DNB: Pescara in gran giornata, nulla da fare per la Ecoelpidiense

0

ECOELPIDIENSE PSE – PALLACANESTRO PESCARA 70-84

ECOELPIDIENSE PSE: Pozzetti 6, Fabi 18, Boffini 11, Coviello 15, Romani 11, Torresi, Ferroni, Giampieri 9, Traini, Postacchini. All Schiavi

PESCARA: Pepe 12, Rajola 15, Buscaino 16, Timperi 8, Di Carmine, Maino 11, Masciarelli, Timperi 2, Di Donato 3, Dip 17. All Fabbri

Parziali: 17-21, 34-42, 53-66.
Arbitri: Regni e Galassi
Spettatori: 300

GIULIANOVA – Sconfitta onorevole per la Ecoelpidiense che sul neutro di Giulianova perde 70-84 contro la più solida Pescara ma nonostante ciò resta in una posizione di classifica di assoluta tranquillità. Chi pensava ad una squadra abruzzese stanca dall’infernale trasferta a Scafati in Coppa Italia (tre tempi supplementari disputati), si sbagliava di grosso perchè la compagine di coach Fabbri non ha mollato un centimetro ed ha fatto sua la posta in palio grazie ad una domenica perfetta dal campo. 50% da due , 50 % da tre e squadra attenta a non far mai rientrare in partita una Ecoelpidiense che in fondo ha fatto il suo tenendo testa ai più quotati avversari. La partenza è stata equilibrata, il 17-21 del primo quarto metteva in luce un buon Romani mentre sponda biancorossa l’esperienza di Rajola e le triple di Maino portavano i pescaresi al + 8 dell’intervallo. Impossibile sfidare al tiro la compagine terza in classifica perchè dopo il ritorno a -2 a firma di un Fabi (18) sono ancora Buscaino e Pepe a scavare il gap questa volta letale. Al 30′ Pescara avanti di 13 (53-66). Il tutto per tutto elpidiense si infrange contro la maggiore solidità ed esperienza di una squadra sicuramente più attrezzata e che gioca un altro campionato rispetto ad una Ecoelpidiense che non ha demeritato. Sabato prossimo ore 20.30 di nuovo match casalingo in quel di Giulianova contro la corazzata Rieti. Altro impegno proibitivo che segnerà però anche la fine dell’esilio, sette giorni dopo la gara che conta è a Fondi, successivamente il 2 Marzo contro la Stella Azzurra si tornerà davvero a casa.