Nardò si scatena, vince e convince a Reggio Calabria

0
Poco può la Pallacanestro Viola, orfana di una pedina duttile come Gobbato, a cospetto di un “Leone Ferito”.
La Frata Nardò, finalista di Supercoppa, mostra un basket spumeggiante, dominando in lungo in largo al PalaCalafiore e mettendo in evidenza tutti gli errori, di gioventù e di un’organizzazione di gioco ancora da trovare a pieno dei locali.
I quintetti:Coach Bolignano sceglie Roveda,Mascherpa, Barrile da finta ala piccola con Sebrek e Fall.
L’ex Team Basket Viola e Catanzaro Marcelo Dip è il pivot del Nardò accanto a Enihe sotto canestro con Burini in regia e Coviello e Petrucci esterni.
Si corre forte ad inizio gara. Nardò colpisce avvicinandosi a canestro, la Pall.Viola con qualche tripla.
Il primo mini-break arriva a metà primo quarto con Marcelo Dip ed i suoi piazzati, sempre protagonista.
Il finale di primo quarto manda subito in vantaggio jn doppia gli ospiti con Coviello che non perdona.
I locali provano svariati tentativi di riavvicinamento nella seconda frazioni che vengono puniti regolarmente dagli ospiti.
Ad ogni canestro di Mascherpa e soci corrisponde una bella giocata del Nardò.
Il classe 1998 Edoardo Fontana brilla nella seconda parte di secondo quarto regalando concretezza e bel gioco e facendo capire che, per i reggini, non è una serata agevole, tutt’altro.Il 29 a 44 di metà quarto non lascia scampo a speranze per i reggini che, comunque sia, ripartono a marce alte nel terzo periodo.
La chirurgica prestazione ospite, nuovamente, si conferma una risposta continua agli errori nero-arancio.
Petrucci puntella da tre, Fontana continua il suo ottimo lavoro ed il resto del roster sopporta anche i tiri, di pregevole fattura del duo Mascherpa -Genovese, quest’ultimo non al top che provano a salvare il salvabile per Reggio Calabria.
Nardò sfiora i trenta punti di vantaggio.La sfida termina 59 a 81.
Tanti errori dai quali ripartire per la Pallacanestro Viola anche perché, domenica, sullo stesso campo arriva un Monopoli reduce dalla pesante sconfitta in casa contro la Mastria.
Nardò, causa Covid, probabilmente può considerare le due sconfitte iniziali un errore di percorso. Con un roster così si può pensare in grande.
Pallacanestro Viola Reggio Calabria – Frata Nardò 59-81 (10-22, 19-22, 8-14, 22-23)
Pallacanestro Viola Reggio Calabria: Salvatore Genovese 18 (3/6, 4/13), Giulio Mascherpa 17 (4/10, 2/7), Edoardo Roveda 7 (1/6, 1/3), Luka Sebrek 6 (3/6, 0/4), Yande Fall 5 (1/6, 0/0), Fortunato Barrile 4 (2/5, 0/1), Marco Prunotto 2 (1/3, 0/0), Paolo Frascati 0 (0/0, 0/1), Giovanni Centofanti 0 (0/0, 0/0), Enrico maria Gobbato 0 (0/0, 0/0), Federico Romeo 0 (0/0, 0/0)
Tiri liberi: 8 / 11 – Rimbalzi: 35 14 + 21 (Yande Fall 15) – Assist: 10 (Giulio Mascherpa 4)
Frata Nardò: Edoardo Fontana 20 (9/10, 0/1), Marcelo Dip 14 (6/10, 0/0), Federico Burini 12 (4/7, 1/3), Riccardo Coviello 11 (1/5, 1/4), Emmanuel Enihe 11 (3/6, 1/1), Niccolò Petrucci 9 (1/4, 1/7), Goran Bjelic 4 (2/5, 0/3), Antony Tyrtyshnik 0 (0/1, 0/2), Luka Cepic 0 (0/1, 0/0), Riccardo Bartolozzi 0 (0/0, 0/0)
Tiri liberi: 17 / 20 – Rimbalzi: 49 16 + 33 (Marcelo Dip 14) – Assist: 15 (Edoardo Fontana, Marcelo Dip, Federico Burini, Niccolò Petrucci 3)

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here