Serie B – Olginate tira con pessime percentuali e cade sul campo di Cremona

di Federico Di Domenico

Al Palaradi di Cremona La Missoltino.it Olginate arriva con soli due punti di irtardo in classifica
e soprattutto in un momento positivo reduce dal tris di successi e quindi intenzionata a
prolungare la propria striscia per posizionarsi nella parte tranquilla della classifica. Cremona,
partita con velleita’ di alta classifica, ha avuto qualche passo falso che l’ha spinta ad inserire in
settimana un pezzo da novanta come Momo Toure’ prelevato da Pavia e pronto al debutto.
Anche sulla panchina c’e’ il debutto di Coach Crotti che deve fare a meno di Gints Antrops.
Nelle file di NPO riappare Tagliabue, dopo il malanno di settimana scorsa e che potra’ essere
utile per contrastare la torre Klyuchnyk.
Purtroppo, nonostante i presupposti ed il duro lavoro settimanale, I ragazzi di Coach Oldoini
incappano nella tipica serata in cui tutti hanno le mani ghiacciate ed il canestro sembra che abbia
il tappo. Basta guardare le percentuali e troviamo un misero 27% al tiro dal campo con
addirittura il 10% (3/30) dall’arco e ben 17 palle perse che peseranno come dei macigni sul
bilancio del risultato anche perche’ la Juvi ha fatto poco meglio al tiro chiudendo con il 34% ed
il 6% da 3.
Insomma, una partita che non ha entusiasmato, ma che e’ sempre stata viva e intensa per i grandi
sforzi difensivi. Cremona ha giocato per tenere bassi i ritmi e non farsi schiacciare dall’atletismo
della Missoltino cercando di contenere i vari Lenti, Negri, Brambilla e finendo per offuscare loro
stessi che hanno perso la via del canestro e se non fosse stato per la coppia Bona (MVP) e il
neoacquisto Toure’ autori di 31 punti ovvero il 56% della squadra avrebbero rischiato di assistere
ad un finale differente.
Venendo alla cronaca, i due coach schierano il loro solito starting five: Bona, Mercante,
Masciarelli, Klyucnyk, Crescenzi Per la Juvi e Bloise, Giannini, Negri, Avanzini, Lenti per la
NPO.
Le due formazioni partono con le polveri bagnate e molti errori e al 4’ si e’ sul 5-4.
Cremona aumenta la velocità’ di esecuzione con l’innesto di Toure’ e Vacchelli ma arrivano le
prime triple NPO per l’11-10 e con il jumper di Negri primo sorpasso 11-12 all’8’.
Alla prima sirena, Cremonaa va ai box avanti 13-12 grazie al percorso netto di Bona dalla
lunetta.
Il secondo quarto inizia con Cremona molto aggressiva ed Olginate che fatica a costruire i suoi
giochi mentre Cremona mette a segno 5 di punti e primo strappo 18-12 al 14’. Negri mette il suo
sigillo da tre che interrompe il break di 7-0 e accorcia sul 18-15.
L’incontro non decolla offensivamente e le azioni sono costellate da errori al tiro e palle perse
con giocate lente e scontate probabilmente la posta in palio mette pressione ai giocatori.
L’aspetto positivo per la MISSOLTINO e’ che Tagliabue si iscrive a referto e al riposo lungo si
va sul 23-21, tipico score da minibasket.
Dopo il riposo la situazione non cambia e ci vuole il solito Bona per vedere il primo centro dopo
3’ ben imitato da Giannini.
Lenti inizia a carburare nel pitturato e dalla lunetta arriva l’aggancio del 25’ ed il sorpasso arriva
con lo specialista Ambrosetti ed Olginate mette la freccia del sorpasso che carica difensivamente
i lecchesi che vanno sul +4 (27-31).
Proprio nel momento in cui l’inerzia sembra totalmente nelle mani della Missoltino arrivano due
banali errori sciupando facili appoggi e che involano Toure’ che avvia un break di 8-0 e
controsorpasso 35-31 all’ultima sirena.
Partita più’ aperta che mai, ma Olginate e’ irriconoscibile al tiro con un misero 12/41 che
significa 29% mentre Cremona e’ al 31% tutto frutto del 3/3 di Toure’.
Nell’ultima frazione la situazione non si modifica e le formazioni rimangono incollate ad un
possesso di distanza fino al 35’ sul 38-41. Ma lo strappo e’ dietro all’angolo in quanto in una
partita di queste percentuali basta segnare per due azioni e si allunga e Cremona lo fa con le
seconde linee Vacchelli e Giulietti scaltro a buttarsi sull’attacco di Lenti che invece di un facile
appoggio gli viene fischiato fallo in attacco e cosi’ Cremona vola a +7 con 4’ da giocare.
Il vantaggio spinge Olginate ad affrettare gli attacchi che, seppur costruisca buoni tiri, rimane a
bocca asciutta. Sul fronte Juvi l’esperienza di Bona (MVP con 20 punti) fa la differenza e dalla
lunetta non sbaglia nulla e mantiene i suoi avanti di 6 punti nonostante sul fronte opposto ci sia
Lenti che non vuole arrendersi e con 8 punti nel quarto sancisce la sua ennesima doppia doppia
con 12 punti e 11 rimbalzi ma i due punti rimangono a Cremona con il risultato 55-47 finale.
Un vero peccato perché’ se Olginate avesse giocato come nell’ultimo mese avrebbe vinto a mani
basse ed invece, Cremona e’ stata abile ad imbrigliare il gioco corale ed in velocita’ dei ragazzi
di Coach Oldoini mantenendo l’incontro sui binari ad essa piu’ consono aggiudicandosi la
vittoria e rimannedo al terzo posto in classifica mentre Olginate rimane al 5 posto del girone e
dovra’ continuare a lottare per mantenersi a centro classifica in attesa dell’imminente seconda
fase

I tabellini:
JUVI CREMONA: Masciarelli 3, Varaschin 4, Toure’ 10, Bona 20, Klyuchnyk 11,
Mercante, Bonavida ne, Giulietti 5, Crescenzi, Korsunov ne,
All. A. Crotti
MISSOLTINO.IT OLGINATE: Bloise 11, Giannini 7, Negri 7, Donega’ ne, Tagliabue 6,
Lenti 12, Ambrosetti 2, Marazzi ne, Chiappa ne, Tremolada, Avanzini 2, Brambilla,
All. Max. Oldoini

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy