Serie B – Faenza corsara a Rimini

Una sontuosa Rekico gioca un derby ai limiti della perfezione in casa dell’Albergatore Pro e sbanca il Flaminio.

di La Redazione

Albergatore Pro Rimini 66 – Rekico Faenza 78
(20-23; 39-42; 50-60)

RIMINI: Vandi ne, Bianchi 6, Pesaresi, Moffa 7, Ramilli ne, Chiari ne, Rivali, Bedetti L. 13, Bedetti F. 23, Rinaldi 16, Broglia ne, Ambrosin 1. All.: Bernardi
FAENZA: Anumba 21, Rubbini 12, Oboe 7, Zampa 8, Calabrese 6, Tiberti E. 12, Bruni 8, Klyuchnyk ne, Sgobba 4, Petrini ne, Tiberti A. ne. All.: Friso
ARBITRI: Biondi – Acella
NOTE. Uscito per falli: Zampa

Una sontuosa Rekico gioca un derby ai limiti della perfezione in casa dell’Albergatore Pro e sbanca il Flaminio, allungando la striscia positiva che l’ha sempre vista vincere sul parquet riminese. Il segreto della vittoria sono stati la mentalità vincente e la grande intensità mostrate sin dal primo minuto e diventate determinanti ogni volta in cui Rimini ha provato a rifarsi sotto. Una grande prestazione arrivata pur dovendo fare a meno di Klyuchnyk, trascinatore della squadra dalla panchina, non venendo schierato per il solito problema alla schiena. Tra le prestazioni dei singoli, c’è da sottolineare quella di Calabrese, ottimo in difesa e preciso in attacco, rivelatosi determinante in una serata dove gli esterni (Zampa e Oboe) hanno avuto problemi di falli.

La Rekico impone subito i propri ritmi aggredendo l’Albergatore Pro e volando sul 9-2 grazie ad Anumba e a Zampa. Rimini si affida in attacco al solo Rinaldi, poi trova le penetrazioni di Francesco Bedetti, perfetto nel piazzare il break che vale il sorpasso: 14-13. Faenza non si scompone: chiude avanti il primo quarto avanti 23-20 poi mette la freccia andando sul 34-25 grazie alla tripla dell’ex Bruni. La RBR ovviamente ritorna alla carica e ancora una volta ci pensa la difesa faentina a mettere le cose a posto e a tenerla a distanza, permettendo così di chiudere il primo tempo avanti 42-39.

Al rientro in campo, Rimini prova ad alzare i ritmi, ma non è l’arma migliore contro una Rekico che si esalta in campo aperto e colpisce con giocate veloci. La morale è che dal 47-47, i Raggisolaris volano sul 60-47 grazie al contributo offensivo di tutti: dalle triple di Oboe e Rubbini ai canestri da sotto di Edoardo Tiberti, senza dimenticare il solito Anumba, autore di 21 punti, sempre al posto giusto e al momento giusto. Il tutto condito dalla solita grande difesa. All’ultimo riposo si arriva sul 60-50 per gli ospiti, bravi a rispondere colpo su colpo quando Rimini prova a dare il tutto per tutto per riaprire i conti arrivando a 4’’ dalla fine sotto 63-68. La voglia di vincere della Rekico è però troppa e così dalla lunetta Anumba ed Edoardo Tiberti mettono i liberi della sicurezza poi tocca proprio al pivot ex di turno, firmare il canestro decisivo che vale il primo successo in trasferta della stagione.

PROSSIMO TURNO La Rekico giocherà ora due partite consecutive in casa, entrambe alle 18: domenica 1 dicembre riceverà la Ristopro Fabriano e domenica 8 affronterà la Goldengas Senigallia.
Per maggiori informazioni

FONTE: Ufficio Stampa Rekico Raggisolaris Faenza

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy