Una Cantù confusa non chiude i conti e perde dopo due overtime!

0

Palla a due vinta da Cantù, che però sbatte prima sul tabellone con Aradori e poi nell’infrazione di 24”. Sul fronte opposto Meacham spinge la transizione e scarica in angolo per Daniels che può realizzare comodamente i primi tre punti dell’incontro. La fortuna in attacco non aiuta la squadra di Sacripanti che sbaglia due liberi con Uter prima che lo stesso stoppi in difesa Meacham e Ragland firmi un parziale di 5-0. Nanterre rimette però la testa avanti con la schiacciata di Passave e cinque punti consecutivi di uno scatenato Meacham. Cantù risponde colpo su colpo e con Jenkins impatta sul dieci pari, prima che Gladyr segna una tripla allo scadere del tempo concesso per l’azione. I ritmi sono frenetici, Uter fa ½ dalla lunetta, Ragland perde palla e Lighlty porta Nanterre a +4. Nel frattempo entra Marconato ma è Leunen che la fa da padrone sotto il proprio tabellone con già due rimbalzi conquistati e altrettante palle rubate. Jenkins e Aradori pareggiano il risultato a circa un minuto dalla fine, prima che Marconato mandi Daniels in lunetta per due punti comodi. Sacripanti si affida alla zona per gli ultimi possessi ma la prima realizzazione di Thomas fissa il punteggio sul 19-15 a favore dei padroni di casa.

Ad inizio secondo quarto Nanterre non sfrutta l’extra possesso guadagnato da Thomas, ma Cantù spreca con Rullo. Uter stoppa in difesa, Gentile spinge per Aradori e i brianzoli vanno a -2. Thomas sotto canestro fa quello che vuole e in poco tempo firma un parziale di 4-0 che manda i suoi al massimo vantaggio dall’inizio del match. Gentile trova prima in angolo Ragland, che finalmente interrompe il digiuno dall’arco di tutta la squadra, poi realizza un break di 5-0 che manda Cantù per la prima volta in testa nel punteggio, sul 25-23. Passave subentra a Thomas e riesce subito ad imporsi in area capitalizzando quattro punti che riportano avanti i francesi, prima del 2/2 di Uter dalla lunetta. Leunen ruba l’ennesima palla in difesa, Aradori la perde in palleggio e Lighlty concretizza un contropiede molto macchinoso. Sul ribaltamento di fronte Uter prende il rimbalzo sulla tripla di Jenkins finita sul ferro subendo fallo e con l’ennesimo 2/2 tiene attaccata Cantù. Marconato fa lo stesso in difesa, Ragland segna in penetrazione e così termina il secondo quarto, con Cantù avanti 31-29.

La terza frazione comincia nel segno di David Lightly che realizza due liberi e riporta a pari punti Nanterre. Prima Jenkins e poi Ragland sbagliano dalla lunga, Lightly e Passave(1/2) castigano e una Cantù mai così confusionaria è costretta ad inseguire. Thomas fortunatamente sbaglia il tiro del +6, Jenkins si butta a canestro segnando due punti ma sbagliando il libero aggiuntivo. In difesa Aradori recupera e Uter in fade away rimanda avanti i suoi. Nella fase centrale del quarto le due squadre si alternano ai tiri dalla lunetta con scarse percentuali prima che Jaiteh e Gladyr, con due triple di fila, fissino il punteggio sul 46-39 a poco più di tre minuti dal termine. Il minuto chiamato da Sacripanti non pare cambiare le cose e Gladyr, mandato in lunetta da Jenkins, fa 2/2. Uter da l’impressione di un riavvicinamento con un gioco da 2+1 ma è ancora una volta Gladyr a infrangere le speranze brianzole con l’ennesima bomba. Nell’ultimo giro d’orologio Gentile fa 2/2 dalla breve distanza, Jaiteh rimette a posto le cose e Ragland accorcia nuovamente prima della sirena sul 53-46 per i padroni di casa.

L’ultimo quarto parte all’insegna degli errori commessi su ogni lato del campo. Bisogna aspettare due minuti prima dell’1/2 dalla lunetta di Uter che porta a due “soli” possessi il divario. Cantù continua a sbagliare dall’arco prima con Gentile e poi con Ragland, in una serata fin’ora maledetta, ma fortunatamente non sembra i francesi ne vogliano approfittare. Aradori entra in area da sinistra, Uter ha la palla del -3 ma sbaglia clamorosamente. Sul cambio offensivo Judith segna in layup e Jenkins può accorgiare con una tripla sul -4. La difesa di Cantù inizia a dare i frutti sperati, Judith sbaglia dalla lunga , Jenkins riesce a presentarsi in lunetta dove non va oltre il 50%. Seguono 2 liberi di Jaiteh e due di Aradori; quest’ultimo fa ½ ma Leunen cattura rimbalzo e Uter riesce ad appoggiare libero per il -2. In difesa Jenkins fa fallo su Thomas, che sbaglia entrambi i liberi, e sul fronte opposto Aradori segna la tripla del +1. Sul possesso successivo Leunen cattura il suo nono rimbalzo difensivo e spinge l’azione per la sua squadra, Pietro è costretto dal cronometro a tentare la conclusione che si infrange sul ferro ma è Uter a raccogliere la sfera e a regalare l’extra possesso ai biancoblu. Il legno umido del parquet fa però scivolare il numero 21, che perde palla e la regala agli avversari. Gladyr mette a segno la tripla del +2 e con un minuto ancora di gioco Jenkins sbaglia una tripla un po’ troppo avventata. Con il suo quinto fallo su Gladyr Jenkins è costretto ad uscire, ma il francese sbaglia il primo realizzando il secondo, dando ancora speranza a Cantù. Passave fa fallo su Ragland, che realizza entrambi i liberi. E’ lo stesso play canturino a fare fallo su Meacham, che in lunetta sbaglia il secondo, rimbalzo di Aradori che subisce una tratteuta ed è freddissimo dalla lunetta. E’ overtime a Parigi!

Palla a due vinta da Nanterre con Uter che però raccoglie il pallone in mezzo all’area e serve Gentile. L’attacco è però macchinoso e Leunen spara sul ferro. Jaiteh sbaglia da solo una comoda schiacciata, Ragland si butta dentro e prende due liberi di cui realizza solo il secondo. Lightly spara sul ferro da tre, dejavu canturino e Ragland ancora al 50% dalla lunetta. Nanterre persevera dall’arco con Gladyr che sbaglia, Aradori serve a una mano una bellissima palla schiacciata a terra per Uter, che solo davanti a canestro non può che firmare il 67-63 esterno. I francesi riescono però ad accorciare con Thomas che segna dalla media, prima che Uter si presenti in lunetta facendo 2/2. Gladyr però riporta sotto i suoi di una sola lunghezza con l’ennesima bomba dall’arco. Aradori sempre dalla lunetta mette un possesso pieno tra le due squadre, Lisch lasciato solo dall’arco sbaglia così come lo stesso Aradori. Leunen nel frattempo commette il suo quinto fallo ed è costretto ad uscire, Gladyr fa 2/2 ed si è di nuovo +1 Cantù. Aradori sbaglia ancora con il tiro da fuori, in difesa Gantile manda in lunetta Thomas che realizza entrambi i liberi e porta a pari punti le due squadre con undici secondi dalla fine, costringendo Sacripanti a chiamare il minuti per disegnare l’ultimo tiro. Ragland inaspettatamente fa trascorrere tutto il tempo, senza buttarsi dentro e prendere il fallo, bensì sparando un airball di rara bruttezza. E’ secondo overtime!

 

Nanterre ancora vincitrice della contesa con Gladyr che subisce il fallo di Gentile e realizza entrambi i tentativi. Ma il figlio di Nando si fa perdonare il danno realizzando dall’arco, prima che Jaiteh e Lightly mettano tre punti tra la loro squadra e Cantù. Ragland rimette equilibrio con la giocata da 2+1 ma Uter manda in lunetta Jaiteh spendendo il suo quarto fallo. Il centro francese fa ½ e sul cambio ricambia il favore al compagno di ruolo canturino che però è più freddo riportando avanti Cantù. Gladyr non si fa mancare nulla e bombarda ancora la retina da fuori, prima che Aradori commetta un’ingenuità volendo bissare la grande giocata. Uter costringe Jaiteh al quinto fallo ma in lunetta sbaglia il primo. Un Aradori in piena crisi dall’arco e di ossigeno dopo 43 minuti sul parquet, non si oppone ai quattro punti di Daniels e Lightly, e Nanterre vede come non mai la vittoria con 5 lunghezze di vantaggio. Gentile spara su tabellone, Ragland manda in lunetta Lisch che sbaglia il primo, e poi realizza due punti veloci. Una seconda mandata in lunetta da parte di Lisch, questa volta freddissimo, chiude i conti sul 88-84.

TABELLINI

JSF NANTERRE: Nzeulie, Judith 2, Jaiteh 10, Corosine, Lightly 12, Meacham 6, Gladyr 30, Lisch 3, Thomas 10, Daniels 7, Passave 8.

FOXTOWN CANTÙ: Abass, Jones, Uter 25, Rullo, Leunen, Jenkins 12, Marconato, Ragland 23, Aradori 14, Gentile 10.