Serie B – Elachem Vigevano, presentazione 7ª giornata

Serie B – Elachem Vigevano, presentazione 7ª giornata

I gialloblu, ospiti della Gimar Lecco anch’essa a quota 8 punti, inseguono la terza vittoria esterna in fila.

di Andrew Villani
Piazza-Vigevano

La Elachem Vigevano è attesa da Lecco, una delle formazioni più in forma del girone, che nella 5ª giornata, alla sua ultima partita casalinga, ha piegato l’Omnia Pavia. Paolo Piazza, coach dei gialloblu, ci presenta la sfida:

– L’esperienza e il talento di Crema, sia in campo che in panchina, la rendevano un avversario ostico e cosi è stato per un tempo.

“Possiedono qualità da ben altra classifica e, dopo la sconfitta interna con la neopromossa Piadena, avevano la pressione, anche societaria, di fornire una prova di carattere. Nei primi 20′, grazie alla preparazione tattica di Garelli, hanno raggiunto tale obiettivo. Noi non abbiamo attaccato come sapevamo di dover fare. Abbiamo difeso male e, così facendo, non siamo mai andati in transizione. Nella ripresa abbiamo registrato la tenuta dietro, costruito un parziale di 11-0 e Crema, come ogni squadra in difficoltà, ne ha subito le conseguenze a livello mentale. Nell’ultimo quarto, con Mazzucchelli fuori, abbiamo avuto la prima prova veramente convincente di Rossi della stagione.”

– Sublime terzo periodo con Capitan Verri e l’intero pacchetto lunghi sugli scudi. 

“Verri ha fornito una di grande maturità. E’ stato bravo, nel momento di nostra maggior difficoltà, a prendersi delle responsabilità individuali senza forzare e cercando di creare sia per sè che per i compagni. Filippini non arrivava da momento agevole e ha dato un contributo sostanzioso. Dell’Agnello è ancora limitato dalla gestione falli, ma la sua produzione offensiva è clamorosa per la resa in base ai minuti giocati.”

– Passiamo alla Gimar Lecco. Forte vocazione perimetrale (35% con 27 tentativi a partita), grazie al trio Bloise-Mascherpa-Casini, e che può patire il confronto nel pitturato. Nel turno precedente hanno venduto cara la pelle in casa della capolista Padova.

“Coloro che hai citato sono tre guardie/play che gestiscono il ritmo della partita e son abili nel farsi fischiare i falli. Si affidano al tiro da fuori anche di Stefanini (40%, ndr) nel doppio ruolo di ala e di Trentin che può aprire il campo da ala grande e finto centro. Le chiavi tattiche saranno il contenimento del loro pick n’roll, dal quale parte il 90% delle azioni, e il non far diventare protagonisti i giovani della panchina. Non li affrontiamo in un momento favorevole a noi, come è stato con Crema. Con Pavia hanno ribaltato un 2-16 iniziale che, una squadra non in fiducia, non sarebbe mai riuscita a fare. Sono partiti a fari spenti, privi di aspettative ed è la condizione migliore per agire sotto traccia. Restano corti di rotazione, tuttavia sono bravi a interpretare gli incontri e hanno fatto altri scalpi importanti quali Cremona e Varese.”

Sarà uno snodo essenziale per la Elachem Vigevano. 

“Vincere contro di loro renderebbe la situazione interessante. Otterremmo tre successi esterni consecutivi entrando stabilmente, dopo sette partite, nelle prime quattro posizioni del girone. Prima o poi dobbiamo arrivare a respirare a queste vette e, farlo già da ora, vorrebbe dire essere avanti nelle previsioni, almeno come risultati. Attenzione però a Lecco, formazione cinica, che sta castigando con precisione gli errori altrui. Stanno giocando bene e, sulle ali dell’entusiasmo, al di sopra delle loro possibilità. Sarà complicato, tuttavia è una chance importante da cogliere. “

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy