Serie B – La Luciana Mosconi Ancona sconfitta in casa dall’Andrea Costa Imola

0

Primo k.o. interno per la Luciana Mosconi che al termine di 40′ di battaglia lascia i due punti all’Andrea Costa Imola capace così di inanellare il suo secondo successo consecutivo.
Quello imolese è un successo meritato al netto di ciò che si è visto al Palarossini. Gli ospiti tengono in mano una partita che i padroni di casa soltanto in un paio di volte hanno dato la sensazione di ribaltare. Imola conduce anche di 11 punti nel primo tempo, poi subisce la fiammata dei ragazzi di Coen che vanno anche a mettere il naso avanti prima di chiudere sotto di due punti il primo tempo. Nella ripresa Imola accelera nuovamente e tocca il +13 ma perde per espulsione due elementi cardine terminando avanti di 8 punti al 30′. La Luciana Mosconi prende fiducia contro un avversario che inevitabilmente è privato di alcune certezze. Panzini si prende la squadra sulle spalle e dopo 3′ di ultimo quarto c’è il sorpasso con tre tiri da tre punti del Capitano. Quintali di inerzia nelle tasche dei locali ma qui l’Andrea Costa compie un mezzo miracolo. L’esperienza di Ranuzzi e Trentin, la freschezza di Fazzi e Tognacci tengono a galla l’Andrea Costa che riesce a rispondere per le rime ai colpi dei dorici. Finale da punto a punto con la tripla decisiva di Tognacci a 27″ dalla fine che mette gli emiliani sul +2. Con 8″ sul cronometro arriva il tentativo da tre di Carnovali per il classico “gol dell’ex” che però non arriva e lascia l’amaro nel team di casa. Come a Senigallia la Luciana Mosconi non ha saputo insistere quando le cose stavano andando per il verso giusto. Un punto forse su cui lavorare e ripartire perchè il cantiere di Coen è ancora abbondantemente aperto.

Si segna poco nel primo tempo con Imola che rimane a secco nei primi 3′ e la Luciana Mosconi comanda 4-0 a -6’37” con il primo time out di Grandi. Gli ospiti si sbloccano con le triple di Montanari e Ranuzzi e conducono 9-16 contro gli anconetani opachi su entrambi i lati del campo.
Nel secondo quarto irrompe Corcelli. Il capitano dell’Andrea Costa segna 9 punti di fila e firma da solo il 14-25 a -6’21” dall’intervallo lungo. Coen striglia i suoi che nella seconda parte di periodo accendono la luce. Controparziale di 12-0 che porta addirittura Ancona avanti 26-25 grazie la tripla di Tourè a -1’57”. Sembra un’altra partita rispetto a prima con Imola che colpisce con Tognacci e Ranuzzi e riesce comunque a presentarsi avanti 29-31 a metà partita.
Montanari torna a colpire a inizio di terzo quarto e Imola conduce 34-41. Sul 37-45, a -3’02” dall’ultima mini pausa, arriva il secondo tecnico fischiato a Montanari e successiva espulsione. Imola tiene il vantaggio aggiornando anzi il massimo vantaggio (40-53) a -2’05”. Gli arbitri distribuiscono tecnici a Giombini e Ranuzzi e poi un antisportivo il suo secondo, a Corcelli a 55″ dalla fine del terzo periodo. Anche il capitano dell’Andrea Costa torna negli spogliatoi e non potrà rientrare più. Imola chiude avanti 48-56 il terzo capitolo di gara ma sa bene che gli ultimi 10′ non potranno essere tranquilli.
Alla Luciana Mosconi non sembra vero e ne approfitta subito. Lollo Panzini segna tre triple da urlo, Bedin è un leone in area e realizza due punti di pura energia. Parziale di 11-2 e dopo 4′ di ultima frazione c’è il controsorpasso dorico. Ancora inerzia nelle mani e dovere di chiudere i conti per una Luciana Mosconi che spreca un paio di opportunità ulteriori e rimette in fiducia gli imolesi. Il baby Fazzi (classe 2002) è playmaker affidabile, il resto lo porta l’esperienza di Ranuzzi e Trentino. Le squadre sono a contatto e a 2′ dal termine la nuova tripla di Panzini mette Ancona sul 69-68. Fazzi sbaglia da tre e la Luciana Mosconi sciupa un’opportunità. Giombini (dominante a rimbalzo con 16 carambole arpionate) esce per falli a -1’21” dal termine. Si va avanti e arriva la palla persa di Ranuzzi e la tripla frontale fallita da Tourè. Il cronometro corre e a 27″ dalla fine c’è la tripla dall’angolo di Tognacci che riporta Imola avanti. Ancona cerca la risposta, a -8″ c’è il tentativo da oltre l’arco di Carnovali che stride contro il ferro per niente amico dell’ala lombarda. Dall’altra parte Ranuzzi viene mandato in lunetta ed è glaciale per il 2/2 del 69-73 che sancisce il risultato finale.

Luciana Mosconi Ancona – Andrea Costa Imola 69-73 (9-16, 20-15, 19-25, 21-17)

Luciana Mosconi Ancona:Leonardo Ciribeni 22 (2/3, 3/4), Lorenzo Panzini 17 (1/4, 5/8), Alberto Bedin 13 (5/10, 0/0), Mohamed Toure 7 (0/4, 1/4), Yannick Giombini 6 (1/1, 1/5), Tommaso Carnovali 2 (1/4, 0/7), Matteo Ambrosin 2 (1/4, 0/1), Nicola Calabrese 0 (0/0, 0/1), Davide Petrilli 0 (0/0, 0/0), Sega Tamboura 0 (0/0, 0/0)

Tiri liberi: 17 / 22 – Rimbalzi: 42 12 + 30 (Yannick Giombini 16) – Assist: 10 (Lorenzo Panzini 3)

Andrea Costa Imola:Alex Ranuzzi 16 (3/7, 1/5), Luca Montanari 12 (0/2, 4/8), Nunzio Corcelli 10 (3/5, 1/4), Lorenzo Restelli 9 (3/5, 1/2), Carlo Trentin 7 (2/4, 1/2), Federico Tognacci 7 (2/5, 1/3), Luca Fazzi 7 (1/4, 1/3), Pietro Agostini 5 (2/4, 0/1), Tommaso Marangoni 0 (0/0, 0/1), Matteo Barbieri 0 (0/0, 0/0), Samuel Roli 0 (0/0, 0/0), Federico Spagnoli 0 (0/0, 0/0)

Tiri liberi: 11 / 16 – Rimbalzi: 35 9 + 26 (Alex Ranuzzi 10) – Assist: 9 (Alex RanuzziPietro Agostini 2)