Serie B: L’Aquila Palermo cala il pokerissimo. Vittoria “spettrale” contro un’ottimo Vasto

di Giovanni Trovato

Striscione esposto dai tifosi palermitani fuori dal PalaMangano
NUOVA AQUILA PALERMO 75-VASTO BASKET 72 PALERMO: Marzo, Cozzoli 13, Antonelli 13, Gottini 16, Tagliareni 4, Merletto 12, Rizzitiello NE, Giovanatto 9, Dragna 8, Caronna.  Coach: Paolo Marletta. VASTO: Dipierro 5, Antonini 2, Di Tizio 7, Ierbs, Durini 29, Martelli 2, Cordici 2, Lagioia 25.   Coach: Sandro Di Salvatore. ARBITRI: Edoardo Lunghi, Roberto Corbari. PARZIALI: 17-11, 14-23 (31-34), 24-18 (54-52), 21-20 (75-72).
Davide Tagliareni
PALERMO. Atmosfera quasi surreale quella del Palamangano, dove alla presenza deipochi ( e soli ) giornalisti presenti, Aquila Palermo e Vasto si sono affrontati in un match valido per la sesta giornata di campionato e che si è chiuso con il punteggio finale di 75-72 in favore della formazione palermitana. Primo quarto con partenza sprint dell’Aquila,che in un paio di minuti firma un parziale di 8 a 0 che segna l’intero quarto, perchél’imprecisione sotto canestro di Vasto lascia gli ospiti dietro alla sirena di 6 lunghezze. Ildistacco sarebbe potuto essere più largo, se gli abruzzesi non si fossero difesi con attenzione. Nel secondo quarto Vasto però aggiusta la mira, e riesce prima ad avvicinarsi fino al -2 dopo 13′, poi a conquistare un vantaggio di misura che si porta dietro fino alla sirena di metà gara. In questo senso decisive tre triple consecutive realizzate dall’ala ospite Lagioia, che approfitta di una calo nelle percentuali dei tiratori di casa, visibilmente condizionati dall’assenza di pubblico, che in una situazione così delicata avrebbe sicuramente dato il suo apporto in maniera importante. Nella ripresa la musica cambia ancora, perché il rientro sul parquet di Antonelli, fuori dai primi minuti perché carico di tre falli, fa la differenza, con l’Aquila che ritorna in partita con un piglio diverso, ben più concentrati e attenti nelle conclusioni. Pesano nel punteggio anche i fischi piuttosto discutibili del secondo arbitro Crobari, che penalizzano a tratti e a tratti l’altra squadra. Positivo l’ingresso anche di Taglireni, che ha guidata i biancorossi con personalità verso il controsorpasso. Sono però ancora le triple di un Lagioia con percentuali mostruose dall’arco a portare ancora avanti, seppur di misura, Vasto, ma la classe di Cozzoli e Gottini consente all’Aquila di tornare a +3 a meno di un minuto dal termine e che, portati con saggezza, regalano due punti preziosissimi, visto come si stava delineando la gara. L’Aquila Palermo porta così a cinque le vittorie consecutive in campionato, confermandosi come terza forza del girone, insieme a Pescara, prossima avversaria domenica prossima nel big match alle spalle delle capolista Agropoli e Bisceglie.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy