Serie B – Impresa Scauri che viola l’ostico campo di Valmontone

Dopo tre sconfitte consecutive, i delfini scauresi trovano la giusta concentrazione e si impongono sovvertendo il pronostico

di Cesare Crova

Probabilmente all’inizio ci credeva solo Renato Sabatino, ma dopo i primi minuti di gioco si è capito che sarebbe stata una partita diversa. E così Scauri, sovvertendo il pronostico che la vedeva sconfitta in partenza, si impone con merito davanti alla più quotata Virtus Valmontone.
Va detto che la formazione casalina si presentava senza due pezzi da novanta, come Matteo Pierangeli e Innocenzo Ferraro, che all’andata avevano dato un contributo notevole all’affermazione di Valmontone, ma va sottolineato che anche Scauri doveva pagare un dazio importante rinunciando a Dante Richotti, tenuto precauzionalmente a riposo per un risentimento muscolare. Ma la straordinaria ecletticità e il disincanto dei giovani ragazzi scauresi ha permesso loro di trasformarsi a distanza di tre giorni dalla brutta sconfitta contro Salerno, tirando fuori dal cilindro una prestazione di altissimo livello.
Le ridotte rotazioni di Valmontone costringono Donato Avenia a schierare in quintetto Bozo Misolic, insieme a Simone Rischia, Dario Scodavolpe, Luca Bisconti e Samir Mathlouthi, cui risponde Scauri con Andrea Longobardi, Davide Serino, Vincenzo Provenzani, Joshua Giammò e Simone Manzo. Dopo un primo vantaggio casalino, firmato Scodavolpe, è Scauri a prendere le redini dell’incontro, arrivando a toccare i +11 (6-17 a 5’38”), vantaggio che tocca il +13 (15-28) a un minuto dalla fine, grazie a Longobardi, prima che Valmontone chiuda il periodo sul 19-28.
Nel secondo periodo la musica non cambia, con Scauri sempre a dettare legge, grazie a una grande intensità difensiva e a una maggiore precisione al tiro in attacco (si sfiora il 60%), mentre anche le percentuali di Valmontone non sono da meno. Il vantaggio scaurese si mantiene intorno agli 8-10 punti, prima che nella seconda metà del quarto Valmontone riesca a riavvicinarsi pericolosamente e grazie a Luca Bisconti si porti a -1 al 17’15” (34-35). Ma qui esce fuori l’imprevedibilità dei ragazzi di Scauri che grazie a due tiri da tre punti di Simone Manzo negli ultimi 50” crea un divario importante e chiude il primo tempo sul 36-45.
Nel secondo tempo continua l’avvincente punteggio a fisarmonica, che vede Valmontone riavvicinarsi e Scauri riallungare, in una partita non consigliata per coloro facilmente emozionabili. Il vantaggio scaurese oscilla tra i 4 e gli 8 punti, prima che Mathlouthi fissi il punteggio del terzo periodo sul 58-61.Ci si aspetta un ultimo periodo da cardiopalmo, con Valmontone che dà l’impressione di poter tornare prepotentemente in partita, ma non ha fatto i conti con uno Scauri che in soli tre giorni Renato Sabatino ha saputo rivitalizzare a dovere. Il vantaggio scaurese oscilla sempre tra i 3 e i 5 punti, con le medie realizzative alte per entrambe le squadre, ma è nel momento topico che Scauri mostra maggiore freddezza, grazie ai giovani Provenzani e Manzo, che con i tiri liberi portano Scauri a +10 a 45” dal termine, chiudendo di fatto una bellissima partita e ottenendo una vittoria insperata, ma strameritata per quanto si è visto in campo, che si conclude sul punteggio finale di 82-90.

