DNB: Harakiri Ecoelpidiense, Vasto passa 82-90

0

ECOELPIDIENSE PSE – VASTO BASKET 82-90 d1ts

ECOELPIDIENSE PSE: Fabi 10, Ferroni 4, Boffini 14, Coviello 24, Romani 11, Torresi 5, Pozzetti, Giampieri 14, Traini, Postacchini ne. All. Schiavi

VASTO: Sergio 12, Di carmine 15, Di Pierro 13, Marinelli 14, Serroni 31, Rinaldi ne, Di Tizio 3, Ierbs ne, Durini 2, Menna ne. All. Di Salvatore

 

PARZIALI: 19-27, 29-46 , 54-60 , 79-79 , 82-90

ARBITRI: Vittori di Castorano e Centonza di Grottammare

Spettatori: 300

 

 

GIULIANOVA – Una partita persa, vinta e poi ripersa. Harakiri Ecoelpidiense al PalaCastrum di Giulianova dove si consuma un altro dramma sportivo di una stagione thriller. Una gara che sembrava non dovesse regalare più nessuna emozione già all’intervallo con Vasto saldamente al comando delle operazioni ed una Ecoelpidiense irriconoscibile, lontana parente della squadra apprezzata nelle ultime settimane. Ed invece cosi non è perchè solo questo meraviglioso sport sa regalare emozioni inaspettate.

Pronti via e Vasto mette subito il turbo trascinata dall’ex di turno Serroni, il numero 17 in canotta rossa è scatenato, ne mette dentro 24 nei primi due quarti ed i suoi chiudono avanti di 9 (10-19) il primo periodo. Per i biancoazzurri solo Coviello e Giampieri reggono il confronto ma nonostante ciò la Ecoelpidiense sprofonda al -17 dell’intervallo lungo. Coach Schiavi cerca di scuotere una squadra che sembra aver già mollato ma al ritorno dagli spogliatoi la musica non cambia. Vasto si mantiene sempre in vantaggio di 20 punti, addirittura 23 (36-59) a 4’46” dalla penultima sirena dando l’impressione di poter concludere agevolmente il match. Inizia da qui un’altra partita, si accende Boffini che spara due bombe consecutive intervallate dai canestri di Romani, Ferroni e Coviello. In un amen tutto riaperto, partita che si riaccende. Al 30′ è -11 (49-60). Il pubblico ci crede e con esso la squadra che continua a segnare con Boffini, Fabi e Giampieri. A 9′ minuti dalla conclusione perfetta parità 60-60. Pazzesco. Parziale di 31-14 per la Ecoelpidiense ed inerzia spostata tutta sponda P.S.Elpidio. Ora è bagarre con un testa a testa vibrante fino alla bomba di Fabi a 5’03” che spinge la Ecoelpidiense sul +3 (70-67). Ma è la tripla di Boffini a 1’08” a mandare in visibilio il PalaCastrum col tabellone che dice +4 (77-73). Sembra fatta ma è ancora Serroni a gelare tutti con la conclusione pesante dall’angolo (77-76). L’antisportivo a Di Pierro a 23 secondi dalla conclusione manda Coviello in lunetta che realizza entrambi i liberi (79-76). Il dramma si consuma proprio ora. Ancora Coviello a gestire l’ultimo pallone aspettando un eventuale fallo della difesa, un fallo che non c’è perchè l’ala romana scivola e gli arbitri fischiano l’infrazione di 8 secondi a 15 secondi dalla sirena. Obiettivo mandare in lunetta Vasto che con due tiri liberi non potrebbe comunque raggiungere la Ecoelpidiense. Il fallo arriva ma è sul tiro di Serroni da tre punti quando restano da giocare 3 secondi. Assurdo. La guardia fa 3 su 3 e la successiva rimessa è lo specchio del momento che vive la Ecoelpidiense. Palla sotto per Coviello che per ben due volte fallisce la conclusione. E’ overtime. E’ la fine sostanziale del match perchè nell’appendice non c’è storia. Vasto chiude 82-90, per i biancoazzurri un viaggio di 45 minuti inferno-paradiso-inferno.