B POFF F G4 – Storica Juvi Cremona, batte San Miniato e sale in A2

0

Ferraroni JuVi Cremona – La Patrie San Miniato 56-47 (10-14, 19-11, 11-13, 16-9)

Ferraroni JuVi Cremona: Marco Bona 13 (3/5, 2/4), Elvis Vacchelli 11 (1/2, 3/4), Carlo Fumagalli 8 (2/5, 0/3), Niccolò Giulietti 7 (2/4, 0/0), Enrico maria Gobbato 6 (2/3, 0/2), Jacopo Preti 6 (3/5, 0/2), Ferdinando Nasello 5 (1/6, 1/1), Andrea Sipala 0 (0/0, 0/0), Marko Milovanovikj 0 (0/1, 0/1), Stefano Bandera 0 (0/0, 0/0), Niccolò De martin 0 (0/0, 0/0), Tommaso Dal cero 0 (0/0, 0/0)
Tiri liberi: 10 / 14 – Rimbalzi: 29 6 + 23 (Ferdinando Nasello 7) – Assist: 11 (Marco Bona 4)
La Patrie San Miniato: Antonio Lorenzetti 18 (9/15, 0/0), Nicola Mastrangelo 9 (0/3, 3/5), V.j. alberto Benites 8 (2/2, 1/7), Luca Tozzi 5 (2/4, 0/2), Davide Guglielmi 3 (0/0, 1/5), Edoardo Caversazio 2 (1/4, 0/1), Lorenzo Bellachioma 2 (1/2, 0/1), Giulio Candotto 0 (0/0, 0/0), Stefano Capozio 0 (0/0, 0/1), Marco Ermelani 0 (0/0, 0/0), Leonardo Scomparin 0 (0/0, 0/0), Giosue Tamburini 0 (0/0, 0/0)
Tiri liberi: 2 / 6 – Rimbalzi: 25 3 + 22 (Antonio Lorenzetti 8) – Assist: 9 (Edoardo Caversazio 4)

Ancora una volta, come Venerdì scorso, è stato l’ultimo quarto ad essere fatale all’Etrusca San Miniato. La JuVi Cremona si è meritatamente accaparrata la promozione in serie A2, dimostrandosi più solida, più lucida e più affidabile, sapendo trovare il canestro nei momenti in cui era necessario, ma probabilmente anche meno stanca nelle fasi salienti degli incontri, avendo disputato solo sei partite tra quarti e semifinale, contro le dieci dell’Etrusca, ed avendo tenuto in campo, nella serie, solo sei giocatori oltre i 30 minuti a partita, contro i nove dell’Etrusca. E’ vero, sono solo dettagli, ma sono stati i dettagli a fare la differenza in una serie di finale molto molto equilibrata.

Questa sconfitta lascia tanto amaro in bocca all’Etrusca e ai suoi tifosi, per la consapevolezza di aver sfiorato un risultato incredibile, ma ovviamente non toglie niente alla fantastica stagione dei sanminiatesi, che sono andati ben oltre ogni più rosea aspettativa della vigilia di campionato, qualificandosi per le final-eight di Coppa Italia, vincendo la regular season e giungendo in finale play-off dove sono stati protagonisti e sempre in partita, in tutte e quattro le gare disputate. Un altro dato può essere esemplificativo: in questa stagione l’Etrusca ha disputato quattordici gare play-off, tante quante ne aveva disputate in tutti e sei i precedenti campionati di Serie B a cui ha partecipato.

La partita di stasera, come le precedenti di questa serie di finale, si è svolta all’insegna dell’equilibrio, con margini risicati da una parte e dall’altra. Nel primo quarto è stata l’Etrusca a partire meglio, portandosi sullo 0-4 dopo un minuto, ma la JuVi è presto rientrata, ribaltando il punteggio e raggiungendo a sua volta il +4 al 4° (8-4). Altro cambio di inerzia e La Patrie trova di nuovo la parità al 6° (10-10) con la bomba di Mastrangelo e nuovo allungo di Cremona che va al primo riposo ancora sul +4 (14-10).

Nel secondo periodo l’Etrusca accorcia di nuovo andando a –1 all’11° (14-13) e trovando la parità al 12° (17-17). La Ferraroni prova di nuovo la fuga e va a +5 al 15° (22-17) con la bomba di Marco Bona, ma l’Etrusca  non molla e pareggia di nuovo al 17° (22-22), ma alla pausa lunga è ancora Cremona a condurre di 4 (29-25).

La gara è tirata, intensa, dal basso punteggio per le arcigne difese delle due squadre, ma ancora molto equilibrata. Così a metà della terza frazione è di nuovo parità (32-32) e senza che vi siano vantaggi superiori a due punti si giunge all’ultimo riposo sul 40-38.

La JuVi prova a chiuderla in avvio di quarto quarto, andando sul +4 al 33° (46-42) e sul +5 al 36° (49-44) con la bomba di capitan Vacchelli. Subito dopo il canestro di Lorenzetti ed il libero di Tozzi per fallo tecnico a Jacopo Preti riavvicinano l’Etrusca a –2 (49-47). Per i ragazzi di Coach Marchini è il momento di premere sull’acceleratore, per riportare la serie a San Miniato ed invece si spegne la luce: La Patrie non segnerà più fino alla fine (facendo 0 su 6 da tre punti, 0 su 2 ai liberi e perdendo tre palle, negli ultimi quattro minuti) ed il parziale di 7-0 targato Ferraroni consegna a Cremona le chiavi della Serie A2.

“Sono amareggiato, ma assolutamente non deluso – ha commentato Coach Marchini a fine gara – Sono amareggiato perchè durante la partita ho avuto la sensazione di potercela fare, di poter riportare la serie a San Miniato. Al di là del punteggio questa sera siamo andati davvero vicini ad espugnare il PalaRadi, più vicini di Venerdì scorso. Per alcuni tratti ho avuto l’impressione di aver in mano l’inerzia della partita ma non siamo stati in grado di fare la cosa giusta nel momenti in cui dovevamo dare la zampata. Sono molto orgoglioso di quello che abbiamo fatto durante questa stagione. Il nostro pubblico è stato eccezionale, anche qui a Cremona. È significativo che siamo usciti tra gli applausi del pubblico di casa che ha continuato ad applaudirci quando col pullman abbiamo lasciato l’impianto. E’ stata davvero una bella sensazione. Certo che se avessimo fatto meno errori al tiro, se avessimo perso meno palloni in maniera gratuita … ma questo è lo sport. Siamo riusciti a metterli in difficoltà, a farli giocare male, ma quando abbiamo avuto l’occasione di dare il colpo del KO non siamo riusciti a darlo. Hanno vinto loro, ai punti ma meritatamente. Mi auguro che ci siano le condizioni per continuare con questo gruppo anche nella prossima stagione, per poter dare continuità al lavoro svolto quest’anno.“

Si è conclusa così una stagione esaltante per l’Etrusca, una stagione storica, dove sono stati raggiunti risultati mai ottenuti prima, una stagione che ha riempito di orgoglio tutti i supporters sanminiatesi ed ha consentito di portare il nome della Società e della Città in alto per l’Italia.

Non sappiamo quale Etrusca ci sarà ai nastri di partenza del prossimo campionato, se un’Etrusca simile od uguale a questa oppure una totalmente diversa, quello che sappiamo è che sarà ancora una volta un’Etrusca dal grande cuore, dalla grande voglia di combattere e di dare sempre il proprio meglio.

Uff.Stampa Etrusca Basket