Tra le fila di Valmontone, non sono bastate le prove di un monumentale Luca Bisconti (20+7, 7/11 al tiro e 28 di valutazione), Dario Scodavolpe (16 e 6/10 al tiro), Simone Rischia (21+6 e 4/4 ai liberi), ben supportati da Edoardo Giovara (7+5) forse non ben utilizzato, Mirko Gentili (13) e Samir Mathlouthi (3).
Nelle fila di Scauri, da sottolineare le straordinarie prestazioni dei giovani under Simone Manzo (17+5, 4/5 da due punti, 2/4 da tre punti, 8 assist e 22 di valutazione in 40’ giocati), un’autentica spina nel fianco della difesa casalina, e Vincenzo Provenzani (19, 3/4 da due punti e 3/4 da tre punti  e 4/4 ai liberi), accanto ai quali le prove dei “soliti” Andrea Longobardi (18+6 con 3/5 da tre punti) e Davide Serino (21+9, 7/7 da due punti, 7/11 ai liberi e 29 di valutazione) che ha dato vita a un bellissimo confronto con Luca Bisconti, ottimamente supportati dall’esperienza di Joshua Giammò (10 con 6/6 ai liberi), che ha saputo dare un prezioso contributo nei momenti importanti dell’incontro.

Molto soddisfatto al termina della gara l’allenatore Renato Sabatino, che ha dimostrato, se ce ne fosse ancora bisogno, di come sappia preparare e leggere le partite, ottenendo una vittoria in cui credeva solo lui e che risponde con i risultati a chi vorrebbe la sua panchina a rischio, dimenticando lo straordinario campionato che sta facendo con un gruppo di ragazzi alla loro prima esperienza nel campionato di Serie B, nel quale si trovano a lottare per i play-off. Come sempre, anche nel trionfo Renato Sabatino mantiene la sua calma serafica: “Sono molto contento, perché abbiamo vinto una partita preparata bene, nella quale ha funzionato tutto quello che era stato previsto e dove abbiamo giocato con grandissima intensità. Pensavamo che qualche atleta avversario giocasse in una posizione diversa, cosa che ci avrebbe messo in grande difficoltà, ma così non è stato e ne abbiamo tratto giovamento. Sono contento per i ragazzi, dopo la sconfitta contro Salerno, e ci riprendiamo quello che non avevamo ottenuto nella partita di andata, nella quale senza Longobardi avevamo sfiorato una vittoria che avremmo meritato. Ora pensiamo a riposarci e goderci questa vittoria, frutto dell’impegno e del sacrificio dei miei ragazzi, in vista del prossimo incontro con Patti, che auspichiamo ci servirà per muovere ulteriormente la classifica”.

Adesso sguardo rivolto alla prossima impegnativa partita contro il Patti Basket, alla disperata ricerca di punti salvezza, per una classifica che vede Scauri ora a 20 punti con Catanzaro, Tiber e Costa d’Orlando, in lotta per l’ultimo posto per i play-off e a due punti dal settimo, ma sopratutto con sei punti di vantaggio su Venafro, sconfitta dal Palestrina, che occupa la dodicesima posizione che significa play-out. Una vittoria che ridà il giusto morale ai ragazzi di Scauri e che fa guardare con più ottimismo al prosieguo del campionato.

 

 

Virtus Valmontone – Basket Scauri 82-90 (19-28, 17-17, 22-16, 24-29)

Virtus Valmontone: Dario Scodavolpe 16, Luca Bisconti 20, Simone Rischia 21, Mirko Gentili 13, Samir Mathlouthi 3, Bozo Misolic 2, Edoardo Giovara 7, Edoardo Ugolini, Innocenzo Ferraro n.e., Leonardo Di Francesco n.e., Abdel Kader Aatata n.e., Giovanni Quartarone n.e.
Allenatore: Donato Avenia

Basket Scauri: Dante Richotti n.e., Davide Serino 21, Raffaele Marzullo 2, Simone Manzo 17, Vincenzo Provenzani 19, Andrea Zolezzi 3, Andrea Longobardi 18, Federico Casoni, Alexandru Varga n.e., Joshua Giammò 10, Gabriele Gainnetti n.e.
Allenatore: Renato Sabatino

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy