SERIE B FINAL FOUR – L’Urania Milano fa festa, è serie A2! Pescara allo spareggione

SERIE B FINAL FOUR – L’Urania Milano fa festa, è serie A2! Pescara allo spareggione

La formazione allenata da coach Villa è la prima squadra promossa in serie A2 dopo il successo ottenuto su Pescara con il punteggio di 79-74.

di Simone Franco

“Lottare per la gloria, scrivere la storia”. Così recitava uno stiscione dei tifosi dell’Urania Milano che ha lottato ed in questo lungo tardo pomeriggio di Montecatini ha anche scritto la storia conquistando la promozione in serie A2 al termine di una bellissima partita al cospetto di una Pescara che esce comunque a testa altissima e che domani si giocherà l’ultima possibilità di salire di categoria.
CRONACA – La partita inizia con ritmi vertiginosi e gli attacchi che dominano sulle difese. Il primo canestro lo mette a segno dalla grande distanza Leonzio con la formazione abruzzese che si trova decisamente più a suo agio segnando ben 14 punti in poco più di cinque minuti e costringendo coach Villa al time out con la sua squadra comunque sotto di sole tre lunghezze. Alla ripresa delle ostilità non cambia molto con Pescara che allunga sul +8 ma due giochi da tre punti messi a segno da Paleari riportano a contatto l’Urania. Nel finale di primo periodo è Simoncelli il principale protagonista con due realizzazioni dalla grande distanza che consentono ai lombardi di trovarsi alla sirena soltanto sul -1, un affare per quanto visto fino a questo momento. Il secondo tempino si apre con due triple stavolta di Negri per Milano che trova il primo vantaggio della sfida ma l’Amatori è brava a rispondere con Gay e Capitanelli per il 29-32. La gara rimane molto bella anche se si sono abbassate notevolmente le percentuali al tiro e comunque Pescara resta davanti anche se con scarto minimo (33-36 al 16′). Potì dalla lunetta porta gli abruzzesi sul +7 con l’Urania che ha grosse difficoltà a trovare la via del canestro fino agli ultimi sessanta secondi prima dell’intervallo con Paleari e Scanzi che riportano Milano a stretto contatto (38-40). Le squadre rientrano negli spogliatoi e poco dopo il PalaTerme rimane al buio allungando ovviamente i tempi di ripresa della gara che ricomincia dopo ben 50 minuti anzichè i 15 canonici. L’Urania sembra aver tutt’altro atteggiamento soprattutto in fase difensiva ed inizia meglio il terzo quarto anche se la gara resta molto equilibrata grazie a Caverni e Capitanelli che tengono avanti gli abruzzesi (47-48 al 25′). Si segna molto poco in questa fase, poi però le squadre sembrano sbloccarsi anche offensivamente e, dopo il sorpasso di Milano con un canestro di Simoncelli (49-48), Pescara grazie ai tiri liberi si riporta avanti sul 52-54. Il finale di periodo è firmato da Paleari che, con quattro punti di fila, permette ai suoi di arrivare all’ultimo riposo sul 56-54, apparecchiando il tavolo per un intenso ed emozionante quarto conclusivo. L’Urania conquista subito il suo massimo vantaggio (+4) ma una tripla di Leonzio, che torna a segnare dopo diverso tempo, rimette le due squadre a strettissimo contatto al 33′ (60-59). La partita rimane molto bella ed avvincente con nessuna delle due contendenti che riesce a piazzare un allungo importante e si arriva così agli ultimi tre minuti sul 67-66. Una tripla completamente fuori equilibrio di Leonzio regala il nuovo vantaggio all’Amatori ma tre punti di Piunti riportano avanti l’Urania a un minuto dalla sirena. A questo punto su una penetrazione di Leonzio c’è un contatto non ritenuto falloso dai direttori di gara (restano molti dubbi) e dall’altra parte Negri dalla grande distanza firma il +4 a 41″ dalla fine. Caverni dalla lunetta sbaglia entrambe le volte a -30″, il rimbalzo finisce però nelle mani di Potì che fallisce la tripla. Piunti segna due liberi a 22″ dal termine ma Capitanelli riporta i suoi ad un solo possesso pieno di distanza a -16″ (75-72). La palla finisce nelle mani di Simoncelli che subisce fallo e dalla lunetta è glaciale firmando praticamente il successo della sua Milano. La gara si conclude col punteggio di 79-74 per la grande e giusta festa dei giocatori e del pubblico dell’Urania.

Super Flavor Milano – Unibasket Amatori Pescara 79-74 (23-24, 15-16, 18-14, 23-20)

Super Flavor Milano: Andrea Negri 18 (2/4, 4/7), Alexander Simoncelli 17 (2/2, 3/7), Giorgio Piunti 15 (5/10, 0/0), Andrea Paleari 14 (6/8, 0/1), Andrea Scanzi 10 (2/8, 2/7), Giacomo Eliantonio 3 (0/2, 1/3), Riccardo Santolamazza 2 (1/4, 0/1), Daniel Perez 0 (0/0, 0/1), Jacopo Sedazzari 0 (0/0, 0/0), Riccardo Scroccaro 0 (0/0, 0/0), Luca Albique 0 (0/0, 0/0), Michele Piatti0 (0/0, 0/0)
Tiri liberi: 13 / 14 – Rimbalzi: 31 9 + 22 (Giorgio Piunti 10) – Assist: 14 (Riccardo Santolamazza 5)
Unibasket Amatori Pescara: Ennio Leonzio 18 (3/4, 4/6), Andrea Capitanelli 16 (4/10, 2/5), Alessandro Potì 11 (3/7, 1/5), Michele Caverni 10 (3/5, 1/2), Alberto Serafini 8 (3/4, 0/0), Luca Pedrazzani 4 (2/2, 0/0), Flavio Gay 3 (1/6, 0/1), Marko Micevic 2 (1/2, 0/1), Gianluca Carpanzano 2 (0/0, 0/2), Franceco Di donato 0 (0/0, 0/0), Luca D’eustachio 0 (0/0, 0/0), Domenico Fasciocco 0 (0/0, 0/0)
Tiri liberi: 10 / 13 – Rimbalzi: 32 7 + 25 (Alessandro Potì 10) – Assist: 8 (Ennio Leonzio, Michele Caverni 3)

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy