Lucca rinasce, DNC primo obiettivo?

0

Ancora non si sono spenti i sentimenti di rabbia e delusione per la fine ingloriosa della Pallacanestro Lucca; archiviate, comunque, colpevolezze e nefandezze varie (ognuno le conserva però nel proprio cuore), oggi si pensa a ripartire.
Veramente la voglia di ricominciare è apparsa già dal giorno dell’annuncio del ritiro della squadra dalla Silver, ma è di questi giorni, al termine della stagione, che appare questo importante annuncio semi ufficiale.
Nella serata di gala del Panathlon Lucca, Bruno Paoli (presidente Libertas Lucca) e Luigi Pracchia ( presidente Centro Mini Basket Lucca), hanno annunciato l’intenzione di fondere le varie società sportive di Pallacanestro che operano ormai da anni nella città e dare vita ad un nuovo progetto sportivo che dovrebbe costituirsi ad inizio luglio con la fusione tra Cmb e Junior Basket (neo-promosso in Serie D).
Nomi storici, quali quelli di Umberto Vangelisti e Nanni Giusti hanno manifestato il sostegno al nuovo impegno sportivo.
L’ambiente, sereno ed amichevole, si è dimostrato ancora abbastanza abbottonato e non ha dato spiegazioni più di tanto; il progetto è sicuramente impegnativo anche perché il tempo di iscrizione della nuova società è limitatissimo e la preparazione di una squadra leader, magari che militi in DNC, deve essere completata entro fine luglio.
Le difficoltà sono però spinta per fare bene e presto, conosciamo chi sta al timone e non abbiamo dubbi sulla loro riuscita. Dobbiamo solo affiancare il progetto cona futura partecipazione sulle tribune superiore anche alle stagioni passate e, chi si sente coinvolto in prima persona, farsi avanti ed offrire il proprio contributo.
Per parafrasare una frase forse un po’ abusata in questi tempi, possiamo affermare senza ombra di smentita che con il cuore, la tenacia e l’iniziativa dei lucchesi, “Si, si può fare”.