Caserta, il basket è tornato all’ombra della Reggia?

Caserta, il basket è tornato all’ombra della Reggia?

In una conferenza stampa è stato presentato il progetto di rinascita della Juvecaserta.

di Emanuele Terracciano

Si è tenuta questa mattina presso il Palazzo della Provincia a Caserta un’interessante conferenza stampa in cui, in maniera parziale, è stato svelato il futuro del basket casertano. All’incontro erano presenti il presidente della Provincia Giorgio Magliocca; Gianfranco Maggiò, figlio di Giovanni e presidente all’epoca dello scudetto; Antonello Nevola, ex direttore sportivo della Juvecaserta e Carlo Giannoni, volto storico del club bianconero. Grandi assenti sono stati gli imprenditori che daranno vita al nuovo sodalizio bianconero poiché, secondo quanto riferito dal presidente Magliocca, preferiscono restare anonimi fino alla chiusura dell’accordo che dovrebbe arrivare entro fine mese.

Torna il basket in provincia di Caserta grazie ad alcuni imprenditori che da alcuni mesi hanno iniziato un percorso che li ha portati a raggiungere obiettivi importanti“, queste sono state le parole con cui Giorgio Magliocca ha aperto l’incontro con la stampa, parole attese dalla piazza oramai da quel fatidico 14 luglio. Confermando le indiscrezioni di stampa degli ultimi giorni, il presidente della provincia ha spiegato che la nuova Juve ripartirà dal titolo sportivo della Dynamic Venafro, compagine militante in Serie B. Le quote della società molisana saranno acquistate dai misteriosi imprenditori facenti parte del progetto già entro fine gennaio e, con la collaborazione di Antonello Nevola, la squadra verrà rinforzata per tirarla fuori dalle zone di bassa classifica in cui attualmente si trova ed evitare una retrocessione che di certo guasterebbe i piani.

Magliocca è poi passato a esporre il nuovo organigramma societario con Gianfranco Maggiò nella veste di presidente onorario che dovrà riscattare a livello federale l’immagine della Caserta cestistica dopo i noti fatti recenti. Amministratore unico della nuova società sarà Antonello Nevola mentre Carlo Giannoni ricoprirà nuovamente il doppio ruolo di segretario generale e addetto stampa.

La nuova società userà marchio e nome Juvecaserta e potrà giocare al PalaMaggiò grazie alla concessione di Raffaele Iavazzi che però, a quanto pare, non sarà parte della nuova compagine societaria.

La categoria, come detto, dovrebbe essere la Serie B, ma, pur essendo un’ipotesi molto complessa da raggiungere, in estate, in caso si potesse prospettare la possibilità di accedere a un titolo sportivo di A2, si potrebbe cedere il titolo di B e, con un’altra società, puntare a quello di categoria superiore.

A questo punto la piazza bianconera attende solo di conoscere chi c’è dietro questo progetto: infatti, più che la categoria o il palazzetto, la gente vuol sapere cosa c’è nel futuro della Juvecaserta e, dopo le delusioni degli ultimi anni, è poco propensa a dare fiducia a occhi chiusi. Ovviamente, la presenza di una personalità del calibro di Gianfranco Maggiò e l’esposizione del presidente della Provincia non può che indurre ottimismo e comunque, secondo quanto dichiarato nella odierna conferenza stampa, le carte dovrebbero essere tutte scoperte nell’arco di una decina di giorni.

Seppure con tutti i dubbi sopra esposti, possiamo con ragionevole certezza affermare che la pallacanestro sta tornando all’ombra della Reggia e, viste le macerie di questa estate, non ci pare poco.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy