ProA 26 ^ Giornata: Gravelines tenta la fuga, brutti K.O. per Chalon e Strasbourg.

0

PARIS-LEVALLOIS – NANCY 73-79 (16-20; 11-10; 22-25; 24-24)

Importantissimo successo per il Nancy che cerca di allontanarsi dalla zona calda della classifica, tramite una prova di forza e bel gioco per tutti e 40 i minuti di gara; primi due periodi nei quali la partita si mantiene in perfetta parità, si notano dalle rispettive formazioni i punti importanti per Hodge (Paris) e Toure (Nancy) i quali mandano le squadre negli spogliatoi sul punteggio di (27-30).

Nella ripresa la partita subisce un brusco cambio di passo, gli ospiti grazie alle triple di Diabatè e Shuler spezzano l’equilibrio e portano i propi colori sul (49-55) al 30’, inutili sono gli sforzi dei padroni di casa che tentano di recuperare il gap negli ultimi dieci minuti ma le svariate palle perse non favoriscono la rimonta ed il Nancy con la tripla di Somerville chiude completamente i giochi sul 73-79.

PARIS-LEVALLOIS: Williams 19, Hodge 19, May 14

NANCY: Toure 20, Shuler 17, Diabatè 13, Marquis 13

 

CHOLET – LE MANS 89-82 (25-14; 18-19; 22-25; 24-24)

Incontro emozionante tra queste due compagini che sulla carta avrebbe dovuto favorire gli ospiti, ma la grande giornata sotto canestra dello Cholet ha prevalso alla fine; primo periodo nel quale i padroni di casa gestiscono il match in totale tranquillità grazie al duo guardia-pivot formato da Coleman e Gobert  che fanno volare la loro squadra sul (25-14) al10’, nel secondo quarto si assiste dapprima ad uno show di Washington (Le Mans) il quale con 9 punti filati riporta i suoi a -1 (29-28) al 15’, ma le triple del pivot Goree riallontana gli ospiti dal comando del match, alla fine sel primo tempo si è sul punteggio di (43-33).

La ripresa delle ostilità coincide con il buon momento di forma della squadra di casa che continua a piazzare tiri da ogni zona del campo e fugge sul (51-39), tutto inutile però, infatti gli ospiti con un ottimo gioco di squadra riescono a riportarsi sul -7 (65-58) al 30’, gli ultimi 10 minuti di gara servono solo per arrotondare il punteggio in quanto le scorribande offensive del Le Mans vengono prontamente arrestate dagli avversari che possono portare a casa i due punti sul punteggio di 89-82

CHOLET: Coleman 21, Goree 19, Slaughter 17

LE MANS: Long 28, Washington 18, Batista 13

 

ORLEANS – POITIERS 73-67 (9-20; 20-23, 20-18; 24-6)

Punti buttati via dopo aver dominato l’incontro per 30 minuti, questa può essere la sintesi del match giocato al Palais de Sports di Orleàns dove i padroni di casa effettuano una rimonta assolutamente incredibile; primo quarto dominato in assoluto dagli ospiti che chiudono al decimo minuto sul punteggio di (9-20) grazie al lavoro sotto canestro di Grant, nel secondo periodo gli ospiti allungano ancora grazie alle triple di Kante e Dobbins (29-43) al 20’.

Il ritorno sul parquet dopo l’intervallo lungo vede un iniziale rimonta dell’Orleàns con un parziale di (10-0) subito ricacciati indietro dalle triple di Dobbins ed Harley al 30’ il tabellone segna (49-61), ormai i giochi sembrano fatti, ma un totale blackout nell’ultimo periodo, vede gli ospiti gettare al vento il vantaggio di 12 punti infatti i padroni di casa stringono le magli in difesa e nel contempo realizzano enormemente in fase offensiva tanto da riagganciare il Poitiers sul 65 pari, gli ospiti ormai stremati per la lunga contesa non riescono più a giocare e si vedono sorpassare definitivamente dagli avversari che chiudono l’incontro sul 73.67

ORLEANS: Greene 19, Hill 17, Hunter 13

POITIERS: Dobbins 12, Smith 11, Nivins 9, Grant 9

 

DIJON – LIMOGES 80-72 (17-20; 21-15; 19-17; 23-20)

Ancora una sconfitta per il Limoges che non riesce ad uscire dalla striscia negativa di sconfitte anche contro una diretta concorrente per i posti di bassa classifica, prima parte d’incontro in cui l’equilibrio si fa notare e al decimo minuto il risultato è di (17-20), nel secondo quarto salgono i cattedra anche i padroni di casa che grazie ai cesti di Harris raggiungono il vantaggio di (36-27) al 15’ subito però riacciuffati grazie alla tripla di McAlarney che manda i suoi nello spogliatoio sul (38-35).

Al rientro in campo il grande gioco sotto le plance targato Moss e Leloup fanno fuggire i padroni di casa, ma anche in questo caso la reazione è immediata ed i lunghi Plaisted e Brockman riavvicinano gli avversari sul (57-52) al 30’, l’ultimo periodo non fa registrare stravolgimenti di risultato, il Dijon continua a gestire il vantaggio e conquista una bella vittoria con il punteggio di 80-72

DIJON: Leloup 22, Moss 18, Harris 15

LIMOGES: Brockman 14, Gipson 13, Gomis 12

 

CHALON – NANTERRE 71-86 (26-30; 13-20; 15-19; 17-17)

Pessima prova quella messa in campo alla formazione di casa, che si fa nuovamente sfuggire la testa della classifica, ma i meriti vanno anche alla squadra ospite che ha fatto registrare una partita spettacolare con ottime percentuali al tiro (50% dai 6.75 metri); il primo periodo vede una pessima qualità difensiva da entrambe le parti che esalta e azioni in zona offensiva il punteggio si fissa sul (26-30), nel secondo quarto i padroni di casa continuano a difendere con sufficienza e gli ospiti ne approfittano, nel contempo chiudono gli spazi in difesa, e riescono a passare in vantaggio al ventesimo minuto sul punteggio di (39-50).

Al ritorno dagli spogliatoi le cose non cambiano, anzi il Nanterre continua a pressare e ad aumentare il proprio vantaggio (54-69) al 30’, ormai i giochi sono fatti e l’ultimo quarto di gara serve solo ad aggiornare i tabellini e le statistiche personali, l’incontro si chiude sul 71-86

CHALON: Schilb 17, Williams 11, Tchicamboud 11

NANTERRE: Meachan 22, Warren 15, Oliver 13

 

BOULAZAC – ROANNE 67-65 (13-25; 25-8; 19-18; 10-14)

Importantissima vittoria in chiave salvezza quella ottenuta dal Boulazac che dimostra ancora di credere nella salvezza grazie ad una prova di cuore e bel gioco; nel primo periodo di gioco il divario tecnico si nota in maniera netta e per il Roanne si mostra subito in ottima forma il pivot Americano Collins che realizza ben 10 punti in soli dieci minuti di gara, al decimo minuto il risultato è di (13-25), i padroni di casa però da questo momento in avanti si sveglino e iniziano a recuperare palloni su palloni, anche grazie alle molte ingenuità avversarie, e con una tripla da centro campo di Acker chiudo il secondo quarto in vantaggio sul (38-33).

La ripresa è ancora tutta di marca Boulazac che grazie alle triple di Harris e Doubiez allungano e si portano sul (57-51) al 30’, l’ultimo quarto si dimostra il più denso di emozioni, le squadre diffidano del tiro dalla lunga distanza e si affidano al gioco nell’area pitturata che risulterà essere molto più proficuo, gli ospiti effettuano l’aggancio sul (65-65) ma l’ultima schiacciata di Jefferson ed i tiri della “salvezza” mandati sul ferro da parte degli avversari, sono decisivi per l’esito dell’incontro,che si chiude sul 67-65

BOULAZAC: Acker 21, McKenzie 16, Dubiez 9, Jefferson 9

ROANNE: Collins 20, Amagou 11, Gradit 10

 

LE HAVRE – GRAVELINES-DUNKERQUE 76-90 (26-19; 15-22; 16-25; 19-24)

Vittoria schiacciante della capolista Gravelines, nonostante un avversario di tutto rispetto come lo è il Le Havre, il primo periodo infatti è di marca dei padroni di casa che grazie alle schiacciate di Fofana chiudo il parziale sul (26-19), nel secondo quarto però gli ospiti si svegliano e piazzano un parziale di (6-14) che li riporta in corsa al ventesimo minuto il tabellone segna (41-41).

La pausa lunga non porta buone notizie in casa Le Havre in quanto la difesa perde acqua da tutte le parti e i giochi offensivi degli ospiti sono notevolmente avvantaggiati, il punteggio è di (57-66) al 30’, l’ultimo periodo risulta essere una passerella per gli ospiti che contengono quanto basta le incursioni avversarie e così si riportano in vetta solitaria nella classifica, grazie anche ai contemporanei stop dello Chalon e dello Strasburgo.

LE HAVRE: Kounguere 15, King 13, Fofana 11, Brown 11

GRAVELINES-DUNKERQUE: Buycks 25, Mbaye 20, Akpomedah 16

 

LYON-VILLEURBANNE – STRASBOURG 84-81 (24-18; 19-20; 22-17; 19-26)

Caduta interna per una delle capoliste Strasburgo che cede in casa del Lione dopo una ottima partita da parte dei ragazzi di coach Vincent, prima parte dell’incontro caratterizzata da una parziale fuga dei padroni di casa che con un gioco finalizzato completamente al tiro da 2 punti riescono a scappare sul (24-18) al 10’, dopo la prima pausa gli ospiti si ricordano che devono lottare per i primi posti della classifica e riescono ad accorciare sul (43-40) al 20’.

Al ritorno sul parquet la situazione però si capovolge, il Lione stringe le maglie in difesa e non permette tiri semplici agli avversari che vengono supportati con i soli punti di Ricardo Greer e Jeff Greer, al trentesimo minuto il tabellone segna (65-55), nell’ultimo quarto gli ospiti tentano il tutto per tutto con i cesti di J. Greer ed Ajinca che però non riescono a portare il punteggio in parità, l’incontro si chiude sul 84-81

LYON-VILLEURBANNE: Abromaitis 18, Jackson 18, Nsonwn 14

STRASBOURG: Ajinca 19, J. Greer 19, R. Greer 14

 

Classifica:

Gravelines-Dunkerque 36

Strasbourg 34

Chalon 34

Le Mans 30

Roanne 30

Lyon-Villeurbanne 30

Nanterre 28

Paris-Levallois 26

Orleàns 26

Dijon 26

Cholet 24

Le Havre 22

Limoges 20

Nancy 18

Boulazac 16

Poitiers 16