Crollo nell’ultimo quarto per l’Italia U18, la sconfitta contro la Spagna mette a rischio il cammino

0

Ilimane Dipo Gaye, SpagnaPartita equilibratissima per 30 minuti, poi avviene inspiegabilmente il fattaccio della partita: l’Italia non segna per più di 5 minuti nell’ultimo periodo e la Spagna gli rifila un break di 11-0 che vale il 66-50 al 35°.

Un vero peccato, infatti considerata la scarsa verve di stasera del play Matteo Imbrò la squadra stava tenendo botta agli assalti avversari e aveva anche dimostrato di poter stare davanti. Prima Fontecchio nel secondo periodo con 15 punti poi Amato nel terzo periodo con 8 punti avevano preso le redini della squadra, ma nell’ultima frazione qualcosa è andato storto.

Va anche asserito che gli azzurrini hanno avuto grossissimi problemi sia con le percentuali dal campo, sia a rimbalzo, dove gli spagnoli hanno dominato catturandone 46 contro i 35 nostrani (su tutti Saiz con 9 e Diop Gaye con 8 carambole). Tra i nostri oltre ai 15 del già menzionato Simone Fontecchio, non devono ingannare i 14 di Amedeo Tessitori, centrati tutti nel garbage time. Male Camillo Bianchi, Laquintana che stavolta non è riuscito a ripetere le sue grandi prestazioni ed anche Vincenzo Pipitone.

Appuntamento a domani alle 20:15 ora italiana per Italia – Ucraina, se gli azzurri riuscissero a vincere e contemporaneamente la Serbia a battere la Grecia i ragazzi di Capobianco riuscirebbero ad accedere ai quarti come quarta del girone.

 

Primo Quarto

Con un quintetto diverso dal solito, Imbrò come playmaker, Vencato, Fontecchio, Pipitone e Tessitori, l’Italia gioca comunque un buon basket e tiene testa agli spagnoli. Il primo canestro della partita è ad opera della stellina Matteo Imbrò con un jumper dalla media, ma subito viene piazzato un contro break di 5-0 di Sainz ed Hernangomez. Al quinto però il tabellone dice 7-11 per gli azzurrini grazie al lay-up di Luca Vencato (ottimo primo quarto, 2 punti + 2 rimbalzi + 3 assist). Gli iberici reagiscono e chiudono il quarto avanti grazie al naturalizzato Diop Gaye, nonostante la schiacciata di Tessitori che vale il suo settimo punto personale in 10 minuti. Il primo periodo termina 17-16.

Secondo Quarto

Ottimo inizio di quarto per i ragazzi di Jesus Sala, 23-18 dopo nemmeno tre minuti, grazie ai punti di Dipo Gaye e Chapela. Qui dopo tiro dalla media di Francesco Candussi inizia il Fontecchio-Time, il classe 1995 di proprietà della Virtus Bologna si scatena e segna 12 punti, con ottime medie dai 6,75 (3/4 all’intervallo lungo). Poi grazie anche all’aiuto dei vari Procacci e Candussi l’Italia chiude avanti a metà partita, 38-39.

Terzo Quarto

Pessimo rientro dagli spogliatoi, dopo poco più di 3 minuti parziale di 10-2 degli spagnoli con 3 punti di Saiz e 4 di Diop Gaye, mentre gli azzurrini faticano a trovare il tiro e l’uomo smarcato in attacco e in difesa non reggono i lunghi avversari. Per fortuna entra in partita Amato, il quale con 8 punti (tutti di fila, con un lay-up e tre bombe scoccate) limita il passivo dell’Italia fino a trovare il momentaneo pareggio sul 49-49 al 28° minuto. Però tre punti di Hernangomez e un buzzerbeater di Nogues allontanano nuovamente gli iberici sul 55-50.

Ultimo Quarto

Débâcle in tutti i sensi, un 11-0 di parziale avversario stecchisce gli azzurrini che non hanno le armi per fermare l’emorragia. La partita termina 78-63.

 

SpagnaItalia 78-63

Spagna: Diaz 5, Pauli 9, Vicedo 2, Nogues 7, Chapela 6, Hernangomez 12, Perez ne, Diop Gaye 14, Villena 7, Marin ne, Homs 0. All. Sula

Italia: Bianchi 0, Amato 8, Candussi 6, Laquintana 0, Vencato 2, Procacci 3, Turel 6, Bianconi 1, Imbrò 4, Fontecchio 15, Pipitone 4, Tessitori 14. All. Capobianco

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here