Inside B Final Eight – Bergamo, la voglia di sorprendere per puntare all’A2

La sconfitta con Orzinuovi non ha lasciato il segno, la BB14 vola a Ozzano per cercare di regalare al proprio patron Massimo Lentsch e alla Bergamo cestista il primo trofeo della loro storia.

di Marco Granata

La sconfitta con Orzinuovi non ha lasciato il segno, la BB14 vola a Ozzano per cercare di regalare al proprio patron Massimo Lentsch e alla Bergamo cestista il primo trofeo della loro storia.

IL MOMENTO: I giallo-neri hanno chiuso al secondo posto il girone d’andata, con un bilancio di 12 vinte e appena tre sconfitte. Qualificazione arrivata con il brivido, complice la sconfitta contro Milano e il fondamentale KO di Cento contro Scandiano. Nel girone di ritorno il blitz in casa della Baltur con ribaltamento della differenza canestri e la vittoria con Piacenza di fatto hanno permesso alla squadra di coach Ciocca di blindare il secondo posto in classifica.

LA CHIAVE: Un collettivo che sa esaltare le proprie stelle, su tutti Ghersetti e Berti, che sono però i primi operai pronti a lasciare il frac per indossare la tuta da operaio, e mettersi a disposizione di un gruppo che ha qualità da vendere ma che ha capito che senza umiltà e solo con i nomi non si va avanti. Su questi concetti il trio Ciocca (allenatore) –  Di Prampero (DS) – Zonca (team manager) hanno costruito intorno al “Gaucho” una squadra di altissima  capacità  tecnica. Anche per questo che l’ultimo acquisto Dimitri Lawers è la classica ciliegina, l’ennesima perla di qualità, di una società che non lascia nulla di intentato per vincere il campionato.

IL PUNTO DI FORZA: Mario Ghersetti, inutile nascondersi,  è  il leader. Giocatore che più invecchia più migliora, il “4” più forte del girone, forse dell’intera categoria. Aveva bisogno di stimoli, Bergamo lo ha accolto e lui vuole ricambiare l’affetto dei tifosi orobici. Non gli basta arrivare alle finali come è successo la scorsa stagione con Udine: a 35 anni ha fame di vittoria. E se si pensa che Bergamo deve vedere ancora la migliore versione di un cecchino come Dimitri Lauwers…

IL PERICOLO:  Gli orobici sanno che non sarà facile affrontare Montegranaro, ad oggi la squadra con il migliore record in Serie B e che punta decisa al salto di categoria . Potrebbe poi essere un antipasto delle eventuali Final Four, visto che a meno di cataclismi i marchigiani sono sicuramente i favoriti nel loro girone anche se i play off ad incrocio possono sempre far uscire qualche risultato a sorpresa. In terra emiliana mancherà sicuramente Tommasini, mentre Berti e Planezio non sono al meglio. Inoltre Lauwers dovrà essere inserito nei meccanismi di un gruppo molto coeso.

IL JOLLY SORPRESA: Alessandro Panni. Il play orobico è una piacevole sorpresa perché armare atleti del calibro di Berti  e Ghersetti non è semplice, anche se tutti vorrebbero essere al suo posto. Invece il regista classe ’91, tra un consiglio di Cazzolato ed un input di Berti, ha acquisito la esperienza necessaria per guidare una corazzata senza perdere le sue qualità di funambolo del parquet. Ora è pronto  per il salto di categoria,  farlo con Bergamo sarebbe il massimo .

LA NOVITÀ : Rei Pullazi.  Il lungo romano continua la sua crescita. Maniacale nell’alimentazione  e negli allenamenti ,  sta dando continuità alle sue prestazioni senza perdere la sua atleticità e migliorando in ogni aspetto il suo gioco. Per la sua meticolosità lo hanno paragonato a Sandro  Dell’Agnello, che anno dopo anno aggiungeva nel suo bagaglio tecnico qualcosa di nuovo. Fronte e spalle a canestro può essere ancora più decisivo, ma se avrà sempre fame di migliorarsi, la serie A lo aspetta.

IL ROSTER

4   BEDINI FERDI  play 193  1999
6   PLANEZIO MARCO  ala 197  1991
10  LAUWERS  DIMITRI  guardia 188  1979
11  CAZZOLATO  NICOLÒ  play-guardia 191  1989
12  PANNI  ALESSANDRO  play  184  1991
13  BERTI  SIMONE  play  196  1985
14  MILANI TOMMASO  guardia 191  1988
18  CHIARELLO  PAOLO  pivot  206  1978
21  BASTONE NICOLA  ala  197  1992
24  GHERSETTI MARIO JOSE ‘  ala- pivot  201  1981
32  OLIVA  BAUTISTA  play  181  1998
55  PULLAZI REI  ala- pivot  203  1993.

ALLENATORE: CESARE CIOCCA

TOP SCORER: Mario Jose  Ghersetti  18,8 punti
BEST LEADER 2 POINTS: Simone Berti  con il 61% (48/79)
BEST LEADER  3 POINTS: Alessandro Panni con il 38% (31/81)
BEST LEADER  REBOUNDER: Rei Pulazzi  con 6 media partita
BEST LEADER ASSIST: ALESSANDRO  PANNI  con 4,2 media partita.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy