Serie B – “Il basket a Scauri, volti e storie”. Un libro per celebrare i 70 anni della pallacanestro scaurese

Serie B – “Il basket a Scauri, volti e storie”. Un libro per celebrare i 70 anni della pallacanestro scaurese

Sarà presentato sabato 28 settembre, alla vigilia dell’inizio del campionato, l’opera del giornalista Antonio Lepone, che ricorda i primi settanta anni della pallacanestro a Scauri

di Cesare Crova

Si terrà presso il Lido Delizia sul lungomare di Scauri alle ore 18,00, la presentazione del volume di Antonio Lepone Il basket a Scauri, volti e storie, pubblicato per i tipi di Armando Caramanica Editore. Il testo ripercorre la storia della pallacanestro in questo piccolo centro del Lazio meridionale, uno sport che ha permesso alla Società e alla città di essere conosciute a livello nazionale.

Saranno ricordate le origini della Polisportiva Libertas Scauri, con i pionieri che iniziarono a giocare su un campo in terra battuta, il Pinguino, che diventerà la storica Arena Mallozzi, dove nel giro di pochi anni i giovani scauresi porteranno la loro squadra in Serie C (1955). L’attenzione per la pallacanestro a Scauri si farà sempre più importante, nasce la Sporting Club, ed è tale che a cavallo tra la fine degli anni Sessata e l’inizio degli anni Settanta Scauri vedrà calcato il suo campo da importanti giocatori, grazie al torneo internazionale, che andrà anche sul canale della RAI.
Nel 1973 nasce il Basket Scauri e la cavalcata che agli inizi degli anni Ottanta porterà il gruppo di giocatori locali, allenati a loro volta da uno scaurese, Enzo Falso, alla storica promozione in Serie B, con giocatori del calibro di Luigi Ranieri, Giorgio Colarullo, Nicola e Giuseppe Santoro, Lino Falso, Antonio Riscolo, Carmine Violo, e con questa l’inizio dei fasti, che vedrà giocare nello Scauri atleti come Giovanni Biondi, Antonio Di Lella, Roberto Samoggia, Armando Scalzone, Fabio Molinari, Francesco “Ciccio” De Lise, Felice Costanti. Sono gli anni anche della pallacanestro femminile, con la Cestistica Scauri-Marina, che nel 1982 sfiorerà anch’essa la promozione in Serie B.

Nel testo sono ricordati anche i momenti meno belli, che porteranno la squadra a ripartire dalla Serie D, ma soprattutto quelli straordinari degli ultimi anni, con la vittoria della Coppa Italia, l’8 marzo 2015, e la storica semifinale per la promozione in Serie A2, nel 2016.
Tutto questo in un testo appassionato di 500 pagine, condite da oltre 400 foto e con numerose interviste a coloro che, tra giocatori e dirigenti, hanno scritto le pagine più significative della pallacanestro scaurese e saranno ricordati coloro che oggi non ci sono più, Luigi Ranieri, Armando Scalzone, Gianni Colavolpe.

Alla presentazione, moderata dal giornalista de “Il Messaggero” Sandro Gionti, saranno presenti figure dell’eccellenza cestistica, il Sindaco del Comune di Minturno, Gerardo Stefanelli, già atleta del Basket Scauri, che rivolgerà i saluti dell’Amministrazione comunale, il giornalista Mario Arceri, per molti anni al Corriere dello Sport e oggi docente di Comunicazione all’Università degli Studi di Roma “Tor Vergata”, Giovanni Del Giaccio, redattore de “Il Messaggero”; i ricordi saranno affidati a due icone del Basket Scauri degli anni d’oro, Antonio Di Lella, già play della Juve Caserta, e Felice Costanti, uno degli eroi dello storico spareggio di San Severo dove Scauri conquistò la Serie B nel 1984 vincendo 60-64, e al Presidente del Basket Scauri, Roberto Di Cola; le conclusioni saranno affidate al viceprefetto Bruno Strati, già Commissario straordinario del Comune di Minturno.

Sarà presente l’autore, Antonio Lepone, nato a Roma, ma scaurese doc, laureato in Giurisprudenza, una delle penne più acute del movimento cestistico pontino, già autore di tre monografie su Scauri, giornalista de “Il Messaggero”, con cui collabora dal 1988, attività che divide con il suo lavoro di addetto alle Relazioni Esterne del Comune di Minturno, di cui cura anche l’Ufficio del Cerimoniale. Anche lui ex giocatore del Basket Scauri, ricorda “Il movimento cestistico scaurese, per una curiosa coincidenza, iniziò il 29 settembre 1949 con la partecipazione alla I^ Divisione maschile. Scauri è il basket e viceversa e questo sport è divenuto nel tempo un elemento identitario della località turistica del basso Lazio, conosciuta per il mare e la spiaggia, frequentata già dagli antichi Romani. La pallacanestro rappresenta il simbolo di tale comunità ed è nel Dna dei residenti, grazie alle imprese della squadra pontina, impegnata per 18 stagioni nel Campionato Nazionale di serie B”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy