RNB 2014, Adecco Cup DNB, La Finale: Latina regina di Coppa, Legnano battuta

RNB 2014, Adecco Cup DNB, La Finale: Latina regina di Coppa, Legnano battuta

Latina vince la Coppa Italia di Serie B.

di Alessandra Ortenzi, @AlessAndrApple

IL COMMENTO (A cura di Davide Uccella)

Un ultimo quarto al cardioplama, un finale da brividi, un post-partita da terzo tempo rugbistico, è un messaggio bello, bellissimo, quello che porta con sè l’ultimo atto delle Final Four in Adecco DNB.  La sfida prometteva tanto, si è verificata la conclusione migliore possibile tra Latina e Legnano: formazioni piene di ex, piene di ricordi, precedenti, il parquet del Parigi ’99 ci ha offerto un match fisico, veloce, pieno di contatti, pieno di emozioni, fino al rush finale. Al 40′ però c’è spazio soltanto per la gioia della Benacquista, il 71-69 che la incorona regina di questa Adecco Cup è frutto della volontà di ferro della squadra pontina. Brava a non mollare dopo l’infortunio di Marco Tagliabue, brava ad uscire dall’angolo del -11 (46-57) con un super parziale di 12-0, brava a crederci nonostante i tanti rimbalzi offensivi conquistati da Knights fino a 2′ dalla fine del terzo quarto (4 a 15, con 7 tiri in più). Dunque tanti extra possessi sfruttati a dovere, un uso del pick n’roll magistrale da parte di Milani ma soprattutto di Tavernelli (in coppia con Arrigoni), quindi una grande capacità di copertura del pitturato, e soprattutto in difesa: questa la ricetta dell’ I-Dek, che si è cullata per davvero nel sogno di vincere finalmente questa Coppa: una Coppa cercata da tre stagioni, e sfiorata 12 mesi fa. A Cecina però lo sgambetto fu di Ravenna, questa volta Latina non si è affidata soltanto al gioco in transizione mancato del tutto nel primo tempo, oppure all’estro di un inesauribile, poliedrico, concreto Manuel Carrizo, maestro delle transizioni e dei possessi più caldi, play in seconda, uomo squadra senza se e ma. Infatti a completare il mix vincente di Garelli  (che bissa il successo dello scorso in DNA con Castelletto, restando in tema di Minors) c’è anche la robustezza di Pippo Gagliardo: l’ingresso nel secondo quarto dell’ex pivot di Ferentino ha dato spazio ad alternative offensive, ma soprattutto ha permesso di migliorare le rotazioni difensive, con una difesa che poi tra terzo e ultimo quarto ha raggiunto il massimo della fisicità. Il finale è di fioretto, un vero e proprio giro di valzer, Latina balla decisamente meglio. E almeno per le prossime ore, continuerà a ballare.

I.Dek L.B. Legnano Knights – Latina Basket 69-71 (24-19, 14-18, 19-16, 12-18)

I.Dek L.B. Legnano Knights: Navarini 2 (1/2, 0/2), Cazzaniga 10 (5/11, 0/2), Penserini 4 (1/1), Tavernelli 24 (4/9, 3/6), Maiocco 5 (0/3, 1/2), Maria Arrigoni 12 (3/7, 1/3), Milani 7 (3/10), Casagrande 5 (1/2, 0/2) N.E.: Guidi, Maiocchi

Allenatore: Ferrari

Tiri Liberi: 18/22 – Rimbalzi: 39 24+15 (Maria Arrigoni 9) – Assist: 10 (Cazzaniga, Maria Arrigoni, Milani, Casagrande 2)

Latina Basket: Bolzonella 12 (3/6, 2/6), Pastore, Tagliabue 4 (2/2, 0/1), Pilotti 8 (1/4, 1/2), Demartini 12 (3/6, 2/5), Uglietti, Bonacini 2 (1/3, 0/2), Carrizo 26 (6/8, 4/4), Gagliardo 7 (1/3, 1/1) N.E.: Nardi

Allenatore: Garelli

Tiri Liberi: 7/14 – Rimbalzi: 25 21+4 (Carrizo 6) – Assist: 14 (Carrizo 4) – Cinque Falli: Bonacini

Arbitri: Dionisi, Dori

LA CRONACA (A cura di Alessandra Ortenzi)

Gli avversari partono con grande concitazione : Tavernelli recupera due tiri liberi dopo aver subito fallo da Pilotti ed i primi due punti sono biancorossi. Una meravigliosa realizzazione da 2 di Bonacini pareggia la gara. Anche l’ex Milani appoggia la palla a canestro con leggerezza e con la stessa eleganza risponde Bolzonella. Due minuti, alternanza di zona e uomo per Ferrari ed equilibrio costante tra queste due squadre ben costruite. La doppia cifra la raggiunge Tagliabue con un appoggio a canestro a 6 e 30 dal termine. Gioco veloce, belle penetrazioni chirurgiche e precisione al tiro. Il Latina Basket c’è. Ma non manca l’ingrediente segreto di Legnano, un Pick and Roll punitivo che frutta la metà dei punti accumulati al 6° minuto di gioco : 14 a 15 per Latina Basket. Sul 17 pari Tagliabue è costretto ad abbandonare il campo per essere stato atterrato da Arrigoni. Non viene elevato fallo, la rimessa sul fondo per il Latina non va a segno ed il recupero frutta la tripla dello stesso Arrigoni che segna e porta in vantaggio Legnano 20 a 17. Latina chiama il timeout ad un minuto dal termine. Al rientro un gioco di tiri liberi porta nel paniere ancora una manciata di punti. Il tempo termina 24 a 19. Stats: 12 rimbalzi a 4 per LEG, 7 rimb off a 1, Arrigoni 8 pts, con 3/5 dal campo, Milani 2 ass, Tavernelli 4/4 tl; LAT 7/13, 54%.

Bolzonella da 3 inaugura il quarto e Maiocco risponde con la stessa moneta. La gara prosegue con sofferenza nerazzurra che viene interrotta dalla bomba di Manuel Carrizo a 3 minuti e 30 di gioco. 29 a 27 e di nuovo tutto da giocare. Si alterna l’esperienza di Gagliardo e Carrizo con la spregiudicatezza di Tavernelli e di Arrigoni. Il 32 pari si raggiunge con la tripla di Carrizo quando mancano 4 minuti all’intervallo lungo. Qualche grossolano errore frutta una sospensione del gioco, senza grandi realizzazioni. Ci pensa Manuel Carrizo dai 6 e 75 (100° da 3 punti) a riportare in vantaggio Latina ad un minuto dal termine. Ma dalla lunetta mancano le 4 realizzazioni che permettono ai nerazzurri di mantenere il vantaggio che viene conquistato da Legnano. Il tempo si chiude 38 a 37 per i ragazzi di coach Ferrari. Stats: LAT 13/26 dal campo ma 6/12 ai TL,  2 rimb off concessi a LEG, Carrizo 15 pts con 3/3 da 3 e 5/5 dal campo + 5 rimbalzi, Gagliardo 4 pts + 3 rimb in 8′ ma 2 falli;  Tavernelli 11 pts, 4 rimb, 3/6 dal campo; Arrigoni (3 falli) – Cazzaniga – Maiocco 19 pts sui 38 segnati ma 8/20 al tiro, il 67% dei tiri presi da LEG, 11 rimb su 20 di squadra, spiccano gli 8 in due di Tavernelli e Casagrande.

La ripresa gioca a favore dei Lombardi che guidano Cazzaniga ad una correzione di tiro di Arrigoni. Latina commette un paio di errori in attacco e in due minuti non si riesce a portare a segno nulla. Cazzaniga lotta sotto canestro e Milani mette a segno. Dopo l’ennesimo errore in attacco, Coach Garelli chiama il Timeout. Al rientro due triple di Tavernelli sanciscono il 9 a 0 in tre minuti per la Latina Basket. Una difesa debole è il problema dei nerazzurri in questi primi minuti di ripresa di gioco. I primi due punti arrivano da Pilotti a 5 minuti di gioco. fortunatamente Carrizo cerca di registrare il gioco che sembra essere sfuggito di mano ai pontini ed in un minuto riescono a realizzare 5 punti e colmare il Gap : 49 a 44. Con la stessa velocità vengono realizzati ulteriori 5 punti + 2 liberi dai biancorossi, dinamici e aggressivi con Cazzaniga e Tavernelli : 55 a 44 quando mancano 3 minuti alla fine del quarto. Un’azione sconsiderata e ben gestita dalla difesa aggressiva di Legnano, frutta una palla recuperate che il giovane e promettente Navarini recupera e mette a segno alla fine di un solitario contropiede. Un bel lavoro di Bolzonella, Carrizo e Demartini porta il frutto di un parzialino di 7 a 0 che regala una fine di quarto di 57 a 53. Stats: Carrizo 19 pts con 7/7 dal campo, 6 rimb, 2 assist, l’anima della rimonta di Latina nel quarto, da -11.

Gagliardo da “esterno” continua ad aggiungere punti al parziale di gioco mettendo a segno una fruttuosa tripla. E’ Demartini a raggiungere il 12 a 0 e riportare in vantaggio i ragazzi di Coach Garelli impedendo agli avversari di segnare per i primi due minuti di gioco. Ferrari è costretto dagli eventi a chiamare il TimeOut, avendo incamerato 12 a 0 in 3 minuti e mezzo di quarto. E’ Tavernelli che appoggia a canestro raggiungendo la parità 59 a 6 minuti dal termine. Si alternano Carrizo e Milani che bilanciano le realizzazioni delle fazioni opposte. Il fallo tecnico di Bonacini regala un libero a Tavernelli e la rimessa biancorossa. Il 37° punto di Carrizo porta in vantaggio il Latina Basket 70 a 66 quando mancano poco più di 2 minuti di gioco. Milani subisce fallo, realizza uno su due dalla lunetta. Il Latina, sulla rimessa, perde palla con Pilotti. Palla Legnano, i nerazzurri combattono sottocanestro impedendo la tripla ma procurando fallo su Arrigoni che realizza 1 su 2 : 69 a 70 e 10 secondi da giocare. Rimessa nerazzurra, fallo su Demartini. Ancora rimessa nerazzurra. Pilotti va in lunetta. Il primo lo sbaglia. Il secondo è dentro. Rimessa….palla fuori…La Coppa è di Latina!

Fotogallery a cura di Marco Magosso & Alberto Tesoro

Tavernelli

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy