Serie B – Imola cede ad Omegna dopo 45 minuti di grande equilibrio

Partita che aveva visto condurre per oltre 18 minuti entrambe le formazioni, poi finita all’overtime, dove sembrava arridere ai romagnoli, ma ripresa e conclusa da Artioli e Prandin. Buona la risposta di carattere di Imola all’emergenza infortuni.

di Alberto Dalmonte

Omegna rende la visita all’Andrea Costa Imola al Pala Ruggi. Rispetto alla prima d’andata, vinta dai romagnoli di 15 punti, c’è Zugno tra le file ospiti, mentre Imola deve fare i conti con l’ assenza cronica di Errera e quelle, pesantissime, di Sgorbati e Quaglia. Quintetti: Zugno Scali Balanzoni Prandin Sgobba, Fultz Morara Preti Alberti Toffali.
E’ il giovane Alberti, promosso in quintetto per l’occasione, ad aprire le danze, 2-0, bissato subito da Fultz, ancora con l’appoggio al tabellone. 3 falli in 2′ , di cui 2 di Alberti, sono un segnale d’allarme per la difesa di casa, che però vuole mettre subito in chiaro le cose. Omegna arriva al pareggio, ma il primo p’n r Fultz – Morara paga subito, 6-4. Purtroppo arriva presto anche il secondo fallo di Morara, che lascia il campo a -6′, a Zanetti, e Imola si dispone a zona 2-3. Pareggia Artioli, riporta avanti i biancorossi Fultz dalla lunetta, accorcia Prandin 8-7 a metà frazione. L’Andrea Costa ora ha in campo Fazzi e Zanetti, e un carico di falli che consente viaggi in lunetta ospite ad ogni sanzione. Un libero per Toffali dà il +2, e si entra nel settimo minuto col primo canestro del capitano, 11-7. Ancora Preti sale in cattedra dopo un minuto, segnando la ‘sua’ trilpa e subendo fallo: non va il libero, dopo il time out di Omegna, ma anche i piemontesi non segnano. 14-7, entra Corcelli per Preti. Ultimi 2′, Corcelli lancia Zanetti che segna, con fallo, 16-8. Rialza il quintetto per il finale coach Moretti, con Fultz per Fazzi, ma colpisce la grande attenzione difensiva dei romagnoli, che poi si converte in fiducia offensiva, come testimoniano le due triple consecutive di Fultz e Banchi, oltre quella di Del Testa, che poi chiude le marcature sul 23-15. Già 8 di Fultz, ma è il 53% dal campo, contro il 33, a testimoniare il vantaggio e la buona prestazione dell’Andrea Costa.

Secondo quarto. Zanetti guadagna fiducia, ed è protagonista di 3 penetrazioni consecutive che portano 3 punti e un fallo ma anche una persa. Esce per Toffali. Entra anche Morara, che dialoga subito con Fultz e risponde al gioco sotto di Sgobba, poi è Fultz a spezzare gli equilibri con un altra bomba, 33-26, e arriva il time out ospite, con Andreazza assai sopra le righe. Imola si dispone ancora a zona, ma è bravo Balanzoni a penetrarla. Rientra Alberti, che segna subito, 35-28 a metà quarto. Girandola di sostituzioni, gioco spesso interrotto per perse, falli e cambi, a -4′ arriva la tripla di Prandin del 35-31. Time out Andrea Costa. Al rientro arriva la tripla insperata, con Zanetti, e la risposta da 2 di Balanzoni: 38-33. Prandin ha innestato il pilota automatico e segna a ripetizione, ma colpisce ancora Zanetti, da sotto 40-35. Tripla per Artioli, 2 liberi per Balanzoni, ed arriva la parità a quota 40. Imola dilapida un vantaggio di 7 punti, raggiunto 3 volte, nel secondo quarto, ma è stata complessivamente avanti per quasi 19 minuti. Le percentuali al tiro hanno virato a favore di Omegna, 48% contro 44, così come i rimbalzi, 21 a 15, ma ha 9 perse a 5. In doppia cifra Fultz e Zanetti tra i biancorossi, Balanzoni e Prandin per la Paffoni.

Terzo quarto. Vantaggio Fulgor con Sgobba, che poi allunga con Prandin, 40-45, mentre Morara fallisce 3 occasioni consecutive da sotto. Arrivano 2 punti da Fultz, ma risponde subito Zugno con canestro e fallo, 42-48. Decisamente meno bel gioco e più confusione in questi primi 4′, col punteggio che non decolla. Ne approfitta Moretti per la sospensione, anche perchè Imola sta perdendo lucidità nelle trame e si rifugia nei tentativi dall’arco, ahimè poco fortunati. Riesce invece la tripla a Scali, e Omegna scappa: 42-51. Andreazza può concedere il riposo a Sgobba e Prandin, e arriva subito il canestro di Fultz, 44-51, e Morara, 46-53. Gioco da 3 di Balanzoni, +10, risponde con un libero Toffali. 49-58, botta e risposta Procacci Preti, ma arriva anche la bomba di Procacci, +12. Accorcia Preti a gioco fermo, 51-61, poi Balanzoni ha gioco facile nell’area imolese. Gli risponde Banchi, 53-63, che poi fa 2/2 dalla lunetta, e si va al mini riposo sul 55-63. Omegna ha saldamente preso le redini dell’incontro, infliggendo un parziale di 23-15, e permettendosi di fare ampio uso delle rotazioni, mentre per Imola scarseggia l’ossigeno.

Quarto quarto. Canestro con la mano in faccia per Toffali, 57-63, fa valere tutta la sua forza Sgobba contro Zanetti e risponde. Contro risposta di Toffali, poi la persa per fallo in attacco di Del Testa, Imola ricuce, con l’appoggio facile di Morara, 61-65. Episodio dubbio sulla sirena dei 24” che suona mentre un arbitro sta fischiando un fallo contro Preti, al rimbalzo contro Sgobba. Viene considerato valido il fischio, 2/2 di Sgobba, a cui replica Toffali, 63-67. Gran contropiede dei biancorossi, con Morara a segno, e -2 per l’Andrea Costa che sta stupendo per il cuore che butta in campo. Dopo il time out di Andreazza, segna Zugno, mentre Fultz fallisce la tripla. Preti risponde a Prandin, 67-71, a metà frazione. E’ Fultz a lasciare lì la difesa ospite e appoggiare per il nuovo -2, poi una gran difesa obbliga la Fulgor ai 24”, ma Fultz fallisce il jumper del pareggio. Esce Banchi col 5° fallo, in precedenza stessa sorte per Scali, e Procacci segna i due liberi. Persa palla in attacco, Imola la recupera poi in difesa. La riperde, la riconquista e si entra nei 2 minuti finali, con Preti che riporta a -2, 71-73. Ancora persa per Omegna, fallo su Morara al tiro, lunetta: uno su due, ancora tutto in bilico, con Sgobba che manca la bomba al 39°, Corcelli che cattura il rimbalzo e va a conquistarsi un fallo a -33”: ancora un errore, pari 73 e time out ospite. Errori di Sgobba, poi di Toffali che si sente la tripla ma la fallisce, e lascia 5-6 secondi al contropiede Fulgor, che però fallisce con Del Testa. Supplementari (secondi consecutivi per Imola, dopo Rimini).

Tempo supplementare. Errori al tiro per quasi 2 minuti, quando si sblocca un Corcelli fin qui a secco dal campo, e piazza la tripla. Omegna sbaglia a ripetizione, ma in difesa chiude bene sul contropiede di Corcelli, ancora 76-73 a meno di 1 minuto e mezzo. Arrivano due punti con Del Testa, poi Procacci spende il quinto fallo, Fultz va in lunetta e fa 2/2, Imola a +3 e time out ospite. Del Testa centra la tripla frontale per il nuovo pareggio, 78, e time out di casa. La diesa ospite legge il p’n r Fultz Morara e ruba palla, andando a segnare in contropiede con Artioli. Preti conquista fallo e 2 liberi a 8” dal termine, ma sbaglia il secondo e Omegna fa sua la palla, segna un libero con Prandin, poi stoppa Corcelli sul tentativo in extremis e chiude a 79-83 con altri 2 liberi a gioco ormai finito.

Amarezza per Imola che perde la seconda consecutiva all’overtime ma poco da recriminare, dopo che era riuscita a riprendere una partita che sembrava solidamente indirizzata verso la squadra ospite. Omegna sembrava padrona della partita, e ci ha messo più del previsto per chiuderla. Sugli scudi un Balanzoni da 21 punti e 27 di valutazione, seguito da Prandin e Del Testa e da uno Sgobba in doppia doppia. Quattro in doppia cifra anche per l’Andrea Cpsta, con la doppia doppia di Preti e 26 di valutazione.

Andrea Costa Imola Basket – Paffoni Fulgor Omegna 79-83 (23-15, 17-25, 15-23, 18-10, 6-10)
Andrea Costa Imola Basket: Robert Fultz 19 (4/8, 2/6), Jacopo Preti 16 (4/6, 1/3), Marco Morara 11 (5/7, 0/4), Matteo Zanetti 10 (3/5, 1/3), Davide Toffali 8 (2/6, 0/4), Alessandro Banchi 7 (1/5, 1/3), Alessandro Alberti 4 (2/4, 0/0), Nunzio Corcelli 4 (0/1, 1/2), Luca Fazzi 0 (0/1, 0/0), Luca Franzoni 0 (0/0, 0/0)
Tiri liberi: 19 / 28 – Rimbalzi: 34 6 + 28 (Jacopo Preti 12) – Assist: 14 (Robert Fultz 5)
Paffoni Fulgor Omegna: Jacopo Balanzoni 21 (7/10, 0/1), Roberto Prandin 16 (4/7, 2/4), Giorgio Sgobba 13 (4/12, 0/1), Maurizio Del testa 10 (2/4, 2/6), Giorgio Artioli 8 (2/5, 1/1), Alessandro Procacci 7 (1/7, 1/3), Cesare Zugno 5 (2/5, 0/0), Guido Scali 3 (0/0, 1/3), Lorenzo Neri 0 (0/0, 0/0), Lorenzo Segala 0 (0/0, 0/0), Emanuel Terreni 0 (0/0, 0/0)
Tiri liberi: 18 / 25 – Rimbalzi: 44 10 + 34 (Giorgio Sgobba 10) – Assist: 12 (Roberto Prandin 4)

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy