Serie B – La Luciana Mosconi Ancona espugna Civitanova

Con un ottimo terzo quarto la squadra di Stefano Rajola si prende il vantaggio che saprà poi gestire nel finale nonostante il tentativo di rimonta dei padroni di casa.

di Alessandro Elia

Seconda vittoria di fila per la Luciana Mosconi Ancona che raddoppia nel giro di quattro giorni il proprio fatturato in classifica e aggiunge altre dosi di fiducia sul proprio cammino. I ragazzi di coach Rajola passano in casa della Virtus Civitanova al termine di una partita maschia e giocata ad alta intensità. I dorici hanno sfruttato la loro maggiore profondità di organico e un terzo quarto ai limiti della perfezione specialmente nella propria metà campo offensiva. Dopo un primo tempo a strappi i bianconeroverdi sono tornati in campo nella ripresa con l’atteggiamento giusto. Una difesa attenta ha subito soltanto 7 punti da una Virtus che dal +4 del 20′ è passata al -12 di 10′ dopo. La Luciana Mosconi avrebbe dovuto chiudere i conti a inizio di ultima frazione ma qualche attacco affrettato e 5 triple di fila dei padroni di casa hanno riaperto il match con Civitanova a -3 con un solo minuto da giocare. Nel giro di lancette finale la squadra di casa non ha trovato il jolly e ai dorici sono bastati due liberi per chiudere i conti e far passare la paura.

Rajola mischia le carte all’inizio. Quintetto di partenza tutto nuovo con capitan Centanni e Paesano che partono dalla panchina e in campo subito Potì e Gospodinov. L’inizio della Luciana Mosconi è buono con lo 0-4 iniziale ma poi Civitanova si accende e prende il comando. Lusvarghi si fa sentire sotto canestro e anche l’ex Casagrande sembra in serata. Ancona segna poco e dopo 6′ è sotto 12-6. Stesso margine che si avrà al suono della prima sirena con locali avanti 17-11.
La Luciana Mosconi tira malissimo da fuori (appena 1/11 da tre punti a metà partita) ma a inizio di secondo quarto va in vantaggio trovando punti dalla panchina firmati Rattalino ed Oboe e i primi canestri di Potì (17-21). Civitanova però risponde e ribalta il punteggio trovando il suo massimo vantaggio (30-23) con l’appoggio da sotto di Lusvarghi e il 2/2 di Felicioni. Leggio deve convivere con i 3 falli, ed è Paesano a segnare gli ultimi punti degli ospiti nel primo tempo portando i suoi sul -4 al 20′ (37-33).
Nell’intervallo Rajola pretende una difesa più concentrata. E quando si riprende a giocare il coach pescarese viene accontentato. Civitanova è presa alla gola da una pressione precisa e asfissiante. La tripla di Centanni mette Ancona avanti dopo 1′ di terzo quarto (37-38), Civitanova è costretta a perdere palloni ai limiti dei 24″ e a trovare conclusioni affrettate. Sul 44-45 gli ospiti scavano il solco che li porta sul 44-56 dell’ultimo intervallo. Paesano e Centanni firmano il parziale concluso da una volata di Potì in contropiede direttamente sulla sirena.

Dopo 3′ di ultimo quarto la Luciana Mosconi tocca il suo massimo vantaggio (48-61) e c’è la sensazione che basti davvero poco per dare la spallata decisiva alla partita. Civitanova si affida alla sua intensità e al tiro pesante che fino a quel momento non l’aveva certo aiutata. La tripla di Milani per il 51-61 è un campanello d’allarme per Rajola che avverte il pericolo e chiede time out. La sospensione serve però a poco perchè i dorici si fanno prendere dalla frenesia. Letture affrettate in attacco e conclusioni sbagliate. Dall’altra parte Rocchi segna da 3 per il -8 e subito dopo lo imita ancora Milani per il 57-61 a -3’26” dallo stop con un nuovo time out richiesto dalla panchina anconetana. A -2’22” dalla fine  Centanni muove finalmente il punteggio (57-63) e dopo l’errore di Casagrande c’è la conclusione vincente di Paesano per il 57-66 a 1’40” dalla fine con il minuto richiesto stavolta da Mazzalupi. Si riparte e Civitanova trova la tripla di Rocchi, Centanni sbaglia dall’altra parte e con un solo minuto da giocare Amoroso trova il canestro del -3 (63-66). Rossi fallisce il primo match point per Ancona che perde subito dopo un buon Oboe per falli. A 25″ dalla fine, uscendo da un altro time out, Rocchi si prende la tripla dall’angolo per il possibile pari ma Centanni stoppa la conclusione dell’esterno civitanovese. Sul ribaltamento Casagrande commette antisportivo ed esce per falli. Leggio fa 1/2 ai liberi e subito dopo c’è il fallo di Amoroso stavolta su Paesano. Anche il lungo romano segna un solo libero ma è ormai sufficiente per una Luciana Mosconi che pur avendo paura si prende meritatamente i due punti in palio. Finale 63-71 dopo la tripla da lontanissimo di Rossi a giochi ormai fatti.

Rossella Virtus Civitanova Marche – Luciana Mosconi Ancona 63-71 (17-11, 20-22, 7-23, 19-15)

Rossella Virtus Civitanova Marche: Tommaso Milani 14 (4/11, 2/6), Marco Lusvarghi 12 (5/6, 0/0), Simone Rocchi 11 (1/1, 3/10), Riccardo Casagrande 10 (4/10, 0/1), Matteo Felicioni 8 (0/2, 2/3), Francesco Amoroso 5 (1/6, 1/4), Marco Vallasciani 3 (0/3, 1/4), Tommaso Cognigni 0 (0/1, 0/0), Harold Primitivo 0 (0/0, 0/0), Pietro Ciarapica 0 (0/0, 0/0), Lorenzo Andreani 0 (0/0, 0/0)

Tiri liberi: 6 / 6 – Rimbalzi: 39 14 + 25 (Marco LusvarghiRiccardo Casagrande 12) – Assist: 12 (Tommaso Milani 4)

Luciana Mosconi Ancona: Simone Centanni 18 (3/4, 4/9), Alessandro Paesano 17 (7/11, 0/2), Tommaso Rossi 15 (2/2, 3/6), Alessandro Potì 10 (3/4, 0/1), Luca Rattalino 4 (2/3, 0/0), Gianmarco Leggio 3 (1/3, 0/3), Veselin veselinov Gospodinov 2 (1/1, 0/0), Francesco Oboe 2 (1/1, 0/2), Michele Caverni 0 (0/2, 0/3), Thomas Aguzzoli 0 (0/0, 0/0), Pietro Mancini 0 (0/0, 0/0), Francesco Carboni 0 (0/0, 0/0)

Tiri liberi: 10 / 12 – Rimbalzi: 35 5 + 30 (Alessandro Paesano 8) – Assist: 15 (Simone Centanni 6)

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy