Top&Flop della 19 giornata di A2 Est e A2 Ovest

I migliori e i peggiori giocatori di serie A2 est ed ovest scelti dalla redazione di basketinside.com

di Federico Di Domenico

Andiamo alla scoperta dei migliori e dei peggiori del diciannovesimo turno di serie A2 maschile.

I TOP

ERIK erik rushRUSH
Recanati aggancia Forlì e lascia l’ultimo posto solitario nel girone est, e lo fa grazie a una vittoria tanto preziosa quanto insperata su un campo ostico come Piacenza, contro una squadra con obiettivi sicuramente diversi. Finisce 72-84 per gli ospiti, che c’entrano cosi la seconda vittoria consecutiva in trasferta. Grande prova all’esordio per Erik Rush, che non fa affatto rimpiangere Reynolds (ceduto alla GrissinBon Reggio Emilia). Per il nuovo Americano di Recanati 37 minuti in campo con 18 punti, 11 rimbalzi e 8 assist, tirando con il 50% sia da due che da tre. Non poteva presentarsi meglio ai nuovi tifosi.

 

 

 

STANLEY OKOYEokoye
Udine centra un’importante vittoria tra le mura amiche, ne fa le spese Forlì, precipitata all’ultimo posto in classifica. In terra Friulana finisce 70-66, partita in bilico fino alla fine e decisa solo negli ultimi istanti. Solita grandeprestazione di Okoye, terza doppia doppia consecutiva per l’ala, 23 punti (tra cui i due punti dalla lunetta che hanno deciso la partita a 4 secondi dalla fine) e 11 rimbalzi, di cui 3 offensivi, oltre a 2 rubate e 5 assist. Vittoria fondamentale in chiave play-off, distanti solo due punti ora per i ragazzi di coach Lino Lardo.

 

DWAYNdavisE DAVIS
Anche Jesi come Udine raggiunge quota 18 punti, a -2 dai play-off, e lo fa grazie a una netta vittorie tra le mura amiche contro la malcapitata Proger Chieti. Partita in cui la fase offensiva ha a dir poco avuto la meglio su quella difensiva, stile all star game, al 40’ il tabellone segnava 110-96. Prestazione clamorosa di Davis, che in soli 28 minuti mette a referto 38 punti e 7 assist, mettendo uno straordinario 36 sotto la casella valutazione. Ottime le percentuali dal campo, 9/12 dall’area e 5/9 dall’arco per l’ala, che grazie alla sua miglior prestazione stagionale fa volare i suoi.

 

 

TERRENCE RODERICK
Ferrara batte in casa Mantova lasciando cosi la zona più calda della classifica. Inizia come meglio noroderickn poteva la nuova era di coach Furlani, al PalaHilton finisce 95-87 per i padroni di casa, autori di una prova degna di nota, soprattutto nella metà campo offensiva. Top scorers Cortese e Bowers con 19 punti, ma l’Mvp è Roderick, che ai suoi 16 punti aggiunge anche 13 rimbalzi e ben 9 assist, sfiorando cosi la tripla doppia. 29 di valutazione finale per lui, leggermente penalizzato dalle 7 palle perse. 7 sono anche i falli subiti, praticamente dominante sotto ogni punto di vista in attacco. Roderick si riscatta così dalla prestazione decisamente negativa sfoderata a Roseto e regala la prima gioia al suo nuovo coach.

 

MIKE HALL E JAZZMARR FERGUSON
Biella trova la terza vittoria consecutiva e, approfittando del asso falso di Legnano, si riprende il comando solitario del girone ovest. I Piemontesi si prendono la testa della classifica espugnando la capitale, sponda Virtus. 86-90 il 31620990081_238fdf7ce4_zfinale, dopo una grande rimonta costruita nel terzo periodo, chiuso con un parziale di 19-33. Solita grande prova dei due Americani di Biella, specialmente nei momenti caldi della partita. Hall segna la tripla del +4 a poco meno di 30 secondi dal termine e Ferguson fa 2/2 dalla lunetta rimettendo due possessi di distanza tra le due squadre a soli 6 secondi dall’ultima sirena. Solita doppia doppia per Hall, 23 punti, 12 rimbalzi, 2 assist, una rubata e una stoppata del lungo per una valutazione complessiva di 23. Ferguson invece mette a referto 20 punti e 8 assist. Biella continua a sognare grazie alla sua coppia di Americani, senza dubbio una delle meglio assortite dell’intera serie A2.

