Serie B – Faenza cala il poker con la Juvi Cremona ed è sola in vetta

Serie B – Faenza cala il poker con la Juvi Cremona ed è sola in vetta

Il successo sulla Juvi Cremona regala ai Raggisolaris il primo posto solitario, un risultato mai raggiunto nella loro storia in serie B.

di La Redazione

Rekico Faenza 77 – Juvi Cremona 59
(15-10; 39-37; 56-47)

FAENZA: Fumagalli 15, Gay 9, Costanzelli, Silimbani 7, Samorì, Casagrande 2, Venucci 24, Zampa 6, Petrucci 3, Pambianco, Chiappelli 10, Petrini 1. All.: Friso.
CREMONA: Bona ne, Manini 4, Ababacar 8, Belloni 4, Vacchelli 4, Veronesi 12, Esposito 7, Sipala 3, Perotti, Speronello 8, Contini, Valenti 9. All.: Brotto
ARBITRI: Sidoli – Settepanella
NOTE Uscito per falli: Sipala

Vittoria storica per la Rekico. Il successo sulla Juvi Cremona regala ai Raggisolaris il primo posto solitario, un risultato mai raggiunto nella loro storia in serie B. Una bella soddisfazione per la dirigenza faentina, festeggiata in un PalaCattani caldissimo che ha applaudito i giocatori a scena aperta a fine gara. Un poker arrivato grazie alle solite armi: gioco di squadra, carattere e difesa. Caratteristiche che saranno determinanti anche sabato nella difficile trasferta in casa della Rucker Sanve San Vendemiano.

La Rekico entra in campo molto determinata, provando ad andare subito in fuga impostando il proprio gioco, ma Cremona è brava a restare in partita. Gli ospiti non possono nulla quando Venucci spara due triple consecutive che valgono il 26-16 al 12′, canestro che però fa calare l’intensità dei faentini. La Juvi ne approfitta piazzando un break di 9-0 e trovando poi la parità con Vacchelli sul 28-28. Le risorse della Rekico arrivano dalla panchina con Zampa che segna sei punti fondamentali per arrivare all’intervallo avanti 39-34.

Al rientro dall’intervallo Cremona trova il primo vantaggio con Esposito (41-39) e questa è la scintilla che fa scatenare la reazione faentina. Venucci continua a bombardare da tre e Fumagalli a procurarsi dei giochi da tre punti trasformando anche i tiri liberi e così minuto dopo minuto il gap aumenta fino al 56-47, siglato da un tiro di Silimbani dai 6,75 ancora una volta ottimo a rimbalzo. A fare saltare definitivamente il banco è la difesa che nei primi cinque minuti dell’ultimo quarto concede un solo punto (un libero di Sipala) mentre l’attacco gira a meraviglia colpendo da fuori e da sotto canestro. La Rekico si porta sul 61-48 poi inizia il “Gay show” che con due triple e un gioca da tre punti fissa il 71-50 che fa calare il sipario al 37′. Nel finale c’è spazio per le standing ovation e per i giovani Pambianco, Samorì e Petrini, con quest’ultimo che segna un tiro libero.

PROSSIMO TURNO La Rekico ritornerà in campo sabato 27 ottobre sul campo della Rucker Sanve San Vendemiano (ore 20.30) poi avrà due gare consecutive in casa: domenica 4 novembre contro Olginate (ore 18) e domenica 11 novembre con Desio (ore 18).

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy