DNB EXCLUSIVE: Treviso, successo di rango su Montichiari

0

Incontro di cartello al PalaCicogna di Ponzano tra Treviso Basket e Montichiari.
Squadre al completo: la DeLonghi, che ha in prova ancora non tesserato l’esterno Svoboda, può presentare anche Andrea Gracis come nuovo Direttore Sportivo, mentre per i lombardi la novità è l’allenatore Lottici.

Montichiari parte agressiva e questo sembra stimolare i veneti che rispondono a tono riuscendo ad essere più efficaci degli avversari. E’ subito break per i trevigiani che a 6’37” dal termine del primo quarto si portano sul 9-0 con tap-in di Cazzolato su errore di Maestrello. Il primo canestro per Montichiari arriva grazie a Pagliari che fissa il risultato sull’ 11-2 a 5’50” dalla sirena. Ulteriore tegola per Montichiari è il terzo fallo di Perego che arriva poco dopo i 6 minuti di gioco. Quarto che si chiude sul 19 a 9, con 7 punti di Pagliari per i bresciani, mentre Treviso distribuisce il bottino mandando a referto quattro giocatori, tra i quali un reattivo Masocco (4pti).

Ci pensa Bjedov a riequilibrare la partita inserendo a inizio secondo quarto la coppia Parente-Vedovato, togliendo ritmo e agressività alla sua squadra che produce 4 perse e si fa rimontare sul 19-17 in tre minuti. Montichiari è però imprecisa al tiro e il pareggio a quota 25 arriva solo a due minuti dal termine con i liberi di Rodriguez. All’intervallo lungo si arriva sul 30-27 con 9 punti per Pagliari tra i lombardi, mentre per la DeLonghi i punti sono frutto della precisione balistica di 8 giocatori diversi.

L’intervallo si prolunga per un disguido tecnico al tabellone segnapunti: si torna quindi al dilettantismo puro col tabellone manuale per il punteggio manovrato dalla sapiente mano del Responsabile del settore giovanile della DeLonghi, Giovanni Conte. Terzo quarto con partenza convinta di Montichiari, che registra 2 veloci punti di Perego -che rivede campo dopo il letargo di 14 minuti.La rimonta si completa col sorpasso dopo due minuti sul 30-31. Sono 4 punti di un ispirato Gatto a riportare avanti i trevigiani. Ma Vedovato è in agguato e regala ai tifosi nell’ordine un canestro sbagliato, una ricezione mancata e una dormita in difesa che regalano il 37-41 agli ospiti.Ci pensa un convincente Masocco ad agguantare la parità sul 41, risultato con cui si chiude il terzo periodo.

L’ultimo quarto regala una brutta notizia ai tifosi trevigiani: Gatto si scaviglia quando sul cronometro (nel frattempo ripristinato) mancano 7.26 al termine. Treviso tiene botta nonostante qualche svarione (citiamo un passaggio di Raminelli ai Fioi dea Sud) e grazie ad una difesa attenta ed efficace. E’ un lay-up di Cortesi a segnare il +4 (40-45) a 5’24”. Montichiari prova la zona ma la distanza non cala (54-49 a due minuti dal termine).
La partita si innervosisce si frammenta con falli tattici ripetuti da parte dei lombardi. Sul +5 (54-49) a 34 secondi dal termine si rischia la frittatta con un inutile fallo di Cazzolato che fortunatamente per la DeLonghi non ha conseguenze. Finale 60-55.

Prova convincente per la formazione trevigiana che per buona parte della partita dimostra finalmente di essere squadra (lo testimonia anche la buona distribuzione di punti), mettendo in campo una cattiveria agonistica e un orgoglio talvolta smarriti.
Restano da capire i motivi di questa ritrovata energia, da ricercarsi nell’atteggiamento di sfida di Montichiari (in primis un indisponente Stojkov), nella presenza spronante del tifo organizzato agli allenamenti dei veneti, nell’arrivo di Svoboda e di Gracis o in una chimica di squadra finalmente visibile. O alla somma delle singole.
Vale la pena citare la partita “si” di Maestrello e il buon progresso di Masocco che sembra esseresi tolto il complesso di inferiorità che lo limitava a inizio anno.
I problemi sono (o potrebbero esserci) sotto canestro, con un Raminelli non sempre attento, un Vedovato francamente inadeguato alla categoria, sommati al già citato infortunio di capitan Gatto.
Montichiari paga probabilmente un approccio poco sereno alla partita e una conseguente serata storta al tiro. Il solo Pagliari merita la sufficienza.

DE’ LONGHI TREVISO – CONTADI CASTALDI MONTICHIARI 60-55
DE’ LONGHI – Parente 9 (1/2, 1/4), Maestrello 10 (2/4, 2/7), Cortesi 10 (4/6, 0/1), Gatto 11 (5/6, 0/2), Masocco 8 (4/5 da 2), Cazzolato 2 (1/3 da 2), Raminelli 2 (1/4 da 2), Prandin 8 (4/12, 0/1), Rossetto, Vedovato 0 (0/1 da 2). All.: Bjedov
MONTICHIARI – Filattiera 3 (0/1, 1/2), Stojkov 4 (0/2, 0/4), Giovanelli 2 (1/1, 0/1), Rodriguez 11 (1/2, 2/7), Perego 4 (2/6 da 2), Pagliari 17 (3/5, 3/6), Zanella 10 (4/7, 0/1), Tedoldi 0 (0/1 da 2), Scanzi 4 (2/6, 0/1). N.e.: De Guzman. All.: Lottici

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here