Top&Flop della 20 giornata di A2 est e A2 ovest

Andiamo alla scoperta dei migliori e dei peggiori giocatori dell’ultimo turno di Serie A2.

di Federico Di Domenico

I TOP

amiciALESSANDRO AMICI
Mantova batte Chieti tra le mura amiche, affermandosi al secondo posto in classifica al pari di Ravenna (sconfitta a sorpresa a Recanati), alle spalle del terzetto di testa. 79-70 il finale al PalaBam, dopo una partita gestita senza troppi problemi dai padroni di casa. Mvp Alessandro Amici, che mette a referto 22 punti, 9 rimbalzi e 4 assist nei 27 minuti sul parquet. Ottime percentuali al tiro, soprattutto il 4/6 dall’arco e presenza importante sotto canestro. L’ala sforna cosi l’ennesima grande prestazione stagionale e guida i suoi a una vittoria fondamentale in chiave play-off, inguaiando gli Abruzzesi, distanti solo 4 punti dall’ultimo posto occupato da Forlì.

 

MARCO PORTANNESEportannese
Verona vince in scioltezza contro Imola, 87-65 il risultato, al termine di una partita ampiamente indirizzata già a fine primo tempo, chiuso dai padroni di casa con un margine di +22. Portannese trascinatore di giornata, in 32 minuti mette a segno 28 punti, sbagliando pochissimo dal campo (4/7 da due e 4/5 da tre, oltre all’8/10 dalla lunetta). Anche 2 assist, 2 palle rubate e 4 rimbalzi di cui 2 offensivi, per una valutazione finale di 36, a cui contribuiscono anche gli 8 falli subiti. Il numero 8 scaligero regala così ai suoi la quarta vittoria nelle ultime cinque, rilanciando la candidatura di Verona per la post season.

 

 

TIM BOWERS
Jesi fa il colpacbowerscio a Treviso e aggancia il quartetto a quota 20 punti, entrando così in piena corsa play-off. Vittoria ottenuta grazie a uno straordinario ultimo quarto (9-11 di parziale), che fissa il risultato finale sul 71-76. Migliore in campo senza ombra di dubbio Bowers, autore di una super prestazione, su entrambi i lati del campo. Resta in campo 40 minuti, segna 19 punti ma soprattutto raccoglie 7 rimbalzi, regala 7 assist ai suoi compagni e ruba ben 4 palloni, perdendone solo 3. L’esperta guardia Americana si conferma così trascinatore assoluto dei suoi. Con una vittoria così preziosa su un campo così difficile i tifosi marchigiani possono iniziare a sognare.

 

MICHEAL DELOACHdeloach
L’Eurobasket Roma perde in trasferta a Casale Monferrato (86-67), uscendo dalla zona play-off, ma è assolutamente impossibile non citare tra i top di giornata Deloach. 38 minuti in campo, abbastanza per centrare una memorabile tripla doppia da 26 punti, 10 rimbalzi e 10 assist, per una valutazione finale di 43. Nonostante una partita sottotono della sua squadra Deloach fa come meglio non potrebbe, tirando con ottime percentuali dal campo e subendo ben 8 falli, assolutamente incontenibile per la difesa avversaria. Una prestazione che indubbiamente si ricorderà per un bel po’ di tempo.

 

GLENN MILLER COSEYcosey
Tortona passa a Roma contro la Virtus al termine di un grande match, conclusosi sul 89-98 per gli ospiti, che ipotecano la vittoria nel primo tempo e nel secondo si ritrovano a dover gestire il risultato. Prova superlativa per Cosey, 36 punti e 6 assist per il play in 35’ sul parquet. Prestazione bestiale dall’arco, dove segna 8 delle 10 triple tentate, un cecchino. Infallibile anche dalla lunetta (6/6), Cosey guida i suoi verso una preziosa vittoria, che permette alla squadra di coach Cavina di agganciare il secondo posto in classifica approfittando del passo falso di Legnano.

I FLOP

DAVIDE BRUTTINIbruttini
Ancora uno stop per la Virtus Bologna, stavolta in casa nel derby con Ferrara. Sconfitta sancita dalla tripla di Cortese allo scadere. Seconda partita con la canotta delle V nere per Bruttini, che dimostra di non essere ancora entrato negli schemi della squadra di coach Ramagli e offre un’altra prestazione deludente. Parte in quintetto e nei 14 minuti in campo non mette a referto nemmeno un punto. Solo 0/1 da due e una palla persa, per il resto totalmente inesistente. Bologna ne risente e rimedia la seconda sconfitta consecutiva, ma resta al comando della classifica a pari punti con Treviso e Trieste.

 

NORMAN HASSANhassan
Imola crolla a Verona e rimedia una pesante sconfitta che impedisce ai Romagnoli di allungare sulla zona calda della classifica. Partita senza storia in terra Scaligera, con i ragazzi di coach Ticchi mai realmente in gara. Serata storta per tutti, ma in particolare per Hassan, che parte in quintetto e nei 21 minuti sul parquet si rende protagonista di un memorabile 0/9 dall’arco. Solo 2 punti e un rimbalzo, che non lo salvano dalla valutazione di -8. Match da cancellare per Imola ma soprattutto per Hassan, lontano dal ritrovare la forma migliore.

 

FRANCESCO IHEDIOHAihedioha
Legnano cade a sorpresa sul campo di Rieti con il punteggio di 79-64 e si fa raggiungere al secondo posto in classifica da Treviglio e Tortona, vittoriose rispettivamente contro Siena e Virtus Roma. Brutta partita per i Knights che dopo un primo tempo equilibrato crollano nel secondo. Particolarmente negativa la prova di Ihedioha, 5 punti in 16 minuti per il lungo, con basse percentuali dal campo: 1/3 da due e 1/5 dai 6.75m, catturando due rimbalzi e perdendo un pallone. Mini crisi per Legnano che trova la terza sconfitta consecutiva e scivola a quattro punti da Biella.

 

fabiAGUSTIN FABI
Pesantissima sconfitta per la Viola Reggio Calabria ad Agrigento, 90-58 il finale in favore dei Siciliani, che si confermano in piena zona play-off. Prestazione da dimenticare per i ragazzi di coach Paternoster, soprattutto per Fabi. L’Argentino è praticamente inesistente nei 20 minuti in campo, non mette a referto nemmeno un punto tirando poco e male dal campo (0/3), subisce una stoppata e perde due palloni. Una delle peggiore prove stagionali per l’ala, che raccoglie una valutazione complessiva di -7, e non riesce a trascinare i suoi in una partita assolutamente da dimenticare.

 

MARCO CONTENTOcontento
Agropoli crolla in casa nel derby con Scafati, importantissimo scontro salvezza. 63-93 il punteggio in favore degli ospiti, che giocano un secondo tempo da incorniciare (34-61 il parziale). Da dimenticare, e anche in fretta, la prova di Contento. -8 di valutazione per l’esterno che nei 21 minuti in campo colleziona solo 3 punti e 3 palle perse, tirando con lo 0/3 da due e l’1/4 da tre. Prestazione insufficiente, per Contento ma soprattutto per Agropoli, che oltre a subire la sconfitta subisce anche l’aggancio in classifica di Scafati, che abbandona così l’ultimo posto solitario.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy