DNB: La Sangio crolla nell’ultimo quarto, Pordenone un bel congedo

0

L’ultima sfida della stagione con Pordenone prima della  fase ad orologio è stata giocata come una partita di play off, contraddistinta da ritmi bassi e tensione emotiva. I Draghi per i primi tre quarti sono stati sempre avanti dando l’impressione di poter  chiudere anche la partita ma purtroppo i blu arancio non sono riusciti  ad infliggere il colpo mortale agli avversari e nel quarto periodo in un solo minuto si sono fatti riprendere e sorpassare dai friulani. Guidati dalla prestazione di altissimo livello di Panni autore alla fine di 33  punti la squadra di Ciocca come all’andata è stata in grado nel finale di ribaltare la situazione di svantaggio aggiudicandosi una partita fondamentale in chiave play off. Per Pordenone buone le prove anche di Colamarino e Bosio. Per la Sangiorgese non è stata sufficiente l’ottima prova del capitano Daniele Benzoni autore di  26 punti e 8 rimbalzi ad evitare la quarte sconfitta consecutiva. Buona la prova anche di Alessandro Priuli sempre fondamentale sotto i tabelloni con 9 rimbalzi conquistati e 8 punti segnati, come quella del giovane Beroglio che nei primi due quarti con 13 punti realizzati è stata la spina nel fianco dei friulani. Zanelli ha cercato di fare girare al meglio la squadra fornendo ben 8 assist ma in fase realizzativa ha stentato con 1/6 da tre che non gli ha permesso di realizzare punti importanti. Ce l’hanno messa tutta anche Tomasini, Nasini e Saini alternando buone giocate ad altre meno efficaci. Marusic poco impiegato non è riuscito ad incidere come avrebbe voluto. Sicuramente ancora una volta sono emerse differenze tra veterani e giovani dove qualcuno non ha avuto il coraggio di prendersi le sue responsabilità. Adesso mancano solo le quattro partite della fase ad orologio ed il distacco dall’ottavo posto occupato dalla stessa Pordenone e di 4 punti. Un gap importante da colmare, ma bisognerà onorare la stagione fino alla fine dando il massimo  provandole a vincere tutte nella speranza che alla fine i Draghi possano ritornare a sorridere.

 

LTC Sangiorgese-Pordenone: 73-75  (23-18; 15-17; 13-8; 22-32)

 

 

Coach Albanesi: “Noi abbiamo fatto la nostra partita. Il rammarico è che nei primi due quarti sicuramente avevamo la possibilità di chiuderla e non siamo riusciti a dare lo strappo decisivo. Poi fatta salva la prestazione stellare di Panni che ha fatto dei canestri impossibili, anche impossibili da ripetere secondo me come l’ultimo, per il resto la responsabilità della sconfitta è assolutamente mia. Mi dispiace per i ragazzi ma sul +10 pensavo di dare un minuto di fiato ai titolari, ed invece in un minuto abbiamo preso un 10 a 0 che ha riaperto la partita. La mia colpa è stata credere nella panchina.  Altro aspetto negativo sono stati i liberi. Quest’anno a differenza della scorsa stagione dove tiravamo con l’80% di media abbiamo tirato con il 60% sintomo del nervosismo che ci accompagna da inizio campionato.”

 

Il Presidente Ponzelletti: “La partita è lo specchio degli allenamenti. Senza intensità la pallacanestro è uno sport che non produce risultati. I ragazzi ce l’hanno messa tutta però in questo momento non siamo nella condizione di poter vincere le partite perché abbiamo carenze dal punto di vista fisico e di impatto con qualche giocatore che è fuori condizione. Nelle ultime quattro partite ce la metteremo tutta. Mi auguro solamente che nel futuro della carriera questi ragazzi possano imparare che le vittorie si costruiscono durante la settimana e mi dispiace che non siamo riusciti ad inculcarglielo.”

 

General Manager Tavernelli: “Penso che la partita sia stato lo specchio della nostra stagione caratterizzata da alti e bassi. Probabilmente questo è quello che meritiamo perché questi siamo. Non avendo avuto continuità abbiamo buttato via un sacco di partite alla nostra portata e anche questa sera nonostante i nostri avversari patissero l’assenza del lungo titolare era sicuramente una formazione ai nostri livelli. L’avevamo già persa malamente la avanti di 13 a 3’ dalla fine, quindi un qualcosa in più di noi sotto l’aspetto mentale ce l’anno e in questo momento è giusto che siano davanti.”

 

 

LTC Sangiorgese: Vignati n.e, Tomasini 10, Benzoni 26, Nasini 8, Zanelli 6, Marusic 0, Fabbricotti n.e, Saini 2, Priuli 8, Beroglio 13. Coach: Albanesi

 

Friuladria Pordenone:   Muner 2,  Colamarino 19, Nobile 7, Rizzetto F. n.e, Panni 33, Ferrari 2, Nata 4, Begiqui 0, Bosio 8, Varuzza 0. Coach: Ciocca

 

L’avvio è subito di buon auspicio ed i Draghi con il canestro di  Tomasini  e la tripla di Zanelli si portano sul 5:0 dopo 1’15”.  Con due liberi Nobile prova a rimettere in scia i friulani ma Benzoni riporta sul +5 la Sangiorgese sul 7:2.  Muner e Priuli lasciano il distacco invariato ma con due bombe di Colamarino a 5’11” dalla fine del quarto Pordenone mette la faccia avanti sul 8-10. I Draghi fanno un po’ di confusione perdendo qualche palla di troppo. Ne approfittano gli avversari che con la tripla di Nobile allungano 8-13. La Sangio si scuote e con un parziale di 11-0 grazie ai liberi di Benzoni  le triple di Bertoglio  ed il canestro di Nasini  si porta sul 19-13 a 1’40” dalla sirena.  Nata in lunetta per Pordenone fa uno su due 19-14. Ancora una bomba di Bertoglio porta i Draghi sul  22 -14 . Rispondono i friulani prima con la tripla di Panni e successivamente con due liberi ancora realizzati dal play di Pordenone. Il libero di Saini fa chiudere il primo periodo sul 23-18.

 

Nel secondo quarto la Sangio prova a spingere sull’acceleratore e grazie a quattro punti consecutivi del capitano Benzoni il punteggio è di 27-20 dopo 2’30” di gioco.  Nata in lunetta fa uno su due  27-21.  Benzoni assist fantastico per Priuli che appogia al tabellone per il  29-21. Bosio prova ad accorciare per Pordenone ma con la tripla di Bertoglio è +9 per i blu arancio  32-23 a 5’13” dal riposo lungo. Panni in lunetta realizza due liberi e tiene a galla i friulani. Nasini  con una boba chirurgica porta i padroni di casa sul massimo vantaggio  35:25. Pordenone non demorde e con il canestro di  Bosio e la tripla di Colamarino rientra in partita 35-30 a 2 43. Con i liberi prima di Benzoni e poi di Nobile si rimane sul +5 Sangiorgese. Ancora in lunetta i Draghi con Saini che fa uno su due per il 38-32. Ultimi secondi gioco e Panni con un’altra bomba manda le squadre al riposo sul 38-35.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here