Bisceglie espugna Taranto e rimane in testa a punteggio pieno

di Vito Troilo

Cus Jonico Taranto-Ambrosia Bisceglie 77-97

Cus Jonico Taranto: Giancarli 5 (0-3, 1-2), Sirakov 24 (6-10, 1-2), Potì 21 (6-13, 3-5), Tabbi 8 (1-2, 2-4), De Paoli 11 (5-12, 0-1), Salerno 5 (2-2, 0-1), Bisanti 3 (1-4 da tre), Conte (0-1). N.e.: Pentassuglia, Pannella. Allenatore: Nicola Leale.
Ambrosia Bisceglie: Stella 17 (6-10, 1-4), Torresi 8 (2-3, 1-3), Cena 6 (1-3, 1-2), Drigo 14 (4-11, 0-4), Orlando 22 (6-8, 2-2), Gambarota 16 (6-7, 1-3), Scarponi 14 (1-2, 4-7), Abassi (0-2), Vitanostra, Galantino. Allenatore: Pasquale Scoccimarro.
Arbitri: Gaudino di Nocera Inferiore, Napolitano di Acerra.
Parziali: 14-15; 37-41; 59-70.
Note: spettatori 500, una trentina dei quali provenienti da Bisceglie. Nessun uscito per cinque falli. Tiri da due: Taranto 20-43, Bisceglie 26-46. Tiri da tre: Taranto 8-19, Bisceglie 10-25. Tiri liberi: Taranto 13-16, Bisceglie 15-18. Rimbalzi: Taranto 29 (23+6, De Paoli 9), Bisceglie 32 (22+10, Drigo 11). Assist: Taranto 12 (Giancarli 5), Bisceglie 18 (Orlando, Stella, Drigo 4).

L’Ambrosia Bisceglie ha centrato, sul parquet del PalaMazzola, il quinto successo su cinque partite nel gruppo D del torneo di Serie B. I nerazzurri hanno piegato il tenace Cus Jonico Taranto facendo emergere la superiorità tecnica e la maggiore profondità del roster, lavorando ai fianchi gli avversari, col trascorrere dei minuti sempre più provati sul piano fisico.

Fra i protagonisti del match il pivot Salvatore Orlando (22 punti, 9 rimbalzi, 4 assist): il suo contributo in attacco ha sopperito, soprattutto nel primo tempo, alle polveri bagnate degli esterni Mauro Torresi e Ivan Scarponi, che si sono sbloccati soltanto nel finale. Ottime le prestazioni di Mauro Stella e Giovanni Gambarota.

Trascinati dalle invenzioni di Georgi Sirakov e Stefano Potì, i rossoblu di coach Leale hanno tenuto botta per metà partita, pagando dazio già nel terzo quarto alle rotazioni più corte, con il lungo Tabbi e il playmaker Giancarli gravati di falli. Il Cus Jonico è risalito fino a -7 al 33° . Gli ospiti hanno preso il largo nella seconda parte dell’ultima frazione, chiudendo i conti e concedendo l’onore delle armi alla volenterosa formazione tarantina

FARE CLIC NEL RIQUADRO PER RIASCOLTARE DIRETTA AUDIO

[youtube http://www.youtube.com/watch?v=f_JsUUDSn6E]

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy