Serie B-Elachem Vigevano, presentazione 17ª giornata

Serie B-Elachem Vigevano, presentazione 17ª giornata

I ducali cambiano pelle con l’innesto di Milani. La trasferta di Piadena alla ricerca di riscatto e con nuovi equilibri da costruire.

di Andrew Villani
Piazza-Vigevano

L’avvio del 2020 non sorride alla Elachem Vigevano che, regalando un tempo a San Vendemiano, non riscatta il passo falso con la Sangiorgese e incappa nella seconda sconfitta casalinga in fila. Adesso si ritrova settima, a quota 16 punti, con una solo vittoria di vantaggio su un gruppo di quattro squadre nelle quali rientra anche il prossimo avversario, Piadena, a sua volta battuta da Bernareggio. Abbiamo analizzato la situazione con coach Piazza:

Le prove di maturità con Lecco e San Giorgio son state fallite, però, il secondo tempo con San Vendemiano, lancia un segnale in un progetto che, è bene ricordare, è un anno zero.

“Lo sviluppo di questa partita è stato diverso in confronto alle altre sconfitte. Nel primo tempo, per un mix di sfortuna e poca attenzione per i dettagli, abbiamo fatto scappare gli avversari per poi avere una reazione incoraggiante nella ripresa. Noi siamo partiti con due obiettivi: formare uno zoccolo duro per la prossima stagione e raggiungere i play off. In questo momento siamo dentro le prime otto, ma siamo ancora una squadra che necessità di avere continuità in attacco per applicare intensità in difesa mentre, in una grande, dovrebbe avvenire l’opposto.”

– Gatti, poteva essere il tassello giusto per la Elachem Vigevano, ma si è infortunato ed è stato firmato Milani, guardia/ala in uscita da Napoli in A2.

“E’ un giocatore che non possediamo negli esterni che può, pur non essendo uno alla Tassinari, mettersi in proprio creando anche fuori dagli schemi. Sul mercato vi erano delle alternative come tipologia di ruolo. E’ stata egregia la società a intervenire con tempismo, cogliendo questa opportunità, perchè poteva anche scegliere di restare così. E’ un elemento di personalità, dotato di buon fisico, pericoloso da fuori e che può giocare anche da ala piccola.”

– Con questa scelta si spalancano le porte a differenti scenari tattici.  

E’ una decisione coraggiosa perchè sconfesseremo le idee estive, stravolgendo la nostra natura di base. Abbiamo optato, dopo lo stop di Gatti, per aggiungere talento sul perimetro, portando così Verri ad avere più spazio da 4 tattico per ritrovare brillantezza. Diminuirà il minutaggio in contemporanea di Dell’Agnello e Filippini e ci ritroveremo ad allargare il campo con quintetti versatili. Sarà una squadra simile a quella in C gold con quattro giocatori sull’arco e un solo lungo di ruolo, con più atipicità, più uno contro uno e più propensione alla corsa. Servirà del tempo per ricostruire il nostro modo di giocare con la redistribuzione dei minuti e dei tiri.”

– Piadena in casa, con un bilancio di 4-4, non ha mai battuto una squadra che la precede in classifica, tuttavia, come rendimento e gioco non è parente della squadra affrontata alla 2ª giornata (87-63)

“Sicuramente sono migliorati come rendimento, ma per il resto non sono mutati. Sono una formazione quadrata che ha la rara qualità di essere consapevole dei propri limiti. Hanno acquisito fiducia in sè stessi con una serie di vittorie in volata. Hanno Leone che è un play che sa gestire l’incontro, hanno Corno che è un realizzatore che se si infiamma si può solo auto limitare, hanno Lorenzetti e Olivieri che sono lunghi non grossi ma fisici e atletici e giocatori come Tinsley e Vignali che possono colpire le scelte difensive.”

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy