RECAP SERIE B/D: Cosa ha detto il 5o turno?

di Giovanni Bocciero, @giobocciero

Quinto turno del girone D del torneo di Serie B che sostanzialmente non ha riservato risultati altamente improponibili, nonostante ci siano stati ben quattro successi esterni a fronte delle sette partite di giornata, dunque più della metà.

TARANTO-BISCEGLIE 77-97: Ha retto per un solo tempo il Taranto prima di sopperire alla forza d’urto del Bisceglie che poteva contare su un roster e delle rotazioni decisamente più amplie. Ad inizio ripresa gli ospiti se ne sono andati anche se i locali c’hanno provato nell’ultimo periodo a rientrare prima di crollare definitivamente. Per il Bisceglie cinque uomini in doppia cifra (Orlando 22, Stella 17, Gambarota 16, Drigo e Scarponi 14), mentre per il Taranto 24 punti di Sirakov e 21 di Alessandro Potì.

VENAFRO-AGROPOLI 75-86: Passa anche sul campo del Venafro la capolista Agropoli che subisce l’iniziale 11-0 casalingo. La reazione non tarda ad arrivare e da lì in poi sono i cilentani a condurre il gioco ed il punteggio respingendo gli ultimi assalti degli avversari. Per l’Agropoli 24 punti di Serino, 18 per Marulli, 12 per Romano, Molinaro e Birindelli che ha aggiunto anche 15 rimbalzi. Per Venafro 19 punti e 13 rimbalzi di Corrall e 16 punti e 9 rimbalzi di Lovatti.

MARTINA-PALERMO 59-68: Successo esterno anche per il Palermo che espugnando Martina Franca resta in scia alle battistrada Agropoli e Bisceglie. Prova di maturità per i siciliani che dopo l’inizio di marca martinese hanno preso in mano le operazioni della gara portando a casa la vittoria. Per gli ospiti Cozzoli 16 punti, Gottini 14, Giovanatto 12 con 12 rimbalzi, Antonelli 8 con 14 rimbalzi. Per i padroni di casa Di Marco 16 punti e 6 assist e Bruno 15 punti.

VASTO-PESCARA 62-65: Va al Pescara il derby d’Abruzzo andato in scena sul parquet del Vasto. Gara che nei primi 20′ ha visto le due squadre fronteggiarsi giocando alla pari. Ad inizio ripresa, invece, sono i viandanti ad accumulare un vantaggio che si avvicina alla doppia cifra prima del ritorno dei padroni di casa che hanno avuto addirittura il tiro che varrebbe l’overtime se solo entrasse. Per gli ospiti 23 punti di Polonara seguito da Di Donato e Rajola fermatisi a 13. Per i locali Dipierro 12 punti e 6 assist, Mirone 11 e 8 rimbalzi e Martelli 10.

CATANZARO-MONTERONI 70-57: Prova di spessore per il Catanzaro che ha il pieno controllo della gara contro il Monteroni dalla palla a due alla sirena finale. I casalinghi schiacciano sull’acceleratore nel primo tempo, mentre amministrano nel secondo tempo, annichilendo gli avversari. Tre in doppia cifra per i calabresi con Scuderi (17 punti), Naso (14) e Battaglia (12). Tre in doppia cifra anche per i salentini con Stefano Potì (17), Mocavero (13) e Leggio (11).

MADDALONI-ISERNIA 85-77: Torna al successo anche il Maddaloni che doma un comunque arzillo Isernia. Avvio equilibrato anche se i locali fanno valere la propria esperienza raggiungendo le venti lunghezze di vantaggio (44-24 al 16′). Al rientro dagli spogliatoi gli ospiti cercano di riaprire il match arrivando più volte a meno 7, ma sono bravi gli avversari a mettergli la museruola. Per i maddalonesi 30 punti di Desiato, 17 di Guastaferro e 12 di Sergio. Per i molisani invece, 18 di Bastone, 17 di Cardinale e 13 di Preite.

MOLA-FRANCAVILLA 98-68: Vittoria larga tra le mura di casa per il Mola di Bari che fa di un sol boccone del Francavilla che nel primo tempo ha anche tenuto il naso avanti. Per i locali Didonna 22 punti, Chiriatti 20, Teofilo 15 e Musci 14. Per gli ospiti Gorreri 31 punti e Salafia 15.

CLASSIFICA: Agropoli e Bisceglie 10 punti, Palermo e Pescara 8 punti, Catanzaro e Martina Franca 6 punti, Monteroni, Maddaloni, Mola e Taranto 4 punti, Venafro, Vasto e Francavilla 2 punti, Isernia 0 punti.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy