EuroLega, 1ª giornata: troppo Shields per lo Zalgiris che si arrende al Baskonia

EuroLega, 1ª giornata: troppo Shields per lo Zalgiris che si arrende al Baskonia

Lo Zalgiris Kaunas, per la seconda volta consecutiva nella sua storia, cede all’esordio casalingo in EuroLega contro il Kirolbet Baskonia che si impone, dopo un primo tempo equilibrato, grazie alla sontuosa prova di Shields e l’esperienza di Janning e Shengelia.

di Andrew Villani

Alla Zalgirio Arena, cambia l’annata, ma non l’esito del debutto tra le mura amiche per la banda di coach Jasikevicius. Il Baskonia, dopo una fase di studio durata 16′ (26-25), scava nel secondo quarto, con le chirurgiche giocate di Shields, un solco che si rivelerà decisivo (34-25 al 19′). La reazione dei rinnovati lituani, al rientro dal riposo lungo, si fa veemente e li spinge sino al -4 (46-50 al 29′), tuttavia, cinque punti in rapida successione a firma di Janning, sul volgere del termine della terza frazione, sovvertono l’inerzia (46-55). Due conclusioni pesanti di Milaknis e Landale sembrano riaccendere le speranze (55-59 al 32′), ma l’attacco di casa si inceppa e agli spagnoli devono soltanto amministrare il vantaggio per il meritato 70-58 finale.

Quintetto Zalgiris Kaunas: Perez, Grigonis, Leday, Ulanovas, Geben.
Quintetto Kirolbet Baskonia Vitoria-Gasteiz: Vildoza, Garino, Shields, Shengelia, Eric.

PRIMO PERIODO: La gara viene inaugurata da un canestro di Shields che, insieme a una tripla del Pato Garino, porta il Baskonia sul 5-2 dopo un giro di lancette. Lo Zalgiris, con la giusta cattiveria sotto le plance, strappa rimbalzi offensivi importanti e, sulla conclusione da dietro l’arco di Grigonis, impatta a quota 7 al 3′. Vildoza in penetrazione e Shields con un pregevole step back costringono Jasikevicius a invocare il primo time-out del match (7-11 al 5′). Fall, lungo senegalese di 223 cm, fa il suo esordio nella competizione ma, per quanto possibile fattore difensivo, commette due ingenui falli in soli 60″ e regala il bonus ai padroni di casa. I lituani, seppur imprecisi dalla linea della carità (4/8 nella frazione), trovano continuità nel pitturato, dove l’ingresso di Diop non migliora la situazione per gli spagnoli, e con un signor piede perno di Ulanovas e un bel gancio di Landale completano un parziale di 10-2 (17-13 al 7′). Dopo di che, l’equilibrio, torna a regnare sovrano (19-19 al 10′).

SECONDO PERIODO: Polonara sigla i primi punti della sua carriera in EuroLega, Vildoza Henry ed Eric confezionano, con un gioco da tre punti per quest’ultimo, quella che sarà la miglior azione della partita, eppure è la confusione a governare in questo momento (22-26 al 15′). Grigonis infila un siluro, ma lo Zalgiris, col terzo fallo di Perez, raggiunge troppo presto il bonus. Il Baskonia ha in Fall un’arma letale a protezione del canestro, tre stoppate per lui in due minuti, però totalmente inesistente in fase offensiva. I padroni di casa continuano a schiantarsi contro il totem africano che, per loro fortuna, raccoglie un non lusinghiero 0% dalla lunetta (0/4), tuttavia Shields non è ugualmente generoso e prosegue nella sua modalità “macchina da canestri”. L’ala ex Trento, con 7 punti nel frangente, raggiunge per primo la doppia cifra (15pt in 20′) e conduce la propria squadra sul +9 (34-25 al 19′). La coppia di esterni Lekavicius e Grigonis, finalmente, rompe il digiuno per lo Zalgiris che contiene i danni e val al riposo sul 30-37.

TERZO PERIODO: Lo Zalgiris, col ritorno in campo di Landale limitato in precedenza dai falli, pare iniziare il secondo tempo con un approccio migliore, ma deve fare i conti con l’esperienza di Shengelia che, di prepotenza fisica, porta il Kirolbet sul +10 (44-34 al 23′). Fall inchioda a due mani il suo primo canestro, però subito dopo pone fine alla propria prestazione commettendo l’ultimo fallo a disposizione. Grigonis e Leday fanno la voce grossa dal perimetro riportando sotto i lituani sino al -4 (46-50 al 29′), ma per il Baskonia sale in cattedra un glaciale Janning che, prima colpisce da fuori, poi ruba palla volando in transizione, per il 46-55 che tramortisce gli avversari.

QUARTO PERIODO: In apertura Milaknis brucia subito la retina dai 6.75, Landale gli fa eco ben sfruttando un rimbalzo offensivo e il confronto potrebbe riaprirsi (55-59 al 32′). Gli spagnoli, con un break di 7-0 avviato da Shengelia, alimentato da un gioco da tre punti di Vildoza e chiuso da una lacrima dell’onnipresente Shields, costringono coach Jasikevicius a fermare il gioco (55-66 al 34′) ma, nonostante la strigliata, la sua squadra non riusce più a siglare un canestro dal campo e cede per il conclusivo 58-70.

ZALGIRIS KAUNAS – KIROLBET BASKONIA VITORIA-GASTEIZ 58 – 70 (19-19; 30-37; 46-55)

TABELLINO COMPLETO

ZALGIRIS KAUNAS: Walkup 2, Perez, Lekavicius 10, Hayes, Jankunas, Milaknis 9, Geben 2, Jokubaitis n.e., Leday 7, Landale 9, Grigonis 10, Ulanovas 9. All: Jasikevicius. Tiri Liberi: 8/14 –Rimbalzi: 30 (16+14) – Assist: 13

KIROLBET BASKONIA: Vildoza 10, Gonzalez n.e., Henry 4, Lopez n.e., Janning 10, Diop, Fall 2, Shengelia 13, Garino 3, Shields 19, Polonara 2, Eric 7. All: Perasovic. Tiri Liberi: 8/13 – Rimbalzi: 32 (26+6) – Assist: 11

PARZIALI: 19-19; 11-18; 16-18; 12-15.

BASKETINSIDE MVP: Impossibile non premiare Shavon Shields con la palma di miglior giocatore dell’incontro. L’ala statunitense, passaportata danese, è un ciclone di precisione (3/4 da due, 2/2 da tre e 3/4 ai tl) che, nel primo tempo, si abbatte sulla Zalgirio Arena. Ogni sua giocata colpisce inesorabilmente nei momenti topici. Termina con 21 di valutazione totale frutto di 19 punti e 5 rimbalzi.

Puoi trovare altri Recap nella sezione News del Basket Europeo Cliccando qui

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy