ProA, Francia – 21^ giornata: cadono le due capoliste, in coda fondamentale successo del Boulazac

0

CHALONE/SAONE – GRAVELINES 69-67 dts (14-14; 14-20; 14-6; 14-17; 12-10)

Scontro tra le due dirette inseguitrici della capolista Strasbrugo, che premia i padroni di casa dopo un’avvincente match.

Primo quarto segnato dall’assoluta parità tra le due contendenti (14-14) al 10’; secondo periodo nel quale si mette in risalto la formazione ospite con l’esperta ala Kennedy Winston che infila 7 punti in pochi minuti per far volare i suoi all’intervallo lungo sul (28-34).

Alla ripresa delle ostilità i padroni di casa non ci stanno e tramite un gran lavoro di squadra in fase difensiva, limitano gli avversari mettendo a referto un parziale di 14-6 che li rimette in carreggiata (42-40) al 30’; anche il quarto parziale è segnato dall’assoluta parità (57-57) al 40’; per lo Chalone il solo Schilb sembra riuscire ad impensierire la difesa avversaria, alla fine chiuderà con 26 punti e percentuali al tiro del 66%.

Il match si conclude dopo un tempo supplementare a favore dei padroni di casa (dopo l’errore di Buycks dalla lunetta) con il punteggio di 69-67.

Chalone/Saône: Schilb 26, Williams 20, Denmon 13

Gravelines-Dunkerque: Buycks 15, Winston 12, Edwards 11

 

LE HAVRE – LIMOGES 85-74 (25-15; 22-12; 17-21; 21-26)

Partita senza storia quella disputata a Le Havre dove la squadra di casa domina contro gli avversari del Limoges, primi due periodi senza storia, i giocatori del Le Havre vincono gli sconti in ogni zona del campo ed il punteggio a metà gara ne è la dimostrazione (47-27).

Intervallo che rigenera gli ospiti che tentano di ritornare nel match grazie ai cesti di Gomis e Plaisted, riallontanati grazie alle bombe di Kouguere e Pitard (64-48) al 30’; ultimo periodo di cuore per il Lomeges che con un gran gioco sotto le plance tenta di ricucire lo strappo, ma ormai è troppo tardi; finisce 85-74.

Le Havre: Bernard 26, Kouguere 14, Bryant 12

Limoges: Brockman 21, Gomis 12, Gipson 10

 

LE MANS – PARIS LEVALLOIS 72-59 (18-19; 17-14; 18-10; 19-16)

Match tra squadre di media classifica che vede la supremazia della squadra di casa.

Primi due periodi caratterizzati da un sostanziale equilibrio, le squadre si rispondono colpo su colpo fino a giungere a metà gara sul punteggio di (35-33).

La ripresa delle ostilità sembra portarci ad un incontro equilibrato fino al quarantesimo minuto di gioco, ma non sarà così, infatti l’ala di casa, Victor con parziale di 5-0 manda i suoi all’ultimo riposo con un vantaggio che tocca la doppia cifra (53-43), la reazione dei parigini non arriva, anzi Keselj (per lui un bel 60% da tre punti) con due triple consecutive spezza definitivamente il match e per gli avversari è notte fonda. La partita si conclude 72-59.

Le Mans: Long 16, Keselj 15, Victor 14

Paris-Levallois: Diot 13, Albicy 12, Aka 10

 

CHOLET – LYON VILLERBAUNNE 71-81 (14-25; 24-13; 18-20; 14-23)

Sfida impegnativa quella che si è trovata di fronte la compagnia di coach Sosa (Cholet), e la partita lo dimostra immediatamente nei primi minuti dove Thompson e Sy prendono il largo e riescono a far concludere i primi dieci minuti di gioco sul (14-25), il secondo quarto inizia con la reazione della squadra di casa che tramite un sublime Slaughter riesce addirittura ad agguantare il vantaggio a fil di sirena sul (39-38).

La seconda metà di gara mantiene le squadre sull’assoluta parità senza grossi stravolgimenti di risultato, che però arriva con l’avvento dell’ultimo periodo, dove con un (0-9) nei primi minuti di gioco permette alla compagine di Lione di schizzare sul (57-67) e chiudere il match con 8 punti della giovane guardia Jackson (per lui una valutazione di 27) che fissa il risultato sul (71-81)

Cholet: Bryant 19, Slaughter 13, Gobert 9

Lyon-Villeurbanne: Jackson 25, Abromaitis 15, Sy 11

 

DIJON – ORLEANS 74-83 (19-21; 17-16 ;18-20; 20-26)

Incontro che vede affrontarsi squadre di metà classifica e l’equilibrio è presente sul terreno di gioco fin dai primi minuti, dove nelle rispettive file si notano Campbell per i padroni di casa e Viney per gli ospiti, che fissano il punteggio sul (19-21) al ’10, secondo quarto povero di emozioni che continua sull’onda del botta e risposta fino a giungere al ventesimo minuto di gioco sul (36-37).

Inizio ripresa piuttosto scoppiettante dove i padroni di casa fanno registrare un parziale di (13-5) dovuto alle molte palle perse avversarie, i quali però non si danno per vinti e riescono a chiudere il quarto con un bel gioco di squadra che permette loro di chiudere il quarto nuovamente in vantaggio, Ultima frazione del match che vede la fuga degli ospiti dopo una serie di bombe dai 6,75 che spacca a metà la gara ed anche le aspettative dei padroni di casa, il match si conclude con un perentorio 74-83.

Dijon: Moss 24, Harris 16, Campbell 15

Orleàns: Viney 17, Hunter 15, Greene e Hill 14

NANCY – NANTERRE 71-79 (19-15; 16-22; 15-14; 21-28)

L’incontro risulta rimanere in equilibrio per ben tre quarti, nonostante ci sia un forte divario tecnico tra le due forze in campo; il match si decide solo all’ultimo quarto dove con un parziale di (3-7) la squadra ospite riesce a portarsi al vantaggio in doppia cifra grazie al duo play pivot Meacham Palacios (quest’ultimo uscito dalla panchina ed autore di una prova superlativa con 19 punti 4 rimbalzi e 2 assist), il Nancy tenta la reazione negli ultimi minuti con la tripla di Shulter ma ciò risulta vano. Vince Nanterre per 71-79.

Nancy: Shulter 18, Sommerville 14, Marquis 13

Nanterre: Palacios 19, Brunn 13, Meacham 12

 

POITIERS – BOULAZAC 81-86 dts (18-24; 26-14; 11-17; 21-21; 5-10)

Incontro spettacolare quello tra, le due deluse del campionato, Poitiers ed il Boulazac, primo periodo a favore della squadra ospite che però si vede subire ad inizio secondo quarto uno scioccante parziale che permette alla squadra delle mura amiche di chiudere la prima metà di gara sul (44-38).

Nella ripresa gli ospiti tentano di recuperare chiudendo le maglie in difesa e ciò avviene, anche grazie alla tripla di Acker (100% dalla lunga distanza) che chiude la terza frazione sul (55-55), quarta frazione caratterizzata dall’equilibrio che porta la sfida punto a punto fino agli ultimi secondi dove il mattatore di serata in casa Poitiers fallisce il tiro della vittoria a fil di sirena.

Il supplementare sancisce la vittoria grazie alla poca precisione sotto canestro della squadra di casa, che permette al Boulazac di volare proprio a meno due dalla squadra appena battuta.

 

ROANNE – STRASBOURG 70-65 (16-15; 20-19; 13-18; 21-13)

La capolista ferma la sua corsa al primato con una brutta battuta d’arresto in casa del Roanne che mette sul piatto una prova eccellente caratterizzata da una valutazione di squadra di 79 e miglior marcatore, il play di nazionalità francese Amagou.

Partita punto a punto nei primi due periodi, senza segnalare prestazioni eccellenti da nessun singolo, al ventesimo minuto il risultato è di (36-34).

Nella terza frazione Shurna (Strasburg) con una serie di triple tenta di far scappare i suoi, ma la reazione del Roanne è immediata ed addirittura a metà dell’ultimo periodo si porta in vantaggio, acquisendo un discreto margine di 5 punti, grazie al solito Amagou che con una conclusione da lontano e un 2 su 2 dalla fa urlare di gioia i propri tifosi!

 

 

CLASSIFICA

 

1

Gravelines-Dunkerque

 

30

2

Strasbourg

 

30

3

Chalon/Saône

 

26

4

Le Mans

 

26

5

Lyon-Villeurbanne

 

24

6

Roanne

 

22

7

Nanterre

 

22

8

Paris-Levallois

 

22

9

Orléans

 

20

10

Dijon

 

20

11

Le Havre

 

18

12

Cholet

 

18

13

Limoges

 

16

14

Nancy

 

14

15

Poitiers

 

14

16

Boulazac

 

12

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here