 

I FLOP

DAVIDE MORETTImoretti
Treviso crolla al PalaDozza contro la Fortitudo Bologna, sconfitta pesantissima che conferma il calo della DeLonghi visto fin dall’inizio di Gennaio, mese chiuso con due sconfitte e tre vittorie nelle quali si è comunque vista una squadra non all’altezza di quella vista nella prima parte di stagione. I ragazzi di coach Bonicciolli si impongono con il punteggio di 83-53. Tutti deludenti i Trevigiani, nessuno escluso. Particolarmente incolore la prova di Moretti, 7 punti messi a referto in 30’ sul parquet tirando con basse percentuali dal campo, ¼ da 2 e 1/5 da 3, con 4 palle perse ad aggravare la sua prova. Caduta senza attenuanti per i ragazzi di coach Pillastrini in un match a dir poco prestigioso, e anche per questo è una sconfitta che se possibile pesa ancora di più.

 

MATTEO PALERMOmatteo palermo
Legnano cede il passo all’Eurobasket, in una sconfitta forse un po’ inaspettata, e lascia la testa della classifica a Biella, vittoriosa contro l’altra squadra della capitale. Finisce 68-76 per l’Eurobasket una gara ben indirizzata già a fine primo quarto, grazie a un pesantissimo parziale di 12-31 per gli ospiti. Deludente la prova di Matteo Palermo, l’esterno dei knights parte in quintetto e mette a referto solo 5 punti in 20 minuti tirando con il 30% dal campo e perdendo ben 3 palloni. Troppo poco per evitare la sconfitta dei suoi. Un po’ discontinuo Palermo, che alterna prove di alto livello a prove decisamente deludenti, forse non all’altezza di una squadra che da tempo lotta stabilmente nelle zone nobili della graduatoria.

 

MARCO AMMANNATO
Scafati perde in casa l’impoammannatortantissima sfida salvezza con Rieti e resta all’ultimo posto solitario in classifica. Si impongono i Reatini con il punteggio di 74-76, vincendo una gara equilibratissima e aperta fino agli ultimissimi secondi. Decisamente insufficiente la prova di Ammannato, il lungo mette a referto solo 4 punti in 27 minuti tirando poco e male dal campo, 1/3 da due e 0/1 dall’arco, cattura 3 rimbalzi e subisce una stoppata. Prestazione negativa in una partita in cui per Scafati i due punti erano di vitale importanza, arriva invece la quinta sconfitta consecutiva che inguaia sempre di più i gialloblu.

 

ALESSANDRO PIAZZAalessandro piazza
Latina batte nettamente Agrigento e aggancia i Siciliani a quota 22 punti in classifica. I ragazzi di coach Gramenzi si impongono con il punteggio di 80-62, maturato nella seconda metà di gara dopo un primo tempo molto equilibrato. Prova sottotono di Piazza, play titolare di Agrigento, che in 30 minuti in campo mette a segno 5 punti e colleziona 4 palle perse, tirando malissimo dal campo:1/7 da 2 e 0/4 dalla linea della carità. A salvare parzialmente la sua prestazione solo i 7 rimbalzi catturati, ma non è di certo il tipo di prestazione che ci si aspetta da un playmaker. Dopo le 7 vittorie consecutiva per Agrigento arriva la seconda sconfitta di fila, che fa precipitare i Siciliani ai margini della zona play-off, in una classifica molto corta che non fa altro che descrivere al meglio un campionato equilibratissimo.

 

ROBERTO MARULLIroberto marulli
Reggio Calabria crolla a Siena con il punteggio di 75-54 e resta al terzultimo posto in classifica. Partita piuttosto equilibrata per tre quarti, decisa dal 23-9 di parziale dell’ultimo quarto, fatale agli ospiti. Torna in quintetto Marulli tra gli ospiti, dopo quasi due mesi di stop, e lo fa come peggio non avrebbe potuto. 21 minuti in campo ma non riesce mai a entrare in partita, solo 3 punti tirando con il 20% dal campo e 2 palle perse per il play classe ‘91, che non bastano per impedire a Siena di infliggere la quarta sconfitta consecutiva ai suoi.

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy