Finali Nazionali DNG: Casalpusterlengo e Bologna travolgenti. Sorpresa Varese, Venezia trionfa in rimonta

0

Si è conclusa da poco la quarta giornata delle Finali Nazionali di DNG, massimo campionato italiano giovanile, che si stanno svolgendo ad Udine. E’ stato il giorno dei quarti di finale, dai quali sono uscite le prime quattro d’Italia. Casalpusterlengo ha distrutto Livorno, servendosi di ampie rotazioni e senza troppi patemi, così come la Virtus Bologna, che grazie al duo Fontecchio-Pechacek ha superato Reggio dell’extraterrestre Mussini. Trionfa Varese nel derby con Milano, compiendo un’impresa a dir poco storica. E’ servita invece una clamorosa rimonta negli ultimissimi minuti di gioco ai vice-campioni in carica della Reyer Venezia, che hanno avuto ragione di 1 solo punto sulla Stella Azzurra dei baby-fenomeni La Torre e Moretti, dominanti seppur ampiamente sotto età.

REYER VENEZIA 60-59 STELLA AZZURRA ROMA
Si chiude qui l’avventura della Stella Azzurra Roma, capace di conquistare i quarti di finale dopo lo spareggio vincente con Cantù e di condurre per 39′ sui vice-campioni in carica di Venezia. Resta comunque da incorniciare il cammino di una squadra che schiera ben 4 sotto età (’97-’98), di cui due sono stati i migliori realizzatori della squadra. Davide Moretti e Andrea La Torre infatti hanno guidato i compagni anche oggi, insieme ad un buon Alibegovic, e proprio la promessa viterbese nell’ultimo minuto ha dominato la difesa veneziana, per poi però sbagliare i due liberi decisivi. Ci sarà tempo per rifarsi nelle Finali Under 17, per le quali i romani sono favoriti d’obbligo. Dall’altra parte invece il cuore mai domo di un gruppo che l’anno scorso è arrivato a un passo dalla vittoria finale, e ha il suo leader in Nicola Akele, giocatore con esperienza anche in Serie A. E’ stato proprio lui a fermare La Torre nell’azione decisiva, confermando di essere un signor difensore, come fatto anche tra i pro. I punti decisivi però sono quelli di Leonardo Marcon, e valgono la semifinale.
VENEZIA 60-59 STELLA AZZURRA (13-12; 29-28; 39-46)
VENEZIA: Zennaro 12, Vildera 4, Marcon 11, Guisse 10, Akele 9, Mihalic 4, Tinsley 8, Freschi NE, Paolin, Bertolo, Trevisan NE, Zucca 2.
ROMA:  Sanguinetti 1, Alibegovic 14,Cucci 11, La Torre 17, Smorto 2, Giancarli, Moretti 11, Forte 3, Faccenda NE, Ndyiaye NE, Di Filippo NE, Radonjic.
MVP Basketinside.com: Nicola Akele

OLIMPIA MILANO 61-74 CAMPUS VARESE
Una vera e propria impresa permette ai ragazzi di Andrea Schiavi di accedere ad una storica semifinale. Un risultato assolutamente non pronosticabile alla vigilia dell’interzona, grazie alla quale Varese ha avuto accesso a queste Finali Nazionali. Vittoria ottenuta poi nello storico derby con l’Olimpia Milano, messa al tappeto da una fantastica prestazione di squadra. Non sono bastati i 30 di un Picarelli formato MVP. Per Varese si è distinto uno stoico Matteo Piccoli, autore di 18 punti con 15 rimbalzi. Adesso tutto ciò che arriverà sarà di guadagnato per i varesini, anche se, arrivati fin qui, sognare non costa nulla. Chapeau, Varese.
MILANO 61-74 VARESE (5-20; 25-38; 39-50)
MILANO: Fumagalli 1, Restelli 7, Merlati, Vercesi 9, Picarelli 30, Buzzini 4, Villa, Carzaniga, Hamadi 8, Toia NE, Pecchia 2, Toso NE.
VARESE: Moalli, Innocenti 8, Piccoli 18, Pagani 14, Vai 11, Tonella 5, Testa NE, Dejace 2, Sandrinelli, Crespi, Maruca 16.
MVP Basketinside.com: Matteo Pagani.

PALLACANESTRO REGGIANA 79-92 VIRTUS BOLOGNA
Possiamo dirlo: in campo si sono visti 21 ottime giovani promesse e 3 veri e proprio extraterresti. Due giocavano nella Virtus Bologna, uno a Reggio Emilia. E’ stato questo probabilmente il fattore decisivo che ha portato i virtussini a trionfare. Adam Pechacek e Simone Fontecchio hanno combinato 54 punti e 17 rimbalzi per un clamoroso 59 di valutazione in 2. Fontecchio è finalmente tornato quello di inizio stagione, che per mesi ha dimostrato di essere adatto anche al campionato di Serie A, nel quale è spesso partito anche in quintetto. E adesso la Virtus, è una vera e propria mina vagante, che può assolutamente battere chiunque e lottare per il terzo scudetto consecutivo. Per Reggio Emilia un solo uomo capace di segnare più di 10 punti: nemmeno a dirlo, Federico Mussini. Ennesima prestazione da fenomeno per lui, ma stavolta non è bastata: il reggiano mette a referto 28 punti con 6 rimbalzi, inutili alla fine per la vittoria ma testimoni di un’eccezionale prestazione.
PALL. REGGIANA 79-92 VIRTUS BOLOGNA (8-23; 27-44; 55-66)
REGGIO EMILIA: Mussini 28, Bertocco 5, Galeotti 2, Amici 4, Villani 2, Magnani, Anumba 6, Galli 10, Melli 5, Lusvarghi 10, Fontanesi NE, Rovatti 7.
BOLOGNA: Tassinati 16, Benetti 4, Morisi 5, Pechacek 26, Fontecchio 28, Allodi 2, Ebeling NE, Magagnoli NE, Oxilia 6, Penna 2, Cattapan 3, Tinti.
MVP Basketinside.com: Simone Fontecchio

UCC CASALPUSTERLENGO 71-45 DON BOSCO LIVORNO
Partita a senso unico quella tra Casalpusterlengo e Livorno. Gli uomini di coach Carrea hanno ampiamente condotto dal 1′ al 40′ di gioco, senza mai mettere in dubbio il risultato finale. I lombardi hanno potuto usufruire di rotazioni molto ampie, visto il risultato, al fine di permettere di riposare a tutti ed evitare eccessivi carichi di stanchezza, essendo alcuni ragazzi anche impegnati nei playoff di DNA Silver con la prima squadra. Poco da dire sulla partita: con Benvenuti in ombra, i toscani non riescono a tenere un passo della dominante Assigeco, che si catapulta in semifinale come una delle strafavorite, essendo quella che ha avuto meno impegni nelle prime giornate, tra le semifinaliste.
CASALPUSTERLENGO 71-45 LIVORNO (23-11; 36-21; 59-29)
CASALPUSTERLENGO: De Lillo 10, Spissu 8, Rossato 8, Janelidze 4, Donzelli 11, Del Vescovo, Dieye, Costa 5, Vencato 7, Gallinari 2, Diouf 11, Maghet 5.
MVP Basketinside.com: Daniel Donzelli.

 

Ecco gli accoppiamenti di semifinale:
Reyer Venezia – Campus Varese
UCC Casalpusterlengo – Virtus Bologna.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here