certo di quelle proibitive per la squadra di Xavi Pasqual, però il fatto che la vittoria sia arrivata con un punteggio così netto in una partita in cui non c’era a disposizione Navarro sicuramente può lasciar ancor più soddisfatti i blaugrana, protagonisti sin qui di una stagione non certo brillantissima. Il Barca, così come ha fatto Valencia, ha risolta la partita nei due quarti iniziali, chiudendo il primo periodo sul 22-15 ed ammazzando la partita nel secondo quarto (48-33 al 20′). Pasqual ha dato ampio spazio a tutti i suoi giocatori, ed ha potuto contare sull’ottima prova di Alex Abrines (17), spalleggiato da Tomic (17) e Pullen, autore di 18 punti e top scorer tra i suoi.

Per quanto riguarda gli altri risultati di giornata vanno segnalate le vittorie del Cajasol sul Rio Natura Monbus (81-70), quella di Badalona giunta con il punteggio di 80-70 ai danni di Bilbao e quella del CAI Zaragoza corsaro sul parquet dell’Estudiantes (62-89)

REAL MADRID 96-81 FUENLABRADA

Real Madrid: Draper (3), Mirotic (23), Darden (6), Llull (15) y Bourousis (8), Reyes (2), Rodríguez (17), Díez (14), Carroll (4), Slaughter, Mejri (4).
Baloncesto Fuenlabrada: Pérez (2), Panko (27), Vega (3), Diagne (6) y Feldeine (8), González (2), Montáñez (4), Cabezas (11), Mejeris (2), Vargas (5), Paunic (11).

VALENCIA 92-67 TENERIFE

Valencia Basket: Van Rossom (5), Rafa Martínez (15), Sato (8), Doellman (10), Triguero (2), Ribas (14), Dubljevic (15), Lafayette (7), Barton (14), Pablo Pérez (2), Tirado (-).
Iberostar Tenerife: Uriz (7), Blanco (5), Rost (7), Sikma (7), Sekulic (11), Gutiérrez (3), Richotti (8), Bivià (8), Chagoyen (6), Fajardo (5).

BARCELLNA 96-63 MURCIA

FC Barcelona: Huertas (4), Abrines (17), Papanikolau (4), Lorbek (13), Dorsey (7), Oleson (-), Tomic (17), Lampe (-), Pullen (18), Todorovic (9), Hezonja (7).
UCAM Murcia CB: San Miguel (2), Wood (9), Davis (5), Ben Romdhane (4), Orukpe (-), Lima (19), Tillie (13), Jordi Grimau (4), Sergio Sánchez (3), Berni Rodríguez (2), Servera (2).

GIPUZKOA 76-78 LABORAL

Gipuzkoa Basket: Neto (11), Salgado (2), Robinson (10), Ramsdell (11), Doblas (22), Winchester (11), Hanley (6), Cortaberria, Motos, Olaizola (3)
Laboral Kutxa: Heurtel (10), Causeur (9), San Emeterio (4), Nocioni (18), Pleiss (8), Mainoldi (6), Poeta (14), Hanga (3), Diop (6), Jelinek.

UNICAJA 112-58 VALLADOLID

Unicaja: Granger (10), Toolson (21), Kuzminskas (13), Vázquez (4), Hettsheimeir (11), Sabonis (4), Urtasun (8), Suárez (3), Calloway (8), Dragic (12), Caner-Medley (6), Stimac (12).
CB Valladolid: Haritopoulos (9), Cvetinovic (11), Suka-Umu (5), Sanders (7), Rowe (4), Izquierdo (-), Vilhjalmsson (5), Martínez (2), Sinanovic (8), Johnson (2), Andjusic (5).

HERBALIFE GRAN CANARIA 70-85 LA BRUIXA d’OR

Herbalife Gran Canaria: Bellas (14), Beirán (4), Newley (4), Tavares (9) y Báez (6), Oliver (7), O’Leary (8), Hansbrough (17), Martín (1).
La Bruixa d’Or: Hernández (10), Eriksson (13), Kouguere (6), Monroe (16), Arteaga (6), Waters (17), Asselin (2), Giannopoulos (9), Arco (6).

CAJASOL 80-71 RIO NATURA MONBUS

Cajasol: Satoransky (7), Sastre (17), Mata (5), Landry (21), Balvin (6), Bamforth (7), Porzingis (5), Burjanadze (-), Franch (-), Willy Hernangómez (12).
Rio Natura Monbus: Freire Luz (10), Scott (2), Dewar (15), Delas (4), Muscala (15), Pumprla (3), Oriol Junyent (11), Xanthopoulos (-), Corbacho (11), Minnerath (-).

BADALONA 80-70 BILBAO BASKET

FIATC Joventut: Vives (11), Savané (5), Caven (6), Shurna (18), Joseph (15), Kirksay (6), Llovet (2), Miralles (6), Ventura (2), Cochran (9).
Bilbao Basket: López (2), Hervelle (9), Mumbrú (7), Gabriel (5), Pilepic (7), Kavaliauskas (6), Bertrans (5), Markota (11), Samb (2), Vrkic (6), Grimau (10).

ESTUDIANTES 62-89 CAI ZARAGOZA

Tuenti Móvil Estudiantes: Colom (4), Miso (1), Rabaseda (0), Rubio (4) y Slokar (0), Guerra (0), Kuric (17), Vicedo (2), Banic (14), Ivanov (13), Jaime Fernández (4), Brizuela (3).
CAI Zaragoza: Llompart (6), Roll (13), Rudez (18), Sanikidze (6) y Shermadini (12), Tomás (13), Jones (4), A.Urtasun (2), Tabu (15), Fontet (0), Marín (0).

CLASSIFICA:

1) Real Madrid 30
2) Valencia 26
3) Unicaja 20
4) Barcellona 20
5) Herbalife 20
6) Tenerife 18
7) Gipuzkoa 16
8) Zaragoza 16
9) Badalona 16
10) Laboral 16
11) Cajasol 14
12) Bilbao 12
13) UCAM Murcia 10
14) La Bruixa d’Or 10
15) Rio Natura 8
16) Fuenlabrada 8
17) Estudiantes 6
18) Valladolid 4