Serie B – Palermo si sveglia tardi, colpo in Sicilia per l’HSC

Rammarico per il Green, che nel finale ha lottato con grinta e determinazione: non è bastato, i romani si impongono 78-85.

di La Redazione

Dopo la sconfitta rimediata al PalaSassi di Matera, il Green Basket torna a giocare al PalaMangano di Palermo: la squadra di Priulla affronta la In Più Broker Roma di Stefano Bizzozi, reduce da una bella e vincente prestazione contro la Virtus Arechi Salerno.

Il match inizia con ritmi altissimi: il primo canestro è degli ospiti con Cosimo Costi, bravo a finalizzare un’azione corale dei capitolini. Andrea Lombardo esalta subito il pubblico con una bella bomba da tre, alla quale segue in fotocopia la realizzazione di Keller. È ancora Costi a concretizzare gli attacchi ospiti, questa volta dall’arco, ma il Green reagisce subito con Caronna che realizza due volte consecutivamente. La partita è assai gradevole, entrambe le formazioni si affrontano senza alcun tipo di timore reverenziale reciproco. Andrea Lombardo continua a far divertire i sostenitori sugli spalti con triple magistrali, i capitolini rispondono però con i canestri da tre di Costi e Fokou, entrambi a segno due volte consecutive: si va al secondo quarto sul parziale di 17-26 in favore della formazione romana.

Il secondo tempo di gioco si apre con diversi errori commessi in fase di tiro, senza canestri per due minuti circa. Sono gli ospiti a spezzare il digiuno con Bruni, preciso dall’area: è +11 in favore della In Più Broker Roma. È Svoboda a svegliare il Green dal sonno sotto canestro; poco dopo Pucci riconquista palla, si invola da solo e mette a referto due punti. Il copione della gara sembra non cambiare: i padroni di casa tengono testa ai capitolini, bravi a mantenere altissima la concentrazione in entrambe le fasi di gioco. Gli ospiti schiacciano il piede sull’acceleratore e, grazie ai canestri di Mouaha, prendono una buona distanza di vantaggio: +13 e timeout per Priulla. Peroni trova due punti al rientro dopo la strigliata generale del coach, Giancarli realizza due tiri liberi. Anche Andrea Lombardo è bravo dalla lunetta, il Green torna sul -6: i palermitani hanno annullato per tre volte i possessi avversari e concretizzato gli attacchi conseguenti. Prima della sirena, però, gli ospiti trovano due canestri in sequenza: si va negli spogliatoi sul parziale di 33-42 in favore della formazione romana.

I primi due minuti del terzo tempo volano via senza canestri, con errori evidenti da parte di entrambe le squadre. Mouaha spara poi, quasi infastidito, una bomba da distanza siderale e porta sul +12 la squadra romana. Il Green segna dopo quasi quattro minuti il primo canestro del tempo con Andrea Lombardo in contropiede, le api pungono ancora da tre con Costi. Poco dopo, Mouaha trova un’altra tripla dall’arco ed aumenta le distanze tra le due compagini. La formazione di Priulla prova a reagire ma la squadra di Bizzozi arriva prima sui palloni e difende con grande determinazione. La mira del Green, peraltro, non è precisissima e gli attacchi dei palermitani non sortiscono gli effetti sperati. Svoboda risveglia i suoi con il pezzo forte della casa, il tiro da tre, ma Costi lo imita poco dopo: è +17 In Più Broker Roma. Si va all’ultimo atto sul punteggio di 50-63 per la squadra capitolina.

L’ultimo quarto si apre con una bella realizzazione dall’arco di Dron, seguita dal canestro di Svoboda. Costi segna ancora da tre, il capitano lo imita poco dopo. Svoboda riceve da Paunovic e finalizza dall’arco, riportando a -10 i suoi. Fokou e Dron, però, spingono ancora indietro i palermitani con due bombe da tre punti. Paunovic trova un bel canestro da tre, che riporta a -12 il Green. La squadra di Priulla ci prova, sospinta anche dalla carica del palazzetto, ma la formazione capitolina però continua a segnare e a non mostrare segnali di stanchezza in campo. Gli animi in campo si scaldano, le decisioni arbitrali, parecchio dubbie, suscitano le proteste dei giocatori e del pubblico. Andrea Lombardo, poco dopo, riapre i giochi con una tripla magistrale, portando sul -6 il Green a un minuto dalla fine. Nel finale ancora polemiche per le scelte dei direttori di gioco, obiettivamente poco lucide e quasi a senso unico. Dron trova una bella conclusione dall’arco, che spegne così definitivamente le speranze di rimonta palermitane. Non c’è più tempo, la In Più Broker Roma espugna il PalaMangano: 78-85 il risultato finale. Rammarico per la squadra di Priulla, che ha lottato con grinta e determinazione ma si è comunque svegliata solo nel tempo finale, mettendo in grandissima difficoltà gli avversari. Adesso testa alla trasferta di Roma contro la Iul Basket: lì occorrerà necessariamente vincere per sperare ancora nella salvezza diretta.

FONTE: Ufficio Stampa Green Basket Palermo

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy