Serie B – Alla Scandone non riesce l’impresa: passa la capolista Rieti

Decima vittoria su undici gare per la formazione laziale, che espugna il Del Mauro battendo un’Avellino che non ha per nulla sfigurato.

di Davide Scioscia

Non si ferma la corsa della Real Sebastiani Rieti, che quest’oggi ha sbancato anche il parquet della Scandone Avellino, superandola con il punteggio finale di 77-87. Partita che ha visto i padroni di casa nel primo tempo tenere botta con grande tenacia alla pericolosità offensiva della capolista, che ha scavato il solco decisivo con due triple consecutive arrivate a pochi secondi dalla sirena dell’intervallo lungo, staccandosi dalla minacciosa Avellino che si era tenuta sul -3 fino a quel momento. Nella ripresa i biancoverdi hanno cercato più volte di rientrare in partita, ma gli uomini dell’ex di turno Righetti li hanno puntualmente ricacciati indietro, trascinati dai punti di Loschi (top scorer con 24 punti), Di Pizzo (16) e del veterano Ndoja (13 e 10 rimbalzi); dall’altra parte non sono bastati i punti di Sousa (19), Ani (17) e Brunetti (14).

STARTING FIVE
Scandone: Costa, Marra, Sousa, Ani, Brunetti
Sebastiani: Traini, Loschi, Drigo, Di Pizzo, Ndoja

PRIMO TEMPO – Partono subito forte gli ospiti, che con le scorribande offensive di Loschi e Di Pizzo si portano sul +8 al 3’ (4-12). È ancora Loschi a far male da oltre l’arco, ma dall’altra parte risponde la Scandone con Sousa e Brunetti per il -7 del 6’ (10-17). La guardia ospite è letteralmente on fire: per lui altre due triple che valgono il +13 Rieti, ma Costa reagisce per i padroni di casa firmando cinque punti consecutivi ed all’8’ è 17-23. Continua il momento positivo di Avellino, che riesce a tornare a contatto prima dello scoccare del 10’: le triple di Sousa e Riccio riportano i locali a -3 (23-26). In avvio di secondo quarto torna a segnare Riccio, ma dall’altra parte Ndoja sale in cattedra mettendo a segno sette punti in fila per il nuovo +8 ospite al 13’ (27-35). La Scandone prova a mantenersi a galla con Ani e Brunetti, ma per Rieti è tutto facile davanti con i punti di Ndoja e Di Pizzo: al 16’ è 34-43. Ani sembra essere in gran serata e, nonostante un nuovo canestro di Ndoja, tiene Avellino a -5 al 18’ (40-45). Dopo il nuovo -3 di Riccio, si scatenano gli ospiti, che prima della sirena dell’intervallo riescono a trovare il +9 con due triple incredibili di Loschi e Drigo: al 20’ è 42-51.
SECONDO TEMPO – Al rientro dagli spogliatoi la Sebastiani prova a cambiare marcia con i canestri di Traini e Drigo: al 23’ è infatti +14 (45-59) per la compagine di Righetti. Polveri bagnate per la Scandone, con gli ospiti che ne approfittano, seppur in parte, aumentando il loro vantaggio a 13 lunghezze dopo un altro canestro di Traini al 26’ (47-60). I padroni di casa trovano la via del canestro solo con dalla lunetta, dall’altra parte Rieti trova cinque punti firmati da Loschi e Ndoja per il 51-67 con il quale si chiude il terzo periodo. Avellino prova a rifarsi sotto con due jumper di Brunetti, ma la Sebastiani la ricaccia indietro a -15 grazie alla tripla di Drigo al 34’ (57-72). Passano i minuti, con la formazione ospite che gestisce bene gli ultimi tentativi di rimonta della Scandone e con i punti di Paci e Provenzani tocca il +18 al 37’ (63-81); la partita sostanzialmente non è più in discussione: le fiammate biancoverdi di Riccio e Marra sono tardive e servono soltanto per accorciare il divario. La capolista vince 77-87.

Scandone AvellinoReal Sebastiani Rieti 77-87
Parziali: 23-26; 42-51; 51-67

AVELLINO: De Blasi n.e., Trapani, Costa 9, Marra 11, Sousa 19, Ani 17, Brunetti 14, Riccio 7, Monina, Mazzarese, Marzaioli, Mraovic n.e. Coach: De Gennaro.

RIETI: Sornoza n.e., Toffoli n.e., Di Pizzo 16, Kader, Drigo 12, Loschi 24, Paci 6, Cena n.e., Provenzani 3, Ndoja 13, Traini 7, Diomede 6. Coach: Righetti.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy