LIGA ACB, 9° giornata: Real inarrestabile, Valenica al fotofinish. Barca in crisi profonda

0
en.wikipedia.org

 

Si è giocato questo fine settimana il nono turno della Liga Endesa, che si concluderà questa sera con il match tra l’UCAM Murcia e il Cajasol.
Il Real Madrid ha proseguito la sua marcia siglando il nono sigillo in campionato grazie alla vittoria sul parquet di Tenerife, mentre Valencia, nel primo dei due big match in promagramma, si è imposta di misura sul campo del Laboral. L’latro big match era la sfida tra Barcellona e Unicaja, che ha visto prevalere i ragazzi di Malaga, aprendo definitivamente la crisi dei Blaugrana.
Il Real ha dovuto soffrire più del previsto per avere la meglio sull’Iberostar Tenerife, in grado di restare in partita per ben tre quarti abbondandi. La partita per i primi tre periodi è stata equilbrata, con Tenerife spesso ad inseguire ma restando smepre a contatto, trovando anche il vantaggio in due occasioni. Dopo un terzo quarto concluso sul 54-57 in favore dei Blancos però la partita è cambiata. Il Real, grazie alla sua maggiore esperienza, è risucto a dare una svolta alla partita e guidato da Reyes ha piazzato un parziale di 0-9 al quale i padroni di casa non hanno più saputo reagire, arrendendosi così alla squadra di Laso con il punteggio di 74-85.
Valencia invece si è imposta con il punteggio di 78-79 sul campo del Laboral Kutxa, interrompendo così la striscia di successi della formaizone di Scariolo. Quella andata in scena a Vitoria è stata una partita molto intensa ed equilibrata, risoltasi solamente negli ultimi due secondi di gioco grazie ad un canestro di Dolleman. Dopo un primo tempo equilibrato (40-38 al 20′) i padroni di casa hanno provato a scappare nel corso del terzo quarto, ma Valenica grazie a Sato e San Emetrio ha risposto ad ogni affondata del Laboral. Tuttavia al suono della terza sirena il tabellone registrava un vantaggio di 5 punti per la formazione di Scariolo (64-59), duarto però solamente pochi minuti, poichè Valenica grazie a Rafa Martinez al 34′ si è nuovamente portata in vantaggio (66-67), per poi allungare fino al 68-73 del 37′. I padroni di casa però non si sono arresi e poco alla volta hanno ricucito lo strappo partandosi addirittura in vantaggio a due secondi dal termine della partita, grazie ai liberi realizzati da Mainoldi. A questo punto però dalla lavagnetta di Perasovic, costretto a chiamare time out per costruire l’ultimo attacco della partita, è uscita la giocata della serata. Un alley-oop disegnto alla perfezione per Dolleman è valso il canestro della vittoria, che ha consegnato così i due punti a Valencia.
Non si è ripresa invece Barcellona, sempre più in crisi dopo la socnfitta interna subita contro l’Unicaja. In avvio di prtita i padroni di casa sono pariti meglio, trovando subito un comodo vantaggio di 7-0 che però ha rappresentato semplicemente un illusione. Infatti Malaga nel giro di pochi minuti ha inizato a carburare, ricucendo lo strappo e chiudendo il primo quarto in svantggio solamente di tre lunghezze (20-17). Nel corso del secodno periodo la partita è cambiata: la squadra di Plaza ha provto a prendere il largo, scappando prima sul +6 (31-39) e poi sul +11 (32-43), finchè una timida reazione dei Blaugrana gli ha permesso di rientrare in partita ed andare all’intervallo sul 37-43. Il Barca poi sull’onda del finale del secondo perido nei primi minuti del terzo quarto è riuscita ad impattare la partita (47-47 al 25′) ma a questo punto Malaga, che non si è fatta sorprendere, è stata in grado di piazzare un parziale di 0-10 che le ha permesso di chiudere il quarto sul 47-57. L’Unicaja nel corso del quarto periodo ha provato a mantenre il vantaggio, riuscendoci fino al 34′ (57-67), quando Xavi Pasuqal ha provato a giocarsi l’ultima carta della difesa a zona, la quale effettivamente ha funzionato. Il Barca è riuscito a rimotare fino al meno 3 del 39′ (67-70), ma orami il tempo a disposzione era troppo poco per completare la rimonta. Così Malaga, con il gioco dei falli sistmeatci, ha fissato il punteggio su 67-74 finale, andando a prendersi il terzo posto in classifica.
Per quanto riguarda gli altri riultati di giornata vanno segnalati i successi interni di Zaragoza e Bilbao, e quelli esterni di Badalona, Gran Canria, tornata alla vittoria, e Gipuzkoa.

TENERIFE 74-85 REAL MADRID

Iberostar Tenerife: Bivia, Blanco (8), Rost (2), Sekulic (18), Sikma (18), Fajardo (1), Uriz (10), Richotti (17), Heras.
Real Madrid: Llull (5), Rudy Fernández (14), Darden, Mirotic (20), Mejri (2), Sergio Rodríguez (21), Reyes (15), Carroll (4), Slaughter (2), Draper (2).

LABORAL 78-79 VALANCIA

Laboral Kutxa: Heurtel (3), Jelinek (10) San Emeterio (7), Mainoldi (2), Pleiss (21), Hodge (4), Bjelica (6), Kelati (6), Hamilton (9), Hanga (10), Diop.
Valencia Basket: Van Rossom (2), Martínez (16), Sato, (13) Lishchuk (4), Doellman (12), Dubljevic (14), Lafayette (5), Ribas, (7).

BARCELLONA 67-74 UNICAJA

FC Barcelona: Huertas (2), Navarro (20), Nachbar (8), Papanikolau (10), Tomic (16), Sada (-), Abrines (2), Todorovic (-), Lampe (7), Dorsey (2), Lorbek (-).
Unicaja: Granger (8), Vidal (4), Suárez (3), Sabonis (3), Vázquez (10), Calloway (9), Kuzminskas (9), Urtasun (6), Caner-Medley (12), Stimac (10), Hettsheimeir (-).

ZARAGOZA 77-68 FUENLABRADA

CAI Zaragoza: Tabu (16), Roll (13), Pere Tomàs (10), Sanikidze (10), Shermadini (8), Jones (3), Rudez (-), Llompart (14), Marín (-), Fontet (3).
Fuenlabrada: Cabezas (-), Feldeine (16), Panko (21), Vega (-), Diagné (10), Dani Pérez (7), Montáñez (1), Arnold (4), Vargas (-), Paunic (9).

VALLADOLID 72-79 FIATC JOVENTUT

CB Valladolid: Rowe (9), Suka (8), Viney (2), Johnson (12), Haritopoulos (6), Andjusic (25), Vilhjamsson (4), Martínez (4), Sinanovic (2)
FIATC Joventut: Vives (13), Joseph (1), Kirksay (11), Shurna (22) y Sabane (6), Miralles (13), Cochran (-), Ventura (8), Llovet (2), Barrera (3).

BILBAO 72-55 ESTUDIANTES

Bilbao Basket: Raúl López (13), Pilepic (15), Mumbrú (10), Hervelle (7) y Gabriel (2), Bertans (3), Grimau (8), Markota (3), Kavaliauskas (8), Vrkic, Sergio Sánchez (3).
Tuenti Móvil Estudiantes: Colom (9), Kuric (2), Rabaseda (13), Ivanov (9) y Banic (8), Jaime Fernández (3), Miso (2), Rubio (4), Nogueira (7).

RIO NATURA MONBUS 77-83 HERBALIFE GRAN CANARIA

Rio Natura Monbus : Vasilis Xanthopoulos (2), Pavel Pumprla (11), Ben Dewar (2), Mario Delas (6), Mike Muscala (6), Durand Scott (-), Oriol Junyent (17), Alberto Corbacho (21), Nick Minnerath (9), Rafa Freire Luz (3).
Herbalife Gran Canaria : Tomás Bellas (18), Javi Beirán (4), Brad Newley (19), Eulis Báez (9), Samuel Tavares (6), Albert Oliver (16), Ben Hansbrough (6), Nacho Martín (5).

LA BRUIXA d’OR 72-84 GIPUZKOA

La Bruixa d’Or : Waters (9), Arco (5), Kouguere (7), Monroe (19), Larsen (2), Asselin (2), Eriksson (12), Hernández (4), Giannopoulos (12), Creus (-).
Gipuzkoa Basket: Salgado (15), Cortaberría (6), Ramsdell (7), Robinson (26), Doblas (6), Winchester (2), Olaizola (9), Neto (4), Hanley (9), Motos (-).

CLASSIFICA:

1) Real Madrid
2) Valencia
3) Unicaja
4) Gran Canaria
5) Barcellona
6) Zaragoza
7) Laboral Kutxa
8) Cajasol
9) Gipuzkoa
10) Badalona
11) Tenerife
12) Murcia
13) Bilbao
14) Monbus
15) Fuenlabrada
16) La Bruixa d’Or
17) Estudiantes
18) Valladolid

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here