Serie B – Napoli piazza la decima, anche l’HSC s’inchina alla GeVi

Serie B – Napoli piazza la decima, anche l’HSC s’inchina alla GeVi

Ancora in volata, ancora una vittoria. Ed è la decima consecutiva, per una Napoli che grazie a un terzo quarto sfavillante, riesce ad arginare il rientro dell’HSC.

di Davide Uccella

Ancora in volata, ancora una vittoria. Ed è la decima consecutiva, per una Napoli che grazie a un terzo quarto sfavillante, riesce ad arginare il rientro dell’HSC. Avanti nel primo tempo, la formazione capitolina si rialza, trascinata dai suoi quattro moschettieri Costi, Dron, Fokou e Mouaha. Ma decisivo è il 19-0 Gevi in apertura di ripresa, che porta la firma del solito, immenso Simone Bagnoli.

IN PIU’ BROKER ROMA – GENERAZIONE VINCENTE NAPOLI 82-84

PARZIALI: 26-19; 44-37; 56-67

ROMA: Di Simone 3, Di Paolo, Mouaha 24, Costi 23, Dron 6, Bruni 13, De Robertis ne, Rubinetti, Ndzie K. 3, Fokou 10, Ndzie B., Greggi ne. All.: Bizzozi.

NAPOLI: Guarino 9, Chiera 14, Malagoli 2, Erkmaa 1, Molinari, Di Viccaro 17, Dincic 11, Giovanardi ne, Bagnoli 21, Puoti, Milosevic 3. All.: Lulli.

ARBITRI: ATTARD di PRIOLO GARGALLO (SR) e CASTIGLIONE di PALERMO

C’è Kevin Ndzie nel quintetto HSC, insieme ai soliti Bruni, Mouaha, Costi e Fokou. Napoli opta per Guarino, Chiera, Milani, Dincic e Bagnoli. All’avvio esplosivo di Mouaha, la Gevi prova a rispondere con la zona 2-3 ma Costi la battezza a dovere, sfoggiando un gran feeling col canestro dall’arco (sarà 4/7 di squadra al 10′). Per adattarsi meglio Bizzozi schiera anche Dron, match winner dell’andata per i capitolini, così sul 20-12 HSC Lulli rivoluziona il quintetto inserendo Di Viccaro, Molinari e Milosevic. Serbo che debutta alla grande in sottomano, ma dopo le triple Napoli subisce nuove scorribande di Bruni e Mouaha, quindi la transizione di Fokou per il +10 della In più Broker. Limita i danni la Gevi con la tripla di Di Viccaro, in un parziale letto alla grande dalla formazione di casa.

Puoti e Malagoli in campo offrono una line-up inedita per Napoli, ben sfruttata in avvio di seconda frazione da Milosevic e Guarino (26-22). Sponda HSC l’ingresso di Rubinetti non convince, continua invece a farlo Costi in transizione, dando il via a un altro break con le bomba di Bruni e il debuttante Di Simone, completato dal 2-1 di Mouaha che affonda Napoli a -13 (35-22). A stretto giro, con oltre 5′ da giocare e un tecnico pesante, la Gevi raggiunge il bonus: restano in campo sia Malagoli sia Erkmaa, tutt’altro che convincenti, ma Lulli gli affianca Chiera e Dincic, che insieme alla bomba di Vince di Viccaro riavvicinano la Gevi (37-32 a 2’44”). HSC decisamente meno incisiva sotto le plance, ma che grazie a cinque punti del rientrante Mouaha – gli ultimi in un contropiede da manuale confezionato da Bruni – compensa alla grande il 5/6 dalla lunetta degli ospiti. Ultima azione con Di Viccaro abbondante dall’arco, 44-37 per la In Più Broker al giro di boa.

I primi 5′ della ripresa sono tutti di Napoli, che apparecchia un magico 19-0. A ispirarlo Simone Bagnoli, che pur rientrando e giocando di squadra, dà sicurezza rimbalzo e apre le danze solo rete dai cinque metri. Seguono le triple di Guarino e Chiera per il primo vantaggio Gevi, costringendo Bizzozi al time-out con 7’34” da giocare (44-45). Il coach dell’HSC mette Di Simone al posto di Fokou, annullato dalla gladiatoria difesa di Milani, che però sia da tre sia con la rubata si unisce alla fiera offensiva impreziosita ancora da Bagnoli in tandem con Dincic: sul 44-56 a 4’41” nuovo time-out di Bizzozi, Mouaha cerca di prendersi la squafdra sulle spalle ma palleggia tanto e forza troppo da fuori. Napoli dal canto suo ringrazia con i tre liberi di Chiera, l’inesauribile fosforo di Bagnoli – rimpiazzato poi da Malagoli – e la nuova bomba di Di Viccaro che vale il 51-65 a 1’24” (7/16 di squadra dall’arco), ma con la zona 2-3, il 2+1 di Costi e il canestro in toreada di Dron l’HSC non molla: 56-67 al 30′ .

Sono ancora il lungaccione l’ex Mens Sana e il folletto moldavo a riaprire il match, con un bel 5-0 nei primi 2′ di ultima frazione. Fokou con due stoppate su Erkmaa e Bagnoli regala attimi di spettacolo, il centrone Gevi regala punti di puro ossigeno sulla sirena ma Costi è scatenato: il n.11 timbra un’altra tripla, neanche 30” e completa un prezioso back-door, quindi il percorso netto in lunetta che vale il -1 HSC a 5’54” dalla fine (68-69). Si torna in attacco, ed è Dincic a beccarsi l’ennesima stoppata di Fokou, la zona dei capitolini ingabbia Bagnoli che fatica tantissimo a ricevere, con Mouaha che torna in campo Bizzozi tenta il tutto per tutto. A firmare però il nuovo vantaggio HSC è un dominante Fokou in schiacciata, a 3′ esatti dalla fine (72-71), sempre il classe 2000 a ribadirlo dopo il 2-1 di un eroico Bagnoli, ma Dincic non pecca di lucidità con 2/2 dai liberi, lucidità che Napoli mostra anche in difesa. Infatti Fokou e Costi sparacchiano da tre, la Gevi sfrutta Bagnoli come perno tattico e Di Viccaro va a segno da 3. Fokou va fino in fondo, dall’altra parte Dincic perde palla ma Chiera è provvidenziale, un fallo fatale di Bruni offre a Di Viccaro tre liberi che il cecchino azzurro non può sbagliare (76-81 a 35”). Dopo il time-out disperato di Bizzozi, Mouaha si prende il fallo ma va di 1/2 dalla lunetta, HSC che va di pressione a tutto campo e recupera, altra gita di Mouaha a 15” e stavolta c’è il 2/2 (79-81), costringendo Lulli a un contro time-out. In uscita Bruni saluta il parquet e manda Guarino in lunetta, al suo 2/2 Mouaha non risponde di pari moneta e deve arrendersi: la sua tripla sulla sirena finale, dopo l’1/2 di Bagnoli salva lo scontro diretto a favore, ma Napoli passa 84-82.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy