Serie B: il Lecco festeggia la prima gioia casalinga e sprofonda Trieste

di Pietro Fossati

Finalmente Lecco. Al quarto tentativo tra le mura del Bione, la truppa di Coach Meneguzzo riesce a portare a casa la prima vittoria casalinga stagionale, liquidando con uno scarto pesante (75-59) le ambizioni triestine, ridando linfa a una classifica che ancora non risponde alla qualità delle prestazioni. Nella prima vera domenica in cui i blucelesti vincono la lotta a rimbalzo (44-32), i guai fisici non bastano a fermare l’inerzia di un match che, a cavallo tra terzo e ultimo periodo, ha messo in scena la svolta decisiva della serata.

Torna tra le mura del Bione il Basket Lecco che, nel match delle 18, ospita l’ultima della classe Trieste e va a caccia dei primi punti casalinghi, dopo l’ottima e sfortunata prestazione sul parquet di Bologna. Per l’occasione, Coach Meneguzzo deve fare a meno di Piunti, fuori per un mese, mentre recupera in extremis Mascherpa, che si è allenato poco in settimana per un problema di tallonite. In casa veneta, invece, torna a disposizione solo formalmente Marco Diviach, ex gioiellino di Cantù che ha già calcato il parquet di serie A.

I quattro punti in fila di Ban aprono una prima frazione dai ritmi alti, in cui Capitanelli prova a dare la sveglia ai suoi, infilando i primi 6 punti dei padroni di casa (6-7) che, complice il gioco da 3 punti di Mascherpa, si trovano a +2 a metà frazione (9-7). Al rientro dal timeout ospite, il copione del match non cambia e Trieste ritrova la via del canestro, ma è ancora il pivot lecchese a illuminare i suoi (17-15), prima della bomba di Negri che chiude il quarto (18-17).

L’avvio di secondo periodo è all’insegna di errori ai liberi (0/4) e palle perse, mentre gli ospiti sparacchiano da fuori ma provano a mettere la testa avanti in transizione, grazie al contributo del solito Ban (18-21); quando Coach meneguzzo chiama timeout, il cronometro segna 6-54″ all’intervallo lungo. Al rientro, i veneti toccano il massimo vantaggio sul +5 (20-25), ma sono le ali lecchesi a ispirare un contro parziale di 9-0 sigillato dalle penetrazione al ferro di Mascherpa (29-25), preludio del 31-30 dell’intervallo lungo.

La tripla di Todeschini infiamma un terzo quarto ancora ad alti ritmi, mentre la terza bomba di serata di Negri (39-35) costringe Coach Mura al timeout che, al rientro, non sortisce gli effetti sperati, perchè Capitanelli e Pizzul ne segnano 8 in fila per il +7 (47-38). Negli ultimi cinque minuti gli ospiti sono tutti nelle mani di Franco che, con una bomba e un rimbalzo offensivo, tiene a galla i suoi, mentre Capitanelli sceglie gli ultimi secondi del quarto per la bomba che consegna a Lecco addirittura il +9 (50-41).

Un gran movimento in post di De Angelis segna il primo vantaggio lecchese in doppia cifra (52-51), mentre Negri replica in transizione per il +13 (54-41), mentre gli ospiti abusano del tiro da fuori e pagano dazio nella lotta sotto i propri tabelloni e finiscono sotto di 15 (61-46). Al rientro dal timeout veneto, l’unica incognita del match è lo scarto finale che, complice anche lo show al tiro di capitan Negri, flirta più volte con il ventello, prima del 75-59 finale.

TABELLINI:

Basket Lecco: Gnecchi, De Angelis 16 (5/8;1/7), Farinatti 2 (1/6 da 2), Mascherpa 14 (6/9;0/3), Todeschini 6 (0/3;2/5), Corbetta, Dagnello N.E., Pizzul 4 (2/4 da 2), Capitanelli 17 (7/11;1/2), Negri 16 (2/6;3/6). Coach Massimo Meneguzzo.

Jadran Trieste: Batich M. 2 (1/2;0/2), Marusic 7 (3/5;0/2), Ban 19 (6/10;2/5), Ridolfi (0/1;0/1), De Petris 8 (4/8;0/1), Franco 9 (0/3;3/6)), Malalan (0/2 da 2), Diviach N.E., Zobec N.E., Batich D 14 (2/7;3/6).. Coach Andrea Mura.

LEGGI LE PAGELLE DEL MATCH DAL NOSTRO WEB PARTNER

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy