DNB EXCLUSIVE: APU-OrziBasket, il big match del Girone B si gioca a Udine

0

Domenica alle ore 18:00, al Pala APU di Udine, andrà in scena il match di cartello della terza giornata di ritorno della DNB Girone B tra APU GSA Udine e Orzinuovi Basket.

Entrambe le squadre sono matricole che hanno disputato la passata stagione i play-off per fare il salto dalla DNC alla DNB. E adesso…hanno la possibilità concreta di lottare per un obiettivo difficile come l’approdo in DNA Silver.

Sia nel bresciano che a Udine, la partita viene sentita come molto importante per la classifica e il  morale delle due squadre. A Udine si annuncia un’altra giornata da tutto esaurito al Benedetti (succitato Pala APU, palazzetto di proprietà dei bianco neri), in quanto le prevendite dei biglietti sono iniziate già da mercoledì! È prevedibile che, oltre al grande spettacolo dato dalle compagini, ci sarà un palazzetto tutto colorato per Udine, sostenuta dal cosiddetto sesto uomo in campo: il pubblico con in testa il gruppo deciso.

Il Presidente Pedone ha più volte trattato il fenomeno con il nome di “APU mania” in quanto l’affetto del pubblico udinese e la passione intorno alla squadra è in continua crescita.

Per le due squadre l’obiettivo è quello di centrare il miglior piazzamento per la griglia play-off e, quindi, per cercare di iniziare bene un’ormai più che probabile post-season. Per entrambe, dunque, sarebbe importantissimo proseguire la striscia di risultati utili di fila: Orzinuovi per mantenere il primato in classifica e, se possibile, staccare i Knights Legnano a pari punti in classifica (26 punti con solo 2 sconfitte). Udine, invece, per accorciare ancor di più la classifica ed avvicinarsi minacciosamente per lo meno al secondo posto, ora distante 4 punti.

La partita non si può dire abbia una favorita, in quanto ad affrontarsi sono le due squadre più in forma del momento.

 

QUI ORZINUOVI

Orzinuovi arriverà a Udine forte del suo primato in classifica insieme a Legnano e di 4 punti in più sull’APU.

Questa squadre proprio la scorsa settimana, ha battuto di 10 punti la co-capolista Legnano con una gran prova corale che è valsa la decima vittoria di fila.

In settimana, però, la squadra, nonostante una buona prova collettiva, ha perso in casa, nell’andata della Coppa Italia o Coppa Adecco DNB, contro Dertona Tortona per 80 a 83.

Per lo spettacolo speriamo che la stanchezza accumulata dai bresciani non incida sull’andamento della partita.

Orzinuovi è una squadra molto ben disposta in campo da coach Eliantonio. Il roaster, come ben si può immaginare, è stato profondamente modificato rispetto la promozione dell’anno scorso, dal momento che la squadra cerca un altro salto di categoria. Gli unici due che non hanno cambiato casacca sono proprio lo stesso allenatore e la guardia Martini. La squadra gode di un ottimo quintetto base che si spartisce al meglio le responsabilità con all’interno ottimi giocatori, come il play Ferrarese il top-scorer stagionale per Orzinuovi, le guardie Palermo e Bertolini, l’esperto centro Chiarello e la forte ala serba Micevic.

L’intero roster bresciano è temibile e annovera tra le sue fila anche Trapella, il friulano Siro Braidot e degli under di sicuro avvenire.

I bresciani dunque sono una squadra assai difficile da affrontare e con una mentalità vincente. È un team che non molla mai.

QUI UDINE

Udine arriva a questo “big match” forte di 8 successi di fila, l’ultimo dei quali nel derby vinto tranquillamente di 17 punti contro il Pienne Pordenone, frutto di un rientro in campo dall’intervallo lungo veramente inimmaginabile. 7 triple di fila hanno spaccato la partita e, a fare la differenza, è stata anche la concentrazione difensiva, che ha concesso solo 64 punti ai pordenonesi.

Udine, dopo un inizio di annata balbettante (4 sconfitte contro Treviso, Orzinuovi stessa, Montichiari e Legnano), ha incominciato a serrare i ranghi e a giocare sempre meglio, arrivando al culmine nelle ultime due gare con Treviso (vinto senza il play Piazza, giocatore importantissimo per Udine) e con Pordenone, arrivando così alle 8 vittorie di fila.

L’APU fa del bel gioco e della difesa forte i suoi marchi di fabbrica. Il roaster è stato modificato sia all’inizio dell’anno che durante l’anno. Il coach, come fortemente voluto dal GM DS Micalich e dal Presidente main sponsor Pedone, è rimasto “il cannibale” Paderni.

Durante l’estate sono arrivati giocatori di spessore tecnico, tattico e atletico per la serie DNB, proprio per puntare in alto anche in questa stagione: Piazza, Dri, Bellina, Ughi, Truccolo, Bianchini, Miniussi (poi tagliato) e Zacchetti. Sono rimasti a Udine oltre agli under Vischi e Paunovic in doppio tesseramento anche gli eroi della passata stagione Munini, Piani (che poi ha fatto marcia indietro) e “l’acchiappa-rimbalzi” Principe.

Nel corso dell’anno la squadra per fare fronte al taglio di Miniussi ha acquistato Gueye da Verona e, per fare allungare ancora di più le rotazioni, è notizia di oggi: è stato inserito nel roaster l’under del ’94 Raul De La Cruz, giocatore versatile, può giocare play/guardia, dotato di grande esplosività e atletismo. Ricordo che il ragazzo sarà utilizzabile fin dalla sfida di domenica.

L’APU pratica un gioco molto aperto e arioso in cui gli esterni sono molto molto importanti, ma anche dentro il pitturato può essere letale con i vari Munini, Principe, Bellina e il lungo-degente Zacchetti (che tutti aspettano in forze quanto prima) a sfruttare ogni minimo errore anche dentro l’area con i loro centimetri. La forza della GSA è data proprio dal fatto che è ben organizzata in ogni settore del campo e sa essere veramente letale.

Note di merito, oltre al coach Paderni e al gruppo in generale, vanno spese per Munini, capitano e grande atleta che si è preso sulle spalle la squadra nei momenti difficili e Truccolo, per altro ex Orzinuovi che riesce a conferire un grande equilibrio sia difensivo che offensivo alla squadra. Con la sua presenza tutto il gruppo è cresciuto e, con lui in campo, dopo il recupero dall’intervento al ginocchio, la squadra ha fatto 8 su 8.

Al pari di Orzinuovi, comunque, anche qui è tutto il gruppo a meritare elogi.

FOCUS SULLA PARTITA

La sfida si potrebbe decidere sull’assetto difensivo delle compagini, dotate di giocatori capaci di attaccare nei più svariati modi: in penetrazione, dalla media e dalla lunga distanza.

Il match però si deciderà anche sulle capacità dei play avversi, ossia Ferrarese e Piazza di distribuire palloni capaci di mettere in ritmo i vari esterni, per esempio per Udine Gueye, Truccolo, Munini, Dri e per l’Orzi Basket Bertolini, Micevic, Palermo e Siro Braidot (se sarà della partita).

Un’altra pezza la metterà chi sarà in grado di sfruttare più rimbalzi sia difensivi che offensivi. Quindi, per la partenza delle azioni, penso ci siano tantissimi duelli individuali da non sottovalutare come lo scontro tra le ali Munini e Micevic e tra centri veterani Bellina- Chiarello e Principe-Trappella.

Un altro aspetto sarà l’apporto delle panchine, che devono avere il compito di poter fare rifiatare tranquillamente i giocatori a disposizione e di garantire punti importanti.

Per vedere questo spettacolo sportivo vi invito tutti ad accorrere al Pala APU domenica alle 18:00.

Chi vincerà? Il responso a domenica sera perché un pronostico è veramente difficile farlo, anche se a fare la differenza, come ricordato, potrebbe essere la stanchezza accumulata in coppa da Orzinuovi.