Marche U14, aggressione al mini-arbitro: squalifica del campo per 5 gare (di cui 3 commutate)

0

Nel giorno in cui il Giudice Sportivo si è espresso in merito all’increscioso episodio avvenuto venerdi scorso a Senigallia nel corso di una partita giovanile, il Presidente del CR FIP MARCHE Davide Paolini tiene ad esternare le proprie considerazioni in merito. LEGGI IL COMUNICATO.

In seguito alla partita U14 elite nelle Marche in cui, per l’ennesima volta nelle ultime settimane, un mini-arbitro è stato aggredito (non solo verbalmente), queste sono le decisioni del giudice sportivo. Questo invece il post con cui la società prende le distanze e condanna quanto accaduto.

soc. ASD PALLA A CANESTRO SETTORE GIOVANILE MONTEGRANARO:squalifica campo per n.5 (cinque) gare per invasione del campo di gioco, commessa da individuo isolato con aggressione, per lesioni subite dall’arbitro aggredito con prognosi di 7gg come da certificato medico del P.S. Ospedale S.Croce di Fano. Le prime n.3 (tre) gare di squalifica del campo vengono commutate in sanzione pecuniaria ai sensi dell’art.17, comma 4 RG, in € 825,00 complessivi, e le ulteriori n.2 (due) gare da disputarsi a porte chiuse [art. 29,4A RG].

soc. ASD PALLA A CANESTRO SETTORE GIOVANILE MONTEGRANARO:perdita gara per gli incidenti verificatesi durante lo svolgimento della gara con conseguente mancato completamento della stessa [art. 31 RG]. La gara viene omologata con il risultato acquisito sul campo al momento dell’interruzione in quanto con differenza canestri superiore a 20 (venti) punti.

soc. PALL. SENIGALLIA:ammenda di Euro 40.00 per modifiche non autorizzate relative a impianti di gioco o misure di sicurezza: assenza dei divisori tra il pubblico ed il campo di gioco [art. 39 RG], con fissazione del termine perentorio di 7gg per il ripristino e l’adeguamento delle prescrizioni regolamentari.