DNB: Costa Volpino, vittoria a due facce su Pordenone

0

VIVIGAS COSTA VOLPINO – PIENNE PORDENONE     70 – 67
( 10-20 , 23-38 , 57-52 )

VIVIGAS : Centanni  26 , Planezio  9 , Meschino  11 , Belloni  2 , Franzoni  10 , Baroni  6 , Becerra  6 , Guerci  ne , Ibrahimi  ne , Azzola  0. Coach : Crotti.

PORDENONE : Muner  10 , Begiqui  0 , Colamarino  20 , Nobile  4 , Rizzetto  ne , Panni  ne , Bosio  6 , Ferrari  17 , Nata  8 , Varuzza  2. Coach : Ciocca.

Arbitri : Leoni Orsenigo e Spinelli di Cantu’ .    Tiri liberi : Vivigas   17/23     Pordenone  8/12      Usciti per 5 falli : Nobile , Centanni  

Spettatori : 250 circa.

Partita senza nulla di particolarmente importante in palio quella andata in scena al PalaCBL e che ha visto due copioni totalmente differenti  trai primi 20 minuti e i successivi visto che i primi sono stati in  totale controllo di Pordenone e i seguenti con una Vivigas letteralmente  trasformata e capace di ribaltare l’andamento del match andando a  incamerare i due punti.Andando con ordine pero’, si inzia con Crotti che schiera Centanni , Becerra , Planezio , Baroni e Meschino tenendo precauzionalmente a riposo per tutti i 40 minuti capitan Guerci mentre la compagina friulana guidata da coach Cece Ciocca,arrivata in riva al sebino gia’ priva del duo Zambon/Galli,risparmia anche Panni e schiera inizialmente Colamarino , Nobile , Ferrari , Bosio e Muner.Si capisce subito che gli ospiti sono piu’ pimpanti tanto da colpire con continuita’,anche dalla lunga distanza (8-14 al quinto) con un indemoniato Colamarino (12 punti per lui all’intervallo lungo) mentre gli arancio-nero paiono sfasati e poco reattivi tanto che le percentuali sono davvero inguardabili e il risultato ne e’ la logica conseguenza (10-20 al decimo).Le sferzate di coach Crotti non paiono contribuire a migliorare la situazione visto che nella seconda frazione di gioco i friulani continuano a giocare con molta piu’ fluidita’ e,sfruttando anche alcune amnesie difensive locali, ampliano il gap a loro favore in 
maniera cospicua fino al +17 per poi approdare alla pausa di meta’ partita sul +15 (23-38).Prestazione davvero contraddittoria in casa orobica con approccio al match totalmente errato e scelte sia difensive che offensive rivedibili.Ma come d’incanto nella seconda parte della partita scende sul parquet la Vivigas che abbiamo avuto il piacere di vedere in molte occasioni in questa stagione : grintosa e rocciosa in difesa,spumeggiante e graffiante in attacco.In men che non si dica il divario viene totalmente ricucito  (16-0 il parziale) con Centanni che“bombarda “ dalla lunga distanza e l’atletismo di Franzoni che infiamma il pubblico (da cineteca la schiacciata “nel traffico”).Pur barcollante Pordenone non cede di schianto e anzi si riorganizza,trovando anche punti importanti da Muner e Ferrari e arriva agli ultimi 10 minuti ancora in corsa per il successo (57-52).La schizofrenica direzione arbitrale tende a rendere fin troppo spigolosa una partita in cui gli animi non parevano troppo accesi.Costa Volpino si affida alle micidiali fiondate e folate di Centanni (26 punti per lui alla fine) per mantenere le distanza in un finale comunque non privo di pathos che premia comunque i padroni di casa bravi,come gia’ detto prima,a saper invertire un trend che pareva alquanto negativo all’inizio.Ed ora ,Domenica,trasferta in quel di Treviso per chiudere la fase ad orologio 
e potersi poi finalmente calare testa e cuore nel sempre affascinante clima dei play off.