C SILVER – Fortitudo Scauri, è Francesco Trimboli il nuovo allenatore

C SILVER – Fortitudo Scauri, è Francesco Trimboli il nuovo allenatore

La Società ha deciso di puntare su un allenatore giovane, ma già di grande esperienza, per lanciare il suo progetto che punterà principalmente sui giovani.

di Cesare Crova

Inizia con il botto l’avventura della Fortitudo Scauri in CSilver, con l’ingaggio dell’allenatore Francesco Trimboli, un volto noto a Scauri dove in passato ha rivestito il ruolo di responsabile del settore giovanile.

Arriva ora con un diverso incarico, più importante, che lo vede a capo dell’intera area tecnica, come allenatore della prima squadra e responsabile del settore giovanile.

Francesco Trimboli ha un passato di buon livello come cestista, essendo arrivato a giocare in serie A2 con il Barcellona Pozzo di Gotto, squadra della sua città natale, quindi la carriera di allenatore, che lo ha visto lavorare all’inizio come assistente di figure di primissimo piano (Cesare Pancotto, Franco Gramenzi, Marco Calvani, Giancarlo Sacco, per citarne solo alcuni) fino a essere nominato capo allenatore nella stagione 2015/2016 proprio a Barcellona Pozzo di Gotto. Segue il ruolo di responsabile del settore giovanile, prima a Crema (2016/2017), poi al Basket Scauri (2017/2018). Quindi il passaggio alla Viola Reggio Calabria (2018/2019), come assistente della prima squadra in Serie B, a cui ha fatto seguito, lo scorso anno, la Irritec Costa d’Orlando, dove ha associato al ruolo di vice della prima squadra in Serie B, quello di responsabile del settore giovanile. Ora la proposta della Fortitudo Scauri, che ha puntato con forza su di lui per un progetto a medio lungo termine.

Sono molto contento che la Fortitudo Scauri mi abbia cercato. Ho bei ricordi di quando sono venuto ad allenare qui, tre anni fa. Avrò modo di rivedere persone con cui ho instaurato un bel rapporto e figure nuove della Società. Alla gioia, si associa il grande senso di responsabilità che provo, nel ruolo di capo dell’area tecnica, ma questo non può essere che uno stimolo per chi, come me, è abituato a stare tutto il giorno sul campo. Sono poi stato gratificato perché appena si è saputo che sarei stato il nuovo allenatore, ho ricevuto tantissime chiamate da parte dei ragazzi che ho seguito nella mia precedente esperienza scaurese e questo è per me motivo di orgoglio perché vuol dire che ho seminato e lasciato un buon ricordo del mio lavoro. Adesso progettiamo il futuro, sono già all’opera con Vincenzo Pontecorvo [passato al ruolo di Direttore Sportivo nda] per costruire la prima squadra e programmare quelle del settore giovanile”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy