Il Francavilla ci prova, ma il Palawojtyla è un fortino. La Due Esse vince 82 a 77

0

Anche nella fase ad orologio la storia non cambia: il Palawojtyla è un vero e proprio fortino , e a farne le spese stavolta è la Soavegel Francavilla. E’ stata una bellissima partita, in cui entrambe le compagini desideravano fortemente la vittoria per un miglior piazzamento nella griglia dei playoff. Non il pubblico delle grandi occasioni purtroppo, ma quei pochi, con la passione che li contraddistingue, come ad ogni partita, incoraggiano i loro beniamini duessini. Giunta a Martina anche una buona rappresentanza di tifosi del Francavilla. Da sottolineare però, il nervosismo fra la tifoseria martinese e alcuni giocatori ospiti, Matias Di Marco in particolare. Insomma, tutti i presupposti di una partita non noiosa di pallacanestro c’erano. Inoltre, dopo oltre 2 mesi, ritorna a calcare il parquet Luis Maritano.

MARTINA: Di Bello 0, Danna 11, Fedele 0, Potì 15, Verri 18, Vignali 6, Lasorte 7, Maritano 6, Raffaelli 19, D’Aversa n.e.

2 punti:28/50, 56.0%; 3 punti: 3/18, 16.7%;
Tiri liberi: 17/21, 81.0%; Rimbalzi difensivi 24; Rimbalzi offensivi 14.

FRANCAVILLA: Dagnello 15, Hidalgo 17, Battaglia 5, Coluzzi 2, Di Marco 16, Dalovic 15, Medizza 7, Vitale n.e., Urso n.e., Di Punzio n.e.

2 punti: 16/40, 40.0%; 3 punti: 11/21, 52.4%;
Tiri liberi: 12/19, 63.2%; Rimbalzi difensivi 24; Rimbalzi offensivi 6.

PRIMO QUARTO: Il quintetto base del Martina è composto da Danna, Raffaelli, Potì, Vignali e Verri; per il Francavilla da Dalovic, Dagnello, Di Marco, Hidalgo e Medizza. Nei primi quattro minuti di gioco, sia Martina che Soavegel partono con il piglio giusto, e grazie ai canestri di Verri, Di Marco e Medizza il tabellone dice 9 a 5 per la squadra di casa. La Due Esse è la miglior difesa del campionato, e lo dimostra anche in questa partita: difende alla perfezione, ruba palla e in contropiede colpisce (20-7). All’ottavo minuto scontro tra titani tra Verri e Coluzzi che lottano sotto le plance per i rimbalzi, ma il gomito di quest’ultimo impatta involontariamente il naso di Verri, che lo costringe a stare fermo in panchina per un paio di minuti per le medicazioni. Adesso, si alza leggermente l’intensità difensiva della Soavegel, ma il Martina è lucido e con Maritano fissa il risultato sul 25 a 17. Fine primo quarto.

SECONDO QUARTO: Il Francavilla ritorna in campo più determinata e dimostra di essere una squadra che non molla mai. Canestro e fallo di Hidalgo che riduce fino al -5 il gap (27-22). Gli ospiti sono agguerriti, e Dalovic porta con una tripla il punteggio sul 29 a 27. Sulle successive azioni, il Martina risente del pressing ordinato da coach Olive, perde palla, si innervosisce e Fedele commette un fallo antisportivo ai danni di Dagnello che dalla lunetta realizza uno su due tiri a disposizione. Coach Fantozzi legge bene il momento no della sua squadra e chiama immediatamente time-out. Al rientro, la Due Esse supera agevolmente il pressing, e allunga sul 39 a 34. Sino ad ora molta tattica per il Francavilla, che successivamente al pressing, decide di passare alla zona 2-3 per arginare gli ottimi attacchi costruiti dalla squadra della Valle D’Itria. Prima della sirena conclusiva del secondo quarto, bel canestro di Maritano, che con un gancio sinistro porta il Martina avanti sul Francavilla 43 a 39. A gioco oramai concluso, Di Marco risponde madìndando a quel paese i tifosi martinesi, e l’arbitro gli fischia fallo tecnico.

TERZO QUARTO: Si inizia subito con due tiri liberi del tecnico messi a bersaglio dal capitano arancio-blu Raffaelli (45-39). Il Francavilla torna alla difesa a uomo. Ottimi attacchi per entrambe le squadre, ma il Francavilla non riesce a segnare, a differenza del Martina che è più freddo nel momento della realizzazione; Maritano rientra subito nei meccanismi della squadra di Fantozzi: corre, difende, segna, ma soprattutto domina sotto le plance (54-45). Da qui inizia lo “scontro” tra la tifoseria martinese e Di Marco, autore fin qui di 10 punti. Al settimo minuto riecco la zona di Francavilla, che impedisce all’attacco martinese di costruire un gioco fluido, difatti per tre azioni di seguito il Martina riesce a trovare la via del canestro sulla sirena dei 24 secondi grazie alle iniziative personali di Danna e Vignali. Leggero calo della difesa duessina, e Dalovic e Dagnello ne approfittano. La zona comincia a dare i suoi frutti, e il Martina non trova più il canestro. Il terzo quarto si conclude con una tripla prima della sirena di Dagnello, che porta i suoi per la prima volta in vantaggio sul 62 a 63.

ULTIMO QUARTO: La partita entra nel vivo, ma il Francavilla è sempre in vantaggio nei primi quattro minuti (66-67). Fallo in attacco di Battaglia che non fa altro che aumentare il livello di nervosismo in campo e sugli spalti. A togliere le castagne dal fuoco ci pensa il solito Raffaelli, che da capitano si prende la squadra in mano, e con un’azione da fallo e canestro porta i suoi nuovamente sopra, 71 a 69. Mancano 55 secondi alla fine della partita, e il tabellone dice che la Due Esse è avanti 75 a 72 dopo i tiri liberi messi a segno da Raffaelli. Nell’azione successiva, Di Marco sbaglia la tripla del possibile pareggio, e Verri conquista il rimbalzo difensivo, subisce fallo, e realizza i 2 tiri liberi a sua disposizione (77-72). Francavilla sbaglia, e commette falli sistematici per bloccare il tempo e sperare che la Due Esse sbagli dalla lunetta. 2/2 per Raffaelli (79-72), ma sull’azione successiva tripla di Di Marco che accorcia il gap (79-75). Mancano meno di 24 secondi, e, come è giusto che sia, ancora fallo sistematico: stavolta alla lunetta ci va il martinese Lasorte, (autore nel terzo ed ultimo quarto di una buona prova difensiva) che realizza i suoi 2 tiri liberi (81-75). Il Francavilla sbaglia la tripla del potenziale -3, e ancora fallo sistematico su Raffaelli (a 6 secondi dalla fine) che stavolta fa 1 su 2 dallam linea della carità.
La partita finisce 82 a 77 per la Due Esse. Prossimo appuntamento per il Martina in quel di Bisceglie Domenica 27 Aprile.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here