Serie B – Omegna gelata da Piombino all’ultimo secondo

Una serata straordinaria a Piombino , fuori fiocca la neve, non succedeva dal 2010 e anche dentro al Palatenda accade qualcosa di straordinario.

di La Redazione

Una favola di quelle da raccontare ai nipotini quando si diventa vecchi. Scende a Piombino la super squadra del girone A, Omegna, squadra costruita per vincere il campionato e che infatti sta dimostrando tutta la sua superiorità, 21 vittorie su 23 incontri, risultati ottenuti scontando ogni match assenze importanti. Anche stasera nelle fila rossoverdi oltre a Milani assente oramai da moltissimo, mancavano Dip e anche il giovane e bravo Brigato non è disponibile, rientra Simoncelli, anche se ovviamente non è al massimo. Ma Omegna è in grado di mettere in campo comunque grande qualità e nei primi due quarti lo dimostra appieno, un intensità difensiva mostruosa crea enormi difficoltà ai giallobu, non a caso i rossoverdi sono la miglior difesa del campionato, con poco più di 61 punti subiti di media. In area omegnate Piombino non entra praticamente mai, Persico, nonostante i tre falli di Di Pizzo unico lungo di ruolo a disposizione di coach Ghizzinardi, è costretto a cercar fortuna con scarsi risultati da fuori, in attacco gli ospiti sono micidiali, un Arrigoni devastante apre dalla distanza il primo breck, 9 a 0 dopo 3’, nel primo quarto Piombino si aggrappa alle capacità balistiche di un Fontana ispiratissimo, tre sue bombe e una di Bianchi frenano il tentativo di fuga di Bruni e compagni, contenendo il distacco a soli 5 punti, 18 a 23. Inizio secondo quarto stesso tema del primo breck di 8 a 0 con Bruni e le bombe di Fratto e Simoncelli, Procacci con una bomba stoppa la fuga e i rossoverdi cominciano a scendere dalle medie da extraterrestri con cui hanno tirato fino a qui e il Golfo rientra fino a meno 2 a 2’ dal riposo lungo, ma al minimo calo Omegna torna schiacciasassi e con la premiata ditta, Fratto , Arrigoni e Torgano chiude sul più 11, 33 a 44. Negli spogliatoi Andreazza prova ad aggiustare le cose che non andavano e al rientro è un altro Piombino. Dopo il più 13 firmato Di Pizzo, il Golfo inizia a trovare anche soluzioni dall’area e con Procacci, Pedroni e Malbasa si riporta sul meno 5, la partita diventa molto equilibrata e quando il Golfo non segna da sotto, ci pensa Fontana da fuori ( 5 su 8 da tre), una sua bomba chiude il quarto sul 54 a 59. Il palasport piombinese è una bolgia, ora anche il pubblico più scettico ci crede e quando la parabola altissima di Bianchi da tre si spenge dentro la retina, dando il primo vantaggio a Piombino 61 a 59 a 7’ dal termine, la temperatura che fuori sta precisando, dentro sale a livello da inferno dantesco. Procacci e Torgano si sfidano da tre e ne mettono due per parte in pochi minuti, Persico lotta come un leone in area e firma il più 2 a 4’ dal termine, Procacci e Malbasa non sono precisissimi dalla lunetta e una bomba di Fratto riporta avanti i rossoverdi, Persico si conquista un rimbalzo offensivo e dalla lunetta firma il nuovo sorpasso, 73 a 72 a 1’18’’ dalla sirena, la palla diventa pesantissima Piombino morde in difesa e con Procacci conquista due tiri dalla lunetta, il play fa uno su due e rimangono 9 secondi a Omegna per l’ultima azione. Timeout rossoverde e alla ripresa Arrigoni pressatissimo infila la bomba del 74 a 75. Cala il gelo al Palatenda , il sogno sembra oramai svanito, solo 4 decimi sul cronometro, timeout Andreazza. Rimessa Procacci che serve Fontana, tiro e Benedusi commette fallo, il palazzetto esplode e dopo le vibranti proteste di Omegna, Fontana dalla lunetta è glaciale, non ha mai sbagliato e non sbaglia nemmeno stavolta, 76 a 75 sirena e festa grande per i gialloblu. Quarta vittoria consecutiva, decima di fila al Palatenda, salvezza matematicamente raggiunta, e playoff in cassaforte, visto che negli ultimi 5 anni nessuna squadra a quota 34 è mai rimasta esclusa e ciliegina, un fantastico ed impensabile terzo posto in classifica e il sogno continua.

Solbat Basket Golfo Piombino: Edoardo Fontana 25 (1/4, 5/8), Alessandro Procacci 16 (2/8, 3/8), Dorde Malbasa 11 (5/12, 0/1), Edoardo Persico 11 (3/11, 0/0), Camillo Bianchi 6 (0/4, 2/5), Edoardo Pedroni 5 (0/2, 1/3), Giacomo Guerrieri 2 (1/2, 0/1), Yuri Bazzano 0 (0/0, 0/0), Niccolò Pisolesi 0 (0/0, 0/0), Tommaso Mezzacapo 0 (0/0, 0/0), Alessio Iardella 0 (0/0, 0/0), Riccardo Crespi 0 (0/0, 0/0)

Tiri liberi: 19 / 25 – Rimbalzi: 35 13 + 22 (Dorde Malbasa 9) – Assist: 12 (Alessandro Procacci 8)

Paffoni Omegna: Marco Arrigoni 24 (5/9, 4/7), Francesco Fratto 17 (4/9, 3/7), Marco Torgano 15 (3/6, 3/5), Nicolò Benedusi 6 (2/3, 0/1), Marco Di pizzo 5 (1/1, 0/0), Alex Simoncelli 4 (0/0, 1/6), francesco Villa 2 (0/0, 0/2), Giovanni Bruni 2 (1/1, 0/0), Gionata Guala 0 (0/0, 0/0), Riccardo Ramenghi 0 (0/0, 0/0), Kevin Brigato 0 (0/0, 0/0), Marcelo Dip 0 (0/0, 0/0)

Tiri liberi: 10 / 11 – Rimbalzi: 37 7 + 30 (Marco Arrigoni 10) – Assist: 17 (Giovanni Bruni 6)

FONTE: Uff. Stampa Basket Golfo Piombino

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy