DNB: Basket Lecco, sconfitta e occasione persa sul campo di Milano

0

Urania Porta Vittoria Milano – Basket Lecco 83-75 (19-20, 14-18, 24-15, 26-22)

Urania Porta Vittoria Milano: Resca 21 (7/12, 1/3), Torgano 7 (1/1, 1/2), Chiragarula, Bianchi 13 (1/7, 2/3), Masieri 24 (7/10, 2/7), Paleari 11 (5/9), De Bettin 1 (0/3), Janelidze 6 (2/4), Pagani N.E.: Traore’

Allenatore:o

Tiri Liberi: 19/24 – Rimbalzi: 34 25+9 (Masieri 9) – Assist: 11 (De Bettin 6)

Basket Lecco: Casati 5 (1/2, 1/1), Angiolini 26 (4/9, 6/11), Cisse 3 (1/1), Todeschini 7 (3/3, 0/1), Gatti 12 (3/10, 2/9), Bassani 8 (4/7), Crippa 2 (1/2), Novati 9 (3/8, 1/1), Negri 3 (0/4, 1/4) N.E.: Massimo Cesana

Allenatore:o

Tiri Liberi: 2/4 – Rimbalzi: 36 22+14 (Bassani, Novati 9) – Assist: 10 (Novati, Negri 3)

Partita dai due volti quella del Basket Lecco, che si divide tra tre quarti abbondanti di ottima pallacanestro, al cospetto di una Milano talentuosa e ferita, e il crollo verticale degli ultimi minuti di gara, dove l’inerzia del match non ha reso giustizia a un andamento ben più equilibrato di quanto dica il punteggio. Prestazione corale dei blucelesti, che mandano a canestro tutti i nove giocatori messi sul parquet, a fronte dei soli sei tra le file dei milanesi che, però, hanno trovato un Masieri super (24 punti) e un Resca devastante con i suoi 21 punti, molti dei quali con il suo tipico arresto e tiro praticamente infallibile.

La cronaca. Coach Piazza sceglie lo stesso quintetto del match vinto contro Rimini, schierando l’ex di turno Novati in play, Angiolini in guardia, Negri in ala piccola, Gatti in ala forte e Bassani sotto le plance. Coach Ghizzinardi si affida a Resca in regia, Bianchi in guardia, Torgano in ala piccola, Pagani in ala forte e Paleari in pivot; dalla panchina, il talento di Masieri pronto a dare il suo contributo.

Partono bene i blucelesti nel primo quarto, portandosi sullo 0-4 con Novati e Bassani, mentre i primi due canestri milanesi vengono da un paio di bombe di Bianchi (6-4), a cui Negri risponde riportando avanti i suoi, sul 6-7 del 5’. I ritmi del match si alzano e gli ospiti ne beneficiano, sfruttando la verve a rimbalzo offensivo di Bassani (6 nei soli primi 10 minuti) e portandosi addirittura sul +5 (12-17), prima di subire un parziale di 7-1 e di chiudere la prima frazione sotto di una lunghezza (19-18).

Il gran canestro in post di Masieri (21-18) sembra indirizzare l’inerzia della seconda frazione che, invece, a partire dal contributo di Crippa (21-20), vede gli ospiti mettere la testa avanti, costringendo Coach Ghizzinardi al time-out (a 6’09”), sotto di 4 lunghezze (21-25). Nel finale del quarto, i blucelesti continuano a trovare la via del canestro con buona continuità, mentre Gatti fa buona guardia su Masieri nella sua metà campo; per una volta, poi, il canestro sulla sirena non viene subito, ma segnato, grazie a Novati, che infila la tripla che fissa il punteggio sul 33-38.

L’avvio del terzo quarto mette in scena il momento migliore del Basket Lecco, che difende chiudendo l’area, corre tanto e bene in transizione e spara con precisione da oltre l’arco, trovando da Angiolini e Gatti le triple che valgono addirittura il vantaggio in doppia cifra (38-48), suggello di una parziale di 4-10. Coach Ghizzinardi chiama time-out (a 6’17”) e, al rientro,i milanesi cambiano l’inerzia della partita con le stesse armi dei lecchesi, sfruttando la spinta di un pubblico caloroso e piazzando un 11-0 mortifero, prima di chiudere il quarto in vantaggio di 4 lunghezze (57-53), con tutta l’inerzia nelle proprie mani.

Cisse apre il quarto periodo con un rimbalzo offensivo con relativo canestro (57-55) mentre, su un fischio arbitrale discutibile, Coach Piazza si becca un fallo tecnico, che Bianchi è bravo a convertire nel massimo vantaggio dei padroni di casa (61-55). I blucelesti, però, trovano la lucidità per non mollare e, grazie alle bombe di Gatti e Angiolini, chiudono un parziale di 0-8 e rimettono addirittura la testa avanti (61-63), con 6’57” da giocare. Sul più bello, però, i padroni di casa riordinano le idee e mettono la freccia per il sorpasso decisivo, trovando tiri in lunetta in quantità industriale e sfruttando la carestia offensiva dei blucelesti, che vedono la partita scivolare via velocemente e, dopo essere stati sotto anche di 11 lunghezze (82-71), chiudono sul punteggio finale di 83-75.

“Abbiamo pagato il break di 11-0 del terzo quarto” –spiega Coach Piazza al termine, quando abbiamo perso qualche pallone banale e non abbiamo realizzato dei tiri ben costruiti, mentre loro sono stati bravi ad approfittarne”. Riguardo fallo tecnico e arbitraggio, invece, “C’è stato un cambio di metro arbitrale tra primo e secondo tempo, quando sono stati fischiati 22 falli, il doppio dei primi due quarti; non siamo riusciti ad adattarci a questa sproporzione”. La classifica, di conseguenza, resta ferma a quota 8 punti, mentre il girone della stagione in corso si conferma saturo di ottime squadre; il match casalingo di sabato prossimo (ore 21), contro il Basket Lugo, è –almeno sulla carta- decisamente più agevole.

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here