Europeo U20M – L’Italia va a sprazzi, Erdogan la condanna alla sconfitta

0

Un’Italia a corrente alternata non riesce ad avere la meglio della Turchia: la squadra di Erdogan vince con merito la sfida – valida per assegnare i posti dal quinto all’ottavo – e condanna gli Azzurri al secondo KO consecutivo dopo quello patito contro la Croazia, che ha estromesso Moretti e compagni dalle semifinali. Gli errori e le palle perse gratuite – uniti a una percentuale deficitaria al tiro da fuori per larghi tratti della sfida – ha costretto l’Italia a inseguire per la quasi totalità dell’incontro, senza riuscire a girare un’inerzia troppo presto finita nelle mani avversarie. Non è bastato il talento di Moretti per sovvertire un risultato che è stato raramente in discussione: per gli Azzurri ora la finale 7°-8° posto segnerà la fine del percorso a questo Europeo.

LA CRONACA – La partita comincia subito su buoni ritmi, con le due squadre intenzionate a ben figurare anche in questo impegno che decreta chi si guadagna il diritto di disputare la finale per il quinto-sesto posto in questi Europei. Il grande equilibrio sul parquet emerge grazie all’impronta data dai due allenatori alle rispettive Nazionali, capaci di trovare i punti di forza e segnare con continuità: dopo i primi dieci minuti di gioco il tabellone vede la Turchia avanti 22-20 sull’Italia. In avvio di seconda frazione i turchi provano a creare un primo strappo nel punteggio, trovando buone soluzioni vicino al ferro e sfruttando l’imprecisione della squadra di Dalmasson nel tiro da fuori: dopo avere raggiunto gli 8 punti di vantaggio (30-22), Bayar e compagni subiscono il rientro dell’Italia, capace di trovare un contributo importante da tutti gli uomini sul parquet. Il canestro di Caruso vale la parità a quota 33 e corona il parziale di 11-2 a favore degli Azzurri, che riescono a controbattere alle iniziative avversarie e a rimanere a contatto nei minuti finali del primo tempo, chiuso con il vantaggio della Turchia per 43-40.

Al rientro dagli spogliatoi i canestri di Dieng e Moretti riportano avanti l’Italia (privata di Denegri, costretto a uscire per infortunio nel primo tempo) dopo molti minuti di inseguimento, ma la Turchia è subito pronta a rimettere il naso avanti con le iniziative di Onar, tra i principali protagonisti della gara. Le difficoltà della squadra di Dalmasson nel trovare feeling con il canestro – eccezion fatta per Moretti – impediscono agli Azzurri di mettere la freccia e costringono Lever e compagni a inseguire gli avversari nel punteggio. Nonostante la confusione offensiva degli Azzurri – che porta a diverse palle perse banali – la Turchia non riesce a scavare un solco importante, mantenendo comunque un vantaggio costante tra i 6 e gli 8 punti (60-54 al 29′): il successivo 2+1 di Caruso e i liberi di Onar chiudono il terzo periodo; i turchi conducono per 62-57. Moretti e Bucarelli avvicinano i compagni nel punteggio, con il gap ridotto a un solo possesso di distanza: il successivo antisportivo fischiato a Onar su Antelli viene però capitalizzato in minima parte (1/2 in lunetta del playmaker) e la Turchia mantiene la testa della gara (66-63 al 32′). La grande quantità di errori offensivi dell’Italia è una delle chiavi di lettura dell’intera gara, unita al cinismo degli avversari di sfruttare al meglio queste situazioni di vantaggio, che consentono alla squadra di Erdogan di condurre le danze mantenendo al tempo stesso l’inerzia dalla propria parte. Il talento a disposizione degli Azzurri fa sì che, nonostante i black out accusati nel corso dell’intero incontro, Moretti e compagni non vengano mai completamente tagliati fuori dalla vittoria: una fiammata di Lever e Bucarelli riduce in un amen lo strappo che la Turchia aveva provato a dare all’incontro riportando il punteggio in equilibrio (76-74). L’equilibrio non accenna a spezzarsi nel finale, ma dopo la tripla di Lever e l’errore di Mezzanotte, il successivo antisportivo fischiato contro il lungo italiano, seguito dal tecnico per flopping a Bucarelli, consente alla Turchia di mettere le mani sulla gara (86-77 dopo la tripla di Erdogan a 90 secondi dalla sirena). Il finale, dopo la girandola di tiri liberi, è 91-80 per la Turchia.

TURCHIA – ITALIA 91 – 80 (22-20, 21-20, 19-17, 29-23)

TABELLINI:

TURCHIA: Hazer 15, Al 16, Tanisan 6, Mustafa 6, Bayar 2, Bitim 3, Senel, Onar 10, Erdogan 8, Karahan 5, Atar 20, Dogan n.e. Allenatore: Serkan Erdogan

ITALIA: Antelli 3, Denegri 6, Dieng 6, Pajola 3, Oxilia n.e., Moretti 17, Bucarelli 5, Mezzanotte 16, Simioni 2, Caruso 5, Berti n.e., Lever 17 Allenatore: Eugenio Dalmasson

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here