Avellino, la Scandone è fallita. DelFes ammessa in B

0

Ormai era nell’aria da diverse settimane, ma oggi è ufficiale: la Scandone Avellino scompare dal panorama cestistico italiano. Nella relazione presentata lo scorso 23 luglio da parte dei legali Penta e Rosa si rinunciava alla ristrutturazione degli ingenti debiti che pendevano sulla società, mancando ogni presupposto: il Tribunale di Avellino, prendendone atto, ha dichiarato fallita la società biancoverde. Che la strada per lo storico sodalizio avellinese fosse segnata lo si era capito già lo scorso 9 luglio, quando il CDA aveva sostituito il liquidatore Luciano Basile, convinto sostenitore del piano di concordato in bianco che avrebbe potuto dare una speranza di sopravvivenza, con Goffredo Solimeno.

Si è dunque arrivati al capolinea di una storia nata nel lontano 1948 e che ha visto la Scandone figurare per 19 anni consecutivi in Serie A, dal 2000 al 2019, periodo in cui non si può non citare la conquista della Coppa Italia nel 2008, senza dimenticare le sei partecipazioni ai Playoff Scudetto (tre semifinali), l’accesso all’Eurolega 2008/09 e le militanze in Basketball Champions League e FIBA Europe Cup nel triennio 2016-2019. Due anni fa, per l’appunto, l’inizio della fine, con l’autoretrocessione in Serie B a causa dei problemi finanziari della Sidigas, azienda proprietaria del club.

Se da una parte finisce una storia, dall’altra ne comincia un’altra: con ogni probabilità la Del.Fes. Avellino parteciperà al Girone D della prossima Serie B, con l’acquisizione del titolo della Fortitudo Roma definita quest’oggi dalla FIP, per la quale manca solo la nota ufficiale.